in

Banche e tasse in Irlanda: come funziona

Gestire le tue finanze in Irlanda è semplice e gli espatriati scopriranno che potrebbero persino essere autorizzati ad aprire un conto bancario il primo giorno che arrivano nel paese.

Se hai bisogno di aprire un conto bancario irlandese o vuoi conoscere il sistema fiscale, questa sezione ti aiuterà a capire come gestire le tue finanze in Irlanda.

In generale, essere straniero non ti metterà in svantaggio quando affronti questioni di denaro nell’Isola di Smeraldo. Per la maggior parte delle banche in Irlanda, tutto ciò che dovresti fare per aprire un conto è verificare la tua identità e dimostrare la tua intenzione di rimanere nel paese come più di un semplice turista.

Continua a leggere per saperne di più sull’apertura di un conto bancario e sulla comprensione delle tasse in Irlanda.

Come aprire un conto bancario in Irlanda

Imparare ad aprire un conto in banca in Irlanda è abbastanza semplice, anche per i non residenti. A differenza di altri paesi in cui è necessario disporre di un codice fiscale, disporre di un numero di servizio pubblico personale (PPS) non è un requisito legale per l’apertura di un conto bancario. Se la banca scelta richiede che tu ne fornisca uno, considera un’alternativa.

Posso aprire un conto bancario in Irlanda?

Si, puoi. Il modo più semplice per aprire un conto bancario in Irlanda è recarsi in banca di persona. È possibile aprire un conto online, ma questo dipende dalla banca che si sceglie poiché non tutte offrono questo servizio. Continua a leggere per maggiori dettagli.

Requisiti per aprire un conto bancario come non residente

Per aprire un conto bancario irlandese come non residente, dovrai fornire principalmente due documenti: prova di identificazione e prova di indirizzo.

Documenti richiesti
  • Prova d’identità
    • Questo può essere un passaporto valido del tuo paese d’origine, una patente di guida irlandese/europea o una copia del tuo visto irlandese.
  • Prova di indirizzo
    • Se hai già stabilito la residenza in Irlanda, questo può essere sotto forma di bolletta o del contratto di locazione.
    • Se non hai ancora stabilito la residenza o non hai vissuto lì abbastanza a lungo per ottenere una bolletta, puoi utilizzare una bolletta o un estratto conto del tuo precedente luogo di residenza. In tal caso, tieni presente che potrebbero esserti richiesti due documenti per verificare il tuo indirizzo precedente.
    • Molte banche non accetteranno una bolletta del cellulare come prova dell’indirizzo. Assicurati di portare altre bollette come acqua, luce o gas.

Un terzo documento che può essere richiesto, ma non è standard, è un riferimento di carattere. Questo può essere presentato come una lettera tipo e la cronologia finanziaria della tua banca precedente. Fondamentalmente, tutto ciò che questa lettera deve attestare è che hai avuto una buona situazione finanziaria e non sei un rischio finanziario o una responsabilità.

Commissioni bancarie e deposito minimo

Il fatto che la tua banca richieda o meno una commissione o un deposito minimo dipende dalla banca specifica che utilizzi. In generale, la maggior parte delle banche in Irlanda non richiede una commissione per aprire un conto. E, sebbene molti non richiedano nemmeno un deposito minimo, potresti incorrere in una commissione se il tuo account scende al di sotto di 1.500 EUR (1.650 USD). Alcune banche hanno persino fissato questo saldo a 2.500 EUR (2.760 USD).

Dovresti anche essere pronto a pagare una commissione per la tua carta di debito irlandese. Le banche in Irlanda sono tenute a includere una “imposta di bollo governativa”, che è una piccola tassa che deve essere pagata annualmente sulle carte di debito. Questa commissione è in genere di 2,50 EUR (2,80 USD) all’anno, ma dovresti verificare con la tua banca specifica il costo esatto. Alcune banche possono anche addebitare una commissione per prelevare denaro da un bancomat, anche se utilizzi il bancomat della tua banca. Ricordati di leggere attentamente il contratto prima di firmare.

