in

Banche e tasse in Francia: guida completa sull’apertura di un conto bancario e sulla gestione delle tasse

Navigare nel sistema fiscale francese, gestire le finanze in Francia e capire come aprire un conto bancario all’estero può sembrare inizialmente una sfida, ma la nostra guida può aiutare a rendere questo processo molto più gestibile.

Aprire un conto in banca in Francia è una delle tante cose che dovrai fare al tuo arrivo nel tuo nuovo paese d’origine. Potrebbe essere necessario aprire un conto bancario non residente se non si dispone di una carta di soggiorno francese. Gli espatriati residenti in Francia con residenza avranno accesso a una più ampia varietà di conti bancari.

Per coloro con limitate competenze di lingua francese, le banche solo online sono una buona opzione. Stanno diventando molto popolari e, tra le altre agevolazioni che offrono, l’apertura di un conto non richiede una visita a una filiale.

È anche bene tenere presente che il sistema fiscale in Francia richiede che la maggior parte degli espatriati paghi l’imposta sul reddito e un’IVA standard del 20% viene applicata alla maggior parte degli articoli. La nostra guida può aiutarti a comprendere facilmente il conto bancario e il sistema fiscale.

Come aprire un conto bancario in Francia

Se ti stai chiedendo ” posso aprire un conto bancario in Francia  come espatriato “, la risposta è sì, puoi. Sia i residenti che i non residenti possono aprire rapidamente un conto bancario francese. È più facile se sei un cittadino dell’UE, ma è ancora possibile per i cittadini non UE, preparati a fornire documenti aggiuntivi e che ci siano alcune restrizioni con il tuo account.

Come aprire un conto bancario come non residente

Alcune banche ti permetteranno di aprire un conto bancario online prima di trasferirti in Francia, mentre altre preferiscono che il processo venga completato di persona. Anche se riesci ad aprire un conto da remoto, potresti essere obbligato a visitare la filiale di persona una volta arrivato affinché il tuo conto sia pienamente operativo.

Banche diverse richiedono una documentazione diversa per aprire un conto, ma in generale questi sono i requisiti:

  • un valido documento di identità
  • prova dell’indirizzo (può essere una bolletta recente o una copia del contratto di locazione)
  • un contratto di lavoro o una prova di reddito (ad es. buste paga recenti)
  • fondi sufficienti per il deposito iniziale

Se hai la residenza in Francia, hai diritto ad aprire lo stesso tipo di conto di un cittadino francese, un compte courant (un conto corrente). Per aprire questo tipo di conto, avrai bisogno dei documenti di cui sopra, più la tua prova di residenza ( carte de séjour ).

Le migliori banche in Francia

Ci sono molte grandi banche in Francia, che tendono ad essere le scelte più popolari. Hanno più filiali in tutto il paese, rendendo l’attività bancaria molto più semplice. Alcuni offrono persino conti bancari gratuiti per studenti o giovani sotto i 26 anni. Le principali banche in Francia sono:

  • Bnp Paribas
  • Credito agricolo
  • Société Générale
  • Cassa di risparmio
  • Mutuo di credito

Molte delle principali banche francesi addebitano una commissione per tenere un conto corrente presso di loro. Queste spese tendono ad essere comprese tra 60 e 70 EUR (67-70 USD) all’anno e includono molti servizi diversi come una carta di debito internazionale, bonifici bancari e prelievi di contanti.

Le migliori banche online in Francia

Al giorno d’oggi tutte le banche offrono l’opzione dell’online banking. Tuttavia, negli ultimi anni, le banche solo su Internet sono diventate sempre più popolari in tutto il mondo e la Francia non fa eccezione. Questa sta diventando una scelta popolare tra gli espatriati, poiché queste banche eliminano la necessità di visitare di persona la filiale locale, l’ideale se non sei un francofono sicuro. Questi conti hanno anche spesso commissioni inferiori o nulle oltre a tassi di interesse elevati sui conti di risparmio.

Alcune delle banche Internet più popolari in Francia sono:

  • Ciao banca
  • Banca AXA
  • Banca Allianz
  • Filbanque
  • ING Direct (leader di mercato)

Banche internazionali in Francia

Le banche internazionali sono un’altra buona opzione per gli espatriati perché in genere offrono conti francesi ai non residenti. Alcuni di quelli che puoi trovare in Francia includono:

  • Banca AXA
  • Deutsche Bank Francia
  • HSBC Francia
  • JP Morgan Francia
  • Citibank

I migliori conti di risparmio in Francia

Ci sono alcuni comptes à terme  (conti di risparmio a tempo determinato) che vale la pena esaminare in Francia. Il deposito e la durata del termine determineranno il tuo livello di rendimento. Se prelevi dal tuo conto di risparmio prima della scadenza, ti verrà pagato un tasso di interesse inferiore.

