in

Analisi del prezzo delle azioni UniCredit

Presentazione generale della società UniCredit

UniCredit è un gruppo italiano tra i leader del settore bancario europeo. La sua attività è concentrata in diversi settori bancari, soprattutto retail banking, ma anche business, investment e market finance banking, nonché asset management. Un’altra parte del suo reddito è generata dalle attività in Polonia, Europa centrale e orientale.

Con non più e non meno di 9.000 agenzie nel mondo, UniCredit gestisce più di 400 miliardi di euro di depositi e 500 miliardi di euro di crediti.

Conosci la concorrenza delle azioni UniCredit

UniCredit è ancora oggi la più grande banca italiana, che cerca di prendere piede nel mercato europeo. Tuttavia, deve affrontare anche una forte concorrenza da parte di altre grandi banche del paese, che vi suggeriamo di scoprire qui in modo più dettagliato. Per questo vedremo l’elenco dei principali gruppi bancari italiani, classificati in ordine di importanza nel mercato. Si consiglia vivamente di ricercare queste banche concorrenti prima di iniziare a negoziare azioni UniCredit online per effettuare un’analisi fondamentale del settore bancario italiano il più accurata possibile.

  • Intesa Sanpaolo
  • Cassa Depositi e prestiti
  • Monte Dei Paschi di Siena
  • UBI Banca
  • Banco BPM
  • Banca Nazionale del Lavoro
  • Mediobanca

Alleanze strategiche stabilite dal gruppo UniCredit

UniCredit cerca di svilupparsi in Italia, oltre che all’estero, soprattutto creando alleanze strategiche con diverse società. Vi suggeriamo quindi di scoprire qui alcune delle più importanti associazioni lanciate dal gruppo.

  • Renault e Nissan:  i gruppi Renault e Nissan hanno  creato una joint venture di finanziamento in Russia con il gruppo Unicredit nel 2013.
  • IBM: Sempre nel 2013,  IBM ha  concluso una partnership decennale con la società UniCredit, specializzata in servizi bancari e finanziari. IBM ha consentito a UniCredit di spostare la propria infrastruttura IT nel cloud.
  • Amundi: UniCredit e Amundi hanno finalmente annunciato, nel 2014, la firma di una partnership per il finanziamento dell’economia reale attraverso fondi di prestito per le PMI tedesche. Questa prima transazione è stata di 25 milioni di euro.

Vantaggi e punti di forza delle azioni UniCredit come asset quotato

Ricordiamo innanzitutto che il gruppo UniCredit occupa una posizione vantaggiosa nel proprio settore di attività, che è il settore bancario. Attualmente, infatti, questa organizzazione bancaria continua ad essere la più grande banca in Italia, cosa che le conferisce una certa stabilità rispetto ai concorrenti nazionali. Tuttavia, UniCredit gode di una buona posizione anche al di fuori del proprio paese di origine e in Europa. Il gruppo bancario è anche uno dei leader nel settore dei servizi finanziari europei, il che è anche un altro vantaggio interessante per ovvi motivi.

UniCredit può anche godere di un marchio forte che è facilmente riconoscibile sia in Italia che in Europa. Questo nome ha contribuito all’immagine del marchio dell’azienda, che si è rafforzata nel tempo e oggi è un elemento che la identifica tra molti clienti consumatori.

Dal punto di vista del posizionamento geografico del gruppo UniCredit, si segnala inoltre la buona distribuzione delle sue attività in tutta Europa e in alcuni paesi del mondo. UniCredit, infatti, impiega attualmente 170.000 persone in più di 22 paesi.

Infine, gli investitori e gli azionisti di questi titoli sono rassicurati dalla situazione finanziaria particolarmente sana del gruppo UniCredit in un momento in cui la maggior parte delle banche è criticata per questo aspetto e ha difficoltà a rispettare le normative europee in vigore. Possiamo in particolare sottolineare come un vero punto di forza di questa banca la sua capacità di ridurre i costi operativi per diversi anni e in modo costante.

Svantaggi e punti deboli delle azioni UniCredit come asset quotato

Innanzitutto, sebbene il gruppo UniCredit sia conosciuto come uno dei principali gruppi finanziari in Europa, bisogna anche sottolineare che gli asset che possiede sono di bassa qualità, cosa che incide sul sentiment degli investitori e che spesso fa puntare critiche e analisti al gruppo.

Quando si tratta di ricavi del gruppo, questi sono anche un grande punto debole. I dati sulla remunerazione di questo gruppo bancario sono ancora oggi insufficienti e relativamente bassi rispetto alle aspettative degli specialisti. L’utile operativo della società, in particolare, mostra segnali di debolezza ed è in costante calo da diversi anni nonostante la buona gestione dei costi operativi. Pertanto, UniCredit ha ancora molto da fare per raggiungere un buon equilibrio di redditività.

Nonostante il recupero della situazione finanziaria dell’azienda, UniCredit soffre ancora di ricadute dovute alle sue vecchie disavventure. Nel 2015, infatti, il gruppo bancario non è stato in grado di soddisfare i requisiti patrimoniali previsti dallo SREP. Questo evento gli ha causato molti danni e ha portato a un calo significativo del prezzo dei suoi titoli in borsa. Sebbene la situazione sia oggi un po ‘più ottimistica, molti investitori sono ancora riluttanti nei confronti di questa banca. Questo sentimento del mercato è stato guidato anche dai rilasci delle prestazioni del 2016. Durante quell’anno, il gruppo mostrava ancora segni di debolezza con una performance complessiva inferiore alla media sotto l’ABE. Anche nel 2016

Domande frequenti

Qual è il rendimento e l’utile per azione di UniCredit?

Attualmente, per l’anno fiscale 2019, il rendimento per azione di UniCredit è del 7,51%. Nel 2018 era dell’8,02% e il rendimento provvisorio per il 2020 è stimato, per il momento, al 7,87%. Per quanto riguarda l’utile netto per azione, si è deciso di pagare agli azionisti 1,60 euro per azione per l’anno 2019, e si stima che l’utile per azione sarà dell’1,69% nel 2020. Si segnala che nel 2018 tale somma era di 1,46 euro a titolo.

Dove controllare i risultati finanziari del gruppo UniCredit?

Se vuoi conoscere quasi in tempo reale gli ultimi risultati finanziari del gruppo UniCredit ed essere a conoscenza delle date delle prossime pubblicazioni o dei dati finanziari storici di questa banca, puoi leggere la sezione del suo sito web riservata agli investitori. Troverete, ad esempio, il calendario preciso delle prossime pubblicazioni previste, nonché i risultati annuali e trimestrali completi e precisi.

Qual è il rendimento annuo delle azioni UniCredit?

Nell’ultimo anno, nel 2019, il prezzo più basso raggiunto da UniCredit è stato di 6,42 euro, mentre il prezzo più alto è stato di 14.442 euro. Il volume medio di vendita mensile di questi titoli è stato di 38.749.706 titoli ad un prezzo medio di 9,27 euro. Ovviamente questi dati possono evolversi nel tempo e, quindi, ti consigliamo di consultarli direttamente dai grafici del tuo broker.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Analisi del prezzo delle azioni Generali

Analisi del prezzo delle azioni Generali

Análisis de la cotización de las acciones de Saipem

Análisis de la cotización de las acciones de Saipem