Apertura di un conto bancario irlandese online come non residente

Come affermato in precedenza, se una banca ti consentirà o meno di aprire un conto online dipende dalla banca specifica. Alcuni di quelli più grandi, come la Bank of Ireland, consentono il processo, ma quelli più piccoli potrebbero comunque richiedere che tu venga di persona. Un’altra opzione è compilare tutti i documenti da remoto e spedirli per posta alla banca prescelta. In questo modo, quando arrivi in ​​Irlanda e puoi visitare la banca di persona, molti dei passaggi che richiedono tempo saranno già sbrigati.

Proprio come con la richiesta di un conto di persona, quando si richiede un conto bancario online ti verrà chiesto un documento di identità e un documento di residenza. A seconda della banca, ci sono diversi modi per certificare la validità di questi documenti senza dover essere fisicamente in banca.

  • Opzione 1: puoi inviare copie autenticate dei tuoi documenti.
  • Opzione 2: puoi inviare una lettera ufficiale dalla tua ambasciata.
  • Opzione 3: come prova di identità, puoi inviare un selfie con te in possesso del passaporto.

Le migliori banche in Irlanda

Alcune delle migliori banche in Irlanda includono istituzioni nazionali e internazionali. Tra i più popolari nazionali ci sono:

  • Banca d’Irlanda;
  • banche irlandesi alleate (AIB);
  • Banca dell’Ulster;
  • DePfa Bank Irlanda;
  • TSB permanente.

Le migliori banche internazionali in Irlanda

  • CitiBank Europa;
  • Banca KBC;
  • banca danese;
  • Bank of Montreal Ireland PLC.

Le migliori banche online in Irlanda

Poiché gli espatriati sono costantemente in movimento, molti considerano l’online banking essenziale. Sebbene al giorno d’oggi sia raro trovare banche che non forniscono un’opzione bancaria online, ce ne sono alcune che offrono servizi mobili migliori di altre. Alcune delle migliori banche in Irlanda per l’online banking sono:

  • banche irlandesi alleate (AIB);
  • N26;
  • Banca KBC;
  • TSB permanente;
  • Banca d’Irlanda.

Qual è il sistema fiscale in Irlanda?

In questa sezione spieghiamo com’è il sistema fiscale in Irlanda. L’anno fiscale in Irlanda va dal 1 gennaio ° al 31 dicembre st . Nel complesso, il sistema fiscale irlandese è progettato in modo che le società e gli individui facoltosi paghino l’importo più elevato di tasse. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) stima che il 10% dei più alti guadagni in Irlanda attribuisca a ben oltre il 50% delle tasse totali del paese.

In generale, l’Irlanda è conosciuta in Europa come il paese che offre il maggior numero di agevolazioni fiscali. Ci sono molti crediti d’imposta per i quali i residenti possono beneficiare, anche gli espatriati. Continuate a leggere per saperne di più.

Sistema fiscale in Irlanda

Come espatriato, sarai considerato un residente irlandese tassabile se soddisfi uno dei due criteri di residenza:

  • hai vissuto in Irlanda per almeno 183 giorni in un anno fiscale, oppure
  • hai vissuto in Irlanda per almeno 280 giorni nell’arco di due anni.

Gli stranieri saranno anche considerati residenti in Irlanda, o “normalmente residenti”, se possono dimostrare la loro intenzione di vivere nel paese per almeno un anno. Se hai accettato un lavoro in Irlanda, sarai considerato residente immediatamente dopo aver accettato la posizione e immigrato nel paese. Per pagare nel sistema fiscale irlandese, dovrai richiedere un numero di servizio pubblico personale (PPS). Dovrai farlo non appena riceverai l’offerta di lavoro poiché la tua azienda irlandese dovrà registrarla per detrarre le tasse dalla tua busta paga. Puoi leggere di più su questo numero e su come fare domanda nella sezione Lavorare di questa guida.

I residenti in Irlanda sono tassati sia sul reddito che realizzano in Irlanda che nel mondo. Prima di iniziare a farsi prendere dal panico sulla doppia imposizione, fare riferimento al sito web Irish Tax and Customs sui suoi trattati sulla doppia imposizione . L’Irlanda è uno dei quasi 75 paesi che ha stipulato un accordo internazionale che protegge gli espatriati di alcuni paesi dal pagare due volte la stessa tassa.