TheBanks.eu scompone un elenco di banche in Francia con il loro tasso di interesse attuale per i conti di risparmio e la durata dei loro termini. Tieni presente che alcune di queste banche richiedono che tu sia residente in Francia per aprire uno di questi conti.

Ci sono anche conti di risparmio regolamentati dal governo per alcuni dei quali non è necessario essere residenti. Sono anche particolarmente allettanti perché sono esentasse. Tuttavia, i tassi di interesse non sono i massimi, con il massimo dell’1,75%.

Trasferimento di denaro internazionale

La maggior parte degli espatriati, a un certo punto, avrà bisogno o vorrà trasferire denaro dal proprio conto di casa al nuovo conto bancario francese, o viceversa. Esistono diversi metodi con costi variabili per ciascuno.

Trasferimenti online

Essendo un processo sicuro, conveniente e relativamente veloce, i bonifici bancari online ( virement bancaire ) sono uno dei metodi di pagamento più comuni al giorno d’oggi, sia a livello nazionale che internazionale. Le banche addebitano questo servizio, anche se va notato che all’interno dell’UE (per qualsiasi importo in euro) una banca non dovrebbe addebitare più di quanto farebbe per un bonifico nazionale. Le tariffe variano a seconda della banca.

Bonifici

In alternativa, se il denaro è necessario più rapidamente, è possibile effettuare un bonifico bancario. I servizi di trasferimento di denaro come Western Union e MoneyGram ti consentono di trasferire denaro in tutto il mondo online o di persona da varie sedi di “agente” in tutto il mondo, su un conto bancario o da riscuotere in contanti (da un agente nel paese di destinazione). Tuttavia, come con le banche, questi servizi addebitano ancora una commissione e spesso hanno tassi di cambio sfavorevoli.

Cambio di valuta

Se sei al di fuori della zona euro e stai cercando di trasferire denaro di un’altra valuta in euro o viceversa, un modo conveniente per farlo è attraverso il “cambio valuta peer-to-peer”. Questi servizi eliminano gli intermediari (cioè le banche), consentendo commissioni più basse e anche tassi di cambio più competitivi. Molte aziende online offrono questo servizio:

  • TransferWise
  • Neteller
  • ValutaFiera
  • PayPal

Tieni presente che il denaro scambiato utilizzando questi siti può essere depositato solo su un conto bancario locale nel paese di destinazione. Ad esempio, se trasferisci da USD a EUR, gli euro possono essere archiviati in qualsiasi conto in euro in un paese dell’Area unica dei pagamenti in euro (SEPA). Pertanto, gli espatriati che si trasferiscono in Francia dovranno aprire un conto bancario francese prima di utilizzare uno di questi servizi. Ogni azienda opera in modo leggermente diverso e ha tariffe variabili, quindi è meglio confrontare e decidere quale servizio è meglio per te.

Commissioni bancarie e deposito minimo

Per legge, le banche in Francia sono tenute a fornire un elenco delle tariffe e un riepilogo completo delle spese sostenute sul conto di un cliente, almeno una volta all’anno. Eventuali modifiche o aumenti delle tariffe devono essere comunicati per iscritto al cliente con almeno tre mesi di anticipo. Ci possono essere spese e commissioni per i seguenti elementi, quindi assicurati di chiedere i costi prima di stabilirti in una banca:

  • Servizio pacchetto
  • Fornitura libretto degli assegni
  • Assegno circolare
  • Carta di credito / debito
  • Prelievi di contanti al di fuori della banca
  • Transazioni online
  • Dichiarazioni
  • Transazioni in valuta estera
  • Ordini permanenti
  • Addebito diretto
  • Conto scoperto
  • Fermare un assegno, una carta o un addebito diretto

Come non residente, potrai aprire un conto non residente compte (conto non residente) con alcune filiali. Tuttavia, dovresti essere consapevole che questi conti in genere tendono a non avere un servizio di scoperto. Possono anche richiedere un deposito più elevato per l’apertura di un conto. In alcuni casi, potrebbe arrivare fino a 10.500 EUR (11.766 USD).

Qual è il sistema fiscale in Francia?

Si dice spesso che i residenti in Francia soffrano di un enorme carico fiscale a causa del modo in cui opera il sistema fiscale. Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), la Francia ha le tasse più alte di tutti i suoi 36 paesi membri. Per un singolo dipendente con un reddito medio e senza figli, il cuneo fiscale medio in Francia è superiore al 45%, ben al di sopra della media OCSE.

