in

Banche e tasse in Corea del Sud: guida completa sull’apertura di un conto bancario e sulla gestione delle tasse

Che tu ti trasferisca in Corea del Sud solo per pochi mesi o per pochi anni, vorrai sapere come gestire le tue finanze. La Corea del Sud è una destinazione popolare tra gli espatriati, grazie in gran parte ai suoi stipendi interessanti e al grande potenziale di risparmio. Tuttavia, data questa reputazione, gli espatriati potrebbero essere sorpresi nell’apprendere che, a seconda dello stipendio, la fascia di imposta sul reddito del paese può salire fino al 42%.

Gli espatriati che si trasferiscono in Corea del Sud dovranno conoscere i dettagli dei conti bancari coreani e il sistema fiscale prima di trasferirsi. Ad esempio, una cosa importante da sapere è che non solo le banche hanno orari limitati, più limitati di quelli a cui potrebbero essere abituati gli espatriati dai paesi occidentali, ma anche i bancomat. Sebbene gli sportelli automatici siano facilmente disponibili in tutto il paese, ti consigliamo di annotare gli orari dei bancomat della tua banca personale. I vestiboli sono spesso chiusi a chiave a mezzanotte. Nelle banche più piccole, possono essere bloccate anche prima.

Gli orari bancari in tutto il paese sono dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 16:00. Tieni presente che alcune banche potrebbero chiudere per un’ora durante il pranzo. Le banche generalmente non sono aperte nei fine settimana.

Poiché la Corea del Sud è diventata un punto di riferimento per gli espatriati, le banche operano allo stesso modo in cui operano in Europa e Nord America. Allo stesso modo, le istituzioni finanziarie sono molto abituate a trattare con gli stranieri e non dovresti incorrere in troppi problemi semplicemente non essendo residente. Alcune banche offrono persino servizi su misura per gli espatriati.

Come aprire un conto bancario in Corea del Sud South

Quindi come si apre un conto bancario in Corea del Sud come non residente? Poiché la Corea del Sud è una destinazione così popolare tra gli espatriati, in particolare i giovani espatriati che desiderano trasferirsi all’estero per alcuni anni per insegnare l’inglese, il processo di apertura di un conto bancario come straniero è abbastanza semplice.

Come posso aprire un conto bancario in Corea del Sud?

Per aprire un conto bancario in Corea, devi visitare la banca di persona. Non è possibile aprire un conto online. L’unico modo per avere un conto bancario in Corea senza visitare di persona una banca è avere già un conto presso una banca internazionale che ha filiali in Corea.

Non è necessario alcun appuntamento per aprire un conto in banca. Devi semplicemente arrivare in banca con tutti i documenti richiesti, selezionare un biglietto per la coda e aspettare il tuo turno. Nelle città più grandi come Seoul e Busan, le banche avranno più membri del personale che parlano inglese. Se vivi in ​​un ambiente più rurale in Corea, potresti dover aspettare che sia disponibile un membro dello staff che parli inglese. A seconda delle dimensioni della città e della filiale della banca, potrebbe essercene solo una, quindi sii flessibile nel caso arrivi in ​​un giorno in cui quella persona non è al lavoro.

Requisiti per aprire un conto bancario come non residente

Uno dei più necessari documenti necessari per la costituzione di un conto bancario in Corea del Sud come un non residente è anche uno dei più grandi ostacoli per gli espatriati: l’Alien Carta di soggiorno (ARC / oegugin deungnok kadeu / 외국인 Come iscriversi 카드 ). Come non residente, devi avere questa carta per aprire un conto bancario coreano. Tuttavia, quando arrivi per la prima volta in Corea del Sud, può essere necessario fino a un mese per ricevere il tuo ARC. Le banche ne sono consapevoli e la maggior parte dovrebbe comunque lasciarti aprire un conto, ma con restrizioni. Ad esempio, potresti essere in grado di prelevare denaro solo da una banca di persona.  