Crediti d’imposta in Irlanda

Quando si pagano le tasse in Irlanda, è importante tenere a mente i crediti d’imposta di cui si potrebbe essere responsabili. L’Irlanda è uno dei primi paesi in Europa per sgravi fiscali. Esempi di crediti d’imposta includono:

  • Credito d’imposta sull’età;
  • Credito d’imposta per non vedenti;
  • Credito d’imposta relativo dipendente;
  • Credito d’imposta per dipendenti;
  • Indennità per cani guida;
  • Credito d’imposta per assistenti domiciliari;
  • Credito d’imposta per figli incapaci;
  • crediti d’imposta personali;
  • Credito d’imposta sugli affitti;
  • detrazione fiscale per i marittimi e credito d’imposta per i pescatori;
  • Credito per l’affidamento di un bambino per persona singola;
  • Credito d’imposta per genitori vedovi.

All’interno di ciascuno di questi esempi ci sono altri crediti d’imposta e sgravi per i quali i residenti irlandesi possono richiedere. Per uno sguardo più dettagliato, si prega di consultare il sito web Irish Tax and Customs .

Se arrivi in ​​Irlanda a metà dell’anno fiscale e sai che rimarrai nel paese per più di 12 mesi, puoi richiedere un trattamento diviso per anni durante il primo anno. In questo modo puoi essere sicuro di essere considerato un residente irlandese al momento del tuo arrivo, e quindi puoi usufruire di tutti i crediti d’imposta a tua disposizione.

Tipi di tasse in Irlanda

L’Irlanda ha molti tipi diversi di tasse che gli espatriati dovranno pagare a seconda delle loro circostanze individuali. Ciò include l’imposta sulla proprietà, l’imposta su donazioni, guadagni ed eredità e persino l’imposta su entrate extra come denaro da affitti, assistenza sociale e altro ancora.

Imposta sul reddito in Irlanda

Se vuoi sapere qual è l’imposta sul reddito irlandese, dovrai conoscere il sistema Pay As You Earn (PAYE), che tutti i datori di lavoro irlandesi utilizzano per detrarre direttamente le tasse dalla busta paga e consegnarle ai Revenue Commissioners.

PAYE detrae tre diversi importi:

  • tassa sul reddito;
  • Assicurazione sociale correlata alla retribuzione (PRSI);
  • Carica sociale universale (USC).

Aliquota dell’imposta sul reddito in Irlanda

L’aliquota dell’imposta sul reddito verrà calcolata in base al reddito dopo che le aliquote PRSI e USC sono state detratte. Il PRSI versa in previdenza sociale e pensioni. L’USC va verso i servizi sanitari. Le tariffe per queste due detrazioni sono le seguenti:

IL PETTO

I residenti che guadagnano meno di 350 EUR (385 USD) a settimana non pagano un PRSI. A tutti coloro che guadagnano oltre tale importo viene detratto il 4% per busta paga.

USC 

Reddito annuo EUR Reddito annuo USD Tariffa detratta
da 0 a 13.000 da 0 a 14.300 1%
da 13.000 a 18.700 da 14.300 a 20.570 3%
18.700 a 70.000, da 20.570 a 77.000 5,5%
da 70.000 a 100.000+ 77.000 a 110.000 8%

Dopo che questi importi sono stati contabilizzati, i residenti irlandesi rientrano in due diversi scaglioni fiscali a seconda del loro stipendio e della loro situazione individuale:

  • Fascia 1: I residenti che sono individui senza persone a carico, vedovi o sposati e guadagnano circa 44.000 EUR (48.400 USD) all’anno sono tassati al 20% sul loro reddito.
  • Fascia 2: Tutti gli altri percettori (nel senso che guadagnano più dell’importo sopra indicato) sono tassati al 40%.

Tasse per i lavoratori autonomi in Irlanda

I lavoratori autonomi in Irlanda sono inseriti in un sistema di autovalutazione, dove devono calcolare e pagare le proprie tasse. Per fare ciò, devi prima registrarti sul sito web del Revenue Online Service (ROS) . Una volta lì, compilerai il modulo 11 per richiedere il tuo reddito e pagare nello stesso regime fiscale in cui versano i dipendenti tradizionali (reddito fiscale, PRSI e USC).

Per le istruzioni passo-passo, vedere la pagina irlandesi fiscale e doganale relativa dichiarazione di autovalutazione .

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Banche e tasse in Portogallo: come funziona

Banche e tasse in Portogallo: come funziona

Banche & Tasse in Italia: come funziona

Banche & Tasse in Italia: come funziona