Sebbene ci siano molte esenzioni e variazioni a seconda delle dimensioni dell’azienda, del settore e del tipo di lavoro, anche i datori di lavoro sono tenuti a pagare la loro giusta quota di contributi previdenziali ( cotisations sociales ). Generalmente, un datore di lavoro pagherà un totale del 50% del reddito lordo del dipendente alla previdenza sociale.

Questa guida, incentrata principalmente sull’imposta sul reddito, fornisce una pratica panoramica del sistema fiscale francese, che dal 1 gennaio 2019 è passato a un nuovo sistema pay-as-you-earn (PAYE).

Tipi di tasse in Francia

Una delle distinzioni più essenziali nella tassazione riguarda le imposte dirette e quelle indirette. Le imposte indirette comprendono le imposte generali sui consumi (ad esempio l’imposta sul valore aggiunto) e le accise su merci specifiche.

I.V.A.

In Francia, l’IVA è semplicemente chiamata TVA, abbreviazione di Taxe sur la Valeur Ajoutée . Al 20% del valore, l’aliquota IVA francese è al di sopra della media OCSE, ma ancora al di sotto di altre nazioni, come i paesi scandinavi. Inoltre, molti prodotti sono venduti ad aliquota IVA ridotta (es. 10% sul trasporto passeggeri, 5,5% su molti generi alimentari e sulla maggior parte delle utenze e 2,1% sui farmaci soggetti a prescrizione medica coperti dalla sanità pubblica).

TICPE

L’unica che potresti incontrare più spesso in Francia si nasconde dietro l’abbreviazione TICPE: T ax Intérieure de Consummation sur les Produits Énergétiques . Si applica principalmente ai prodotti petroliferi per il riscaldamento del carburante o del carburante. Questo tentativo di frenare il consumo di combustibili fossili, così come il consumo di energia in generale, può influenzare il prezzo del gas per la tua auto, ad esempio.

Tuttavia, l’imposta sul reddito e l’imposta sul patrimonio sono imposte dirette che devi pagare al governo centrale. Alcune altre forme di tassazione diretta o imposte in Francia (tassa di proprietà o spese di gestione dei rifiuti) sono stabilite dal livello locale del tuo comune, dipartimento o regione.

Tasse francesi

Quando si tratta di pagare le tasse sul tuo reddito in Francia, probabilmente ti farai diverse domande: quali fonti di reddito devo prendere in considerazione? Che tipo di sgravi fiscali, detrazioni e crediti possono richiedere? Come calcolo una stima del mio carico fiscale? Quando scade la mia dichiarazione dei redditi?

Questa sezione risponde alle domande più critiche riguardanti l’ impôt sur le revenue  (imposta sul reddito) in Francia, a cominciare da:

Conta come residente fiscale in Francia?

Il tuo modo di fare la dichiarazione dei redditi in Francia dipende dal fatto che le autorità francesi ti considerino un residente fiscale. Il concetto di domicilio fiscale  (residente fiscale) è una questione complicata, e non è necessariamente collegata alla tua residenza in termini di legge sull’immigrazione (ad esempio, il tuo permesso di soggiorno).

In generale, ai fini fiscali si considera residente in Francia se si applica almeno una delle condizioni elencate di seguito:

  • Hai una casa permanente in Francia, dove di solito risiedi tu e la tua famiglia.
  • Trascorri la maggior parte del tuo tempo, 183 giorni all’anno, in Francia.
  • La tua principale fonte di reddito e attività professionale è in Francia, sia come dipendente che come lavoratore autonomo.
  • Il tuo centro di interessi economici si trova in Francia (ad es. investimenti o altre attività).

I residenti fiscali saranno generalmente tassati sul loro reddito mondiale; i residenti non fiscali devono solo pagare le tasse sul loro reddito da fonti francesi. Ci sono anche altre differenze tra residenti fiscali e non residenti quando si tratta di tassazione in Francia, ma in questo articolo non sono specificate ulteriori norme per i non residenti.

Se il tuo paese d’origine ha stipulato un trattato fiscale internazionale ( convenzione fiscale internazionale ) con la Francia, potrebbero esserci disposizioni speciali – ad esempio, per modificare la definizione di cui sopra di residenza fiscale o per evitare la doppia imposizione (ad esempio, offrendo crediti d’imposta all’estero) .

Che tipo di reddito devi dichiarare?