Oltre al tuo ARC, dovrai fornire i seguenti documenti per aprire un conto:

  • passaporto ( yeogwon/bija/ passaporto / visto )
  • visto coreano
  • Numero di telefono coreano ( hangungnae jeonhwabeonho/ 한국내 전화번호 )

A seconda del motivo per cui ti trasferisci in Corea, ti potrebbe anche essere chiesto di presentare un certificato di lavoro ( jaejikjeungmyeongseo/ 재직증명서 ) o documenti universitari se sei uno studente.

Tieni presente che, sebbene non sia comune che la tua richiesta bancaria venga respinta, è possibile. Se una banca ha avuto brutte esperienze con stranieri in passato, potrebbe farti aspettare diversi mesi prima di darti accesso a un conto completamente funzionante (una specie di periodo di prova) o potrebbe negare la tua domanda. Fortunatamente, ci sono molte banche nazionali e internazionali tra cui scegliere in Corea, quindi se dovesse succedere a te, puoi facilmente sceglierne un’altra.

Commissioni bancarie e depositi minimi

Sebbene le politiche varino da banca a banca, la maggior parte degli istituti finanziari coreani offre conti bancari senza commissioni. Dovrebbe essere facile trovare banche che non richiedono un deposito minimo, né hanno commissioni di servizio mensili. Tuttavia, molto probabilmente dovrai pagare una piccola commissione per la tua carta bancomat e, a meno che tu non opti per un conto speciale, pagherai una commissione di prelievo ogni volta che utilizzi un bancomat di un’altra banca.

Tutto ciò che comporta manodopera incorrerà in una tassa. Ad esempio, andare dal cassiere per effettuare una transazione in genere comporta una sorta di addebito per il servizio. Allo stesso modo, effettuare transazioni online può anche comportare una piccola commissione, sebbene sarà inferiore alla commissione per l’utilizzo di un cassiere. 

Ricevere la tua carta

Quando apri il tuo conto in banca, dovresti ricevere la tua carta di credito lo stesso giorno (anche prima di lasciare la banca). Creerai anche il tuo codice PIN per la tua carta e ti verrà dato un libretto per registrare tutte le tue transazioni bancarie. Sebbene l’inglese stia diventando più diffuso in tutta la Corea, le traduzioni in inglese nelle app mobili sono ancora limitate. Molto probabilmente sarai in grado di utilizzare un’app per le tue transazioni bancarie, ma i servizi saranno limitati.

Le migliori banche in Corea del Sud per gli espatriati

Essendo un paese cosmopolita e in rapida crescita, la Corea del Sud ha molte banche tra cui scegliere. Le seguenti sono alcune delle opzioni più popolari tra gli espatriati a causa della loro presenza diffusa nel paese, delle offerte di account e della disponibilità in inglese:

  • Banca Kookmin (KB)
  • Standard Chartered Bank Corea
  • Hana Bank
  • Banca Woori
  • Banca Shinhan

Le migliori banche internazionali in Corea del Sud

  • HSBC
  • CitiBank
  • Banca tedesca
  • Banca DBS
  • Scotiabank

Servizi bancari online in Corea del Sud

Come affermato in precedenza, l’online banking è un’opzione in Corea e ti dovrebbe essere concesso l’accesso online lo stesso giorno in cui apri il tuo account (il cassiere dovrebbe essere in grado di aiutarti ad accedere e registrarti). I servizi bancari in inglese possono essere limitati, quindi alcune delle migliori banche online in Corea del Sud per gli espatriati saranno banche internazionali.

Tieni presente che non è possibile aprire un conto bancario online in Corea del Sud, indipendentemente dal fatto che tu sia residente o non residente. A meno che tu non abbia già un conto presso un’istituzione internazionale prima di arrivare in Corea, dovrai visitare di persona la banca coreana per aprire un conto.

Qual è il sistema fiscale in Corea del Sud?

Se sei uno delle migliaia di espatriati che pensano di trasferirsi in Corea del Sud, ti starai chiedendo com’è il sistema fiscale. Come straniero, sarai felice di sapere che, a differenza dei cittadini coreani, sarai tassato solo sui soldi che guadagni all’interno del paese. La Corea ha anche trattati in atto con diversi paesi, che impediscono ai cittadini di quei paesi di affrontare la doppia imposizione.

