in

Banche & Tasse in Italia: come funziona

La gestione delle finanze in Italia può essere una strada tortuosa. Conosci il settore bancario italiano, che ha molte banche nazionali, ma poche banche internazionali tra cui scegliere. Dovresti anche essere preparato per le aliquote fiscali relativamente alte del paese.

Aspettati diverse tasse da applicare al tuo reddito, che sia un lavoratore autonomo o dipendente.

In questa sezione, ti aiutiamo a comprendere le complessità della gestione delle tue finanze, da come aprire un conto bancario al sistema fiscale in Italia.

Aprire un conto in banca in Italia è relativamente semplice, purché lo si faccia nel paese. Dovrai visitare una filiale con pochi documenti e dovrebbe essere abbastanza facile avere un account operativo in pochi minuti.

Ci sono alcune opzioni per le banche che operano interamente online e alcune banche internazionali tra cui scegliere.

Il pesante sistema fiscale italiano è destinato a spaventare sia i dipendenti che i lavoratori autonomi. Oltre alle già elevate aliquote fiscali nazionali, dovrai pagare anche le tasse regionali sul tuo reddito e le tasse comunali.

Come aprire un conto bancario in Italia

Ecco tutto quello che c’è da sapere su come aprire un conto corrente bancario in Italia per non residenti.

Gli espatriati avranno difficoltà ad aprire un conto bancario dall’estero e le migliori opzioni per gli stranieri probabilmente costeranno di più