Per semplicità, supponiamo che tu sia un residente fiscale e che debba presentare la stessa dichiarazione dei redditi dei cittadini francesi. Per prepararti a preparare le tasse, fai un elenco di tutte le tue fonti di reddito e verifica se rientrano in una delle seguenti categorie:

  • Reddito da lavoro dipendente (compresi salari, stipendi, benefici in natura come un’auto aziendale, pagamenti di straordinari, bonus)
  • Reddito da lavoro autonomo
  • Redditi da attività agricole, commerciali o imprenditoriali, o da prestazioni professionali (es. da colture, allevamento, selvicoltura, pesca, ecc.; da attività regolari nel commercio, industria, artigianato e artigianato, ecc.; per gli iscritti alle libere professioni , come medici, avvocati, ecc.)
  • Redditi da pensioni (incluse prestazioni pensionistiche, pensioni ai superstiti per vedove e vedovi, prestazioni di invalidità, rendite, pagamenti di alimenti da genitori o ex coniugi, ecc.)
  • Proventi da investimenti (es. da conti correnti, conti di risparmio, depositi vincolati, contratti di società immobiliari, titoli di stato, azioni dei dipendenti, dividendi in genere, ecc.)
  • Redditi da immobili (inclusi affitti per locazioni o alloggi ammobiliati o non, immobili e terreni)
  • Reddito da plusvalenze (ad es. da vendite private di azioni, obbligazioni e titoli; da vendite di proprietà, ecc.)
  • Reddito da capitale mobile
  • Entrate dall’estero

Alcune categorie sopra elencate includono una varietà di fonti di reddito soggette a esenzioni fiscali. Ciò significa che il reddito proveniente da fonti selezionate non verrà aggiunto al reddito imponibile, il che riduce il carico fiscale generale.

Detrazioni fiscali

Oltre alle esenzioni fiscali, è disponibile anche un’ampia gamma di detrazioni fiscali, legate principalmente alle spese pagate. Riducono l’importo del reddito imponibile.

In caso di reddito da lavoro dipendente, le detrazioni si riferiscono alle spese lavorative a carico del contribuente (es. spese per trasferte, spese di trasporto per pendolari, rette per pasti, spese per divise da lavoro, ecc.). L’opzione più semplice per la tua déduction des frais professionnels  sarebbe quella di optare per la detrazione automatica, che ammonta al 10% del tuo stipendio. Tuttavia, se pensi di aver speso più di questo, puoi elencare tutte le spese singolarmente.

Crediti d’imposta

Infine, puoi anche richiedere crediti d’ imposta ( crédits d’impôt ) per determinate spese. Saranno sottratti direttamente dal tuo carico fiscale (non dal tuo reddito imponibile).

Possono essere richiesti crediti per i singoli contribuenti per donazioni a enti di beneficenza, a organizzazioni francesi che servono l’interesse pubblico (ad es. un istituto di ricerca medica, una scuola o un’università, ecc.), nonché a partiti o candidati politici e sindacati in Francia.

Le famiglie di espatriati saranno felici di sapere che ottengono crediti d’imposta per i bambini nell’istruzione secondaria o terziaria e per l’assistenza all’infanzia fuori casa. Ulteriori crediti si applicano alle spese per il personale domestico, alle spese per anziani o disabili non autosufficienti in cure speciali, ai mutui per i proprietari di abitazione e altro ancora.

Una politica fiscale speciale per espatriati selezionati

A determinate condizioni, gli espatriati che vivono in Francia possono beneficiare di ulteriori vantaggi. Per rendere la Francia più attraente per dipendenti e dirigenti altamente qualificati provenienti dall’estero, le autorità francesi hanno ideato un cosiddetto régime fiscal des impatriés  (una particolare politica fiscale per gli espatriati in Francia).

Tuttavia, questa politica fiscale si applica solo a un piccolo gruppo di espatriati che si trasferiscono in Francia. Devono essere mandati a lavorare per, o assunti da, un’azienda francese. Inoltre, possono beneficiare di questa polizza solo se non sono stati residenti fiscali in Francia da almeno cinque anni prima della data di inizio presso la società francese. Devono anche diventare residenti ai fini fiscali una volta arrivati.