Un tempo gli stranieri che vivevano in Corea venivano tassati come residenti coreani standard dopo solo un anno di vita in Corea. Ora, le leggi fiscali coreane stabiliscono che i non residenti sono tassati come residenti solo dopo aver vissuto nel paese per cinque anni su dieci. Ciò si riferisce principalmente all’essere tassati sul denaro non guadagnato in Corea (cioè in tutto il mondo).

Tipi di tasse in Corea del Sud

Essendo un paese altamente sviluppato con un’economia prospera, ci sono molti diversi tipi di tasse in Corea del Sud. Come straniero, è probabile che tu abbia a che fare solo con quanto segue:

  • imposta sul reddito (vedi sotto);
  • tassa di soggiorno (circa il 10%);
  • l’imposta sulle società;
  • imposta sul valore aggiunto (IVA) (circa 10%).

Imposta sul reddito  in Corea del Sud

La stragrande maggioranza degli espatriati che entrano nel sistema fiscale sudcoreano ha la possibilità di scegliere tra un’aliquota fissa o un’aliquota fiscale progressiva basata sul reddito. L’aliquota forfettaria sarà compresa tra il 19 e il 21% del tuo stipendio guadagnato in Corea. Come espatriato, sarai tassato solo su ciò che guadagni in Corea (almeno per i primi cinque anni della tua residenza in Corea). Una persona è considerata un contribuente in coreano dopo che è soddisfatto uno dei seguenti requisiti di residenza:

  • L’individuo ha registrato la propria residenza principale in Corea.
  • L’individuo ha vissuto in Corea per 183 giorni o più.
  • L’individuo ha un’occupazione che richiede loro di risiedere in Corea.
  • L’individuo ha accompagnato i familiari in Corea, in un modo che richiederà loro di risiedere nel Paese per 183 giorni o più.

La tua residenza può anche essere determinata dalle tue circostanze individuali.

Se opti per il tasso più progressivo, scenderà tra il 6 e il 44% a seconda del tuo stipendio. Circa il 9% del tuo stipendio lordo andrà anche al regime pensionistico nazionale (ovvero alla sicurezza sociale), ma la metà sarà a carico del tuo datore di lavoro. A seconda della tua nazionalità, potresti essere in grado di richiedere il rimborso di alcune di queste tasse alla fine di ogni anno fiscale, oppure puoi richiederle alla fine del tuo soggiorno in Corea del Sud.

Tasse per gli insegnanti in Corea del Sud

Poiché l’insegnamento è una carriera popolare per gli espatriati che si trasferiscono in Corea del Sud, coloro che lavorano in questa professione possono essere esentati dal pagamento delle imposte sul reddito per i primi anni di lavoro. Questo vantaggio si applica solo ai cittadini di determinati paesi, quindi è meglio chiamare la tua ambasciata per vedere se si applica a te..

Fascia di imposta sul reddito

Ecco uno sguardo a qual è la fascia media dell’imposta sul reddito e gli intervalli di stipendio per la Corea del Sud.

Reddito KRW Reddito USD Percentuale fiscale
0—12.000.000 0—10.200 6%
12—46.000.000 10.200—39.000 15%
46—88.000.000 39.000—74.800 24%
88—15.000.000 74.800—127.550 35%
150—300.000.000 127,550—255,100 38%
300—500.000.000 255.100—425.200 40%
500.000.000+ 425.200+ 42%

 

Tasse per i lavoratori autonomi in Corea del Sud

Gli espatriati autonomi in Corea del Sud sono responsabili del pagamento del regime di sicurezza sociale del paese, nonché delle tasse sul reddito e di soggiorno. Proprio come con i dipendenti che sono dipendenti di un’azienda, gli espatriati freelance hanno la possibilità di scegliere tra l’aliquota flat tax o l’aliquota progressiva basata sul reddito.

 

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Visti e permessi di lavoro in Corea del Sud: guida ai tipi di visto e ai requisiti per il permesso di lavoro

Visti e permessi di lavoro in Corea del Sud: guida ai tipi di visto e ai requisiti per il permesso di lavoro

Visti e permessi di lavoro a Singapore: guida ai tipi di visto e ai requisiti per il permesso di lavoro

Visti e permessi di lavoro a Singapore: guida ai tipi di visto e ai requisiti per il permesso di lavoro