Se soddisfano tutte queste condizioni, gli espatriati di quella categoria beneficeranno dei privilegi elencati di seguito:

  • Esenzione fiscale sulle indennità di mobilità (spese di trasloco e trasferta).
  • Nel caso in cui ricevano un’indennità per il trasferimento in Francia come parte del loro nuovo stipendio (un “premio di impatriation” o prime d’impatriation ), il premio sarà esente dall’imposta sul reddito francese.
  • Inoltre, se hanno bisogno di lavorare temporaneamente all’estero per conto del loro nuovo datore di lavoro, anche questa parte del loro reddito da lavoro dipendente mondiale non è imponibile in Francia.
  • Tuttavia, ci sono alcuni limiti a queste esenzioni fiscali. Ad esempio, il cumulo delle esenzioni dal “premio d’espatrio” e del salario percepito all’estero non può superare il 50% della retribuzione complessiva.

Imposte sui lavoratori autonomi in Francia

Per quelli con uno spirito imprenditoriale, la Francia ha qualcosa chiamato un sistema fiscale per le microimprese a cui possono beneficiare i liberi professionisti e le persone che possiedono le proprie aziende. Dovrai dichiarare ufficialmente le tue attività presso il Centre de Formalité des Entreprises (Centro di formalità aziendale).

C’è un’opzione piuttosto vantaggiosa che ti permette di beneficiare di un’aliquota fiscale semplificata e ridotta: paghi le tasse e i contributi una volta al mese o trimestralmente, in base ai tuoi guadagni. Ciò significa che se non hai fatto soldi, non paghi le tasse.

Puoi anche richiedere l’ACCRE. Questo è per i lavoratori autonomi sotto i 27 anni che pagano minori spese durante i primi tre anni di attività.

Con lo stato di attività del micro-imprenditore, c’è un limite a quanto puoi guadagnare: 33.100 EUR all’anno (37.092 USD). Se pensi che la tua attività supererà questo limite, puoi optare per lo stato di Entreprise Individuelle . Come il sistema di microimprenditori, l’opzione Entreprise Individuelle addebita solo in base a ciò che guadagni.

Scaffali fiscali per la Francia

Una volta che conosci il tuo reddito imponibile (cioè il reddito lordo totale meno detrazioni ed esenzioni), puoi calcolare una stima del tuo carico fiscale lordo. Allora, qual è l’aliquota dell’imposta sul reddito in Francia?

Per l’anno fiscale 2018, il reddito medio in Francia è stato generalmente tassato alle seguenti aliquote.

  • Un reddito netto fino a 9.964 EUR (37.089 USD) è esentasse: questa è la tua detrazione fiscale personale.
  • L’aliquota fiscale è del 14% per un reddito compreso tra 9.964 e 27.519 UE (37.089–30.831 USD).
  • Per un reddito compreso tra 27.519 e 73.779 EUR (30,831-82.659 USD), è del 30%.
  • Sale al 41% per tutti i redditi netti compresi tra 73.779 e 156.224 EUR (82.659-175.041 USD).
  • Nell’ultimo scaglione fiscale (oltre 156.224 EUR (175.041 USD)) si applica l’aliquota massima del 45%.
  • Inoltre, ci sono ulteriori tariffe per i contribuenti ad alto reddito che guadagnano più di 250.000 EUR (280.066 USD) all’anno.

I non residenti di solito pagano un’aliquota del 30% sul reddito francese.

Quoziente familiare

Prima di tirare fuori la calcolatrice, devi considerare il quoziente familiare  (quoziente familiare). Poiché i coniugi e i partner di un pacte civile de solidarité  (unione civile contrattuale) presentano solitamente una dichiarazione congiunta, il quoziente familiare  tiene conto dello stato civile del contribuente e del numero dei familiari a carico (figli, parenti anziani, ecc.).

Il reddito imponibile di tutti i componenti del nucleo familiare viene sommato e diviso per il rispettivo quoziente familiare. Il reddito risultante è quindi assoggettato alle aliquote sopra elencate; l’importo delle imposte dovute viene moltiplicato nuovamente per il coefficiente per determinare l’onere fiscale per il nucleo familiare.

Introduzione della ritenuta d’acconto per i dipendenti

A partire dal 1 gennaio 2019, i residenti fiscali sono soggetti a una ritenuta alla fonte mensile o a una tassazione alla fonte ( prélèvement à la source ). Devono ancora pagare le tasse come di consueto nella primavera del 2019, ma in autunno riceveranno un accertamento fiscale basato sulla loro situazione fiscale del 2018.

A partire dal 1° gennaio 2019, l’imposta sarà trattenuta dal datore di lavoro francese e riportata sulla busta paga. L’importo della ritenuta d’acconto sarà adeguato ogni anno.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Recensione di Bitpanda: come funziona, pro e contro

Recensione di Bitpanda: come funziona, pro e contro

Vechain, cos’è, come funziona: guida completa

Vechain, cos’è, come funziona: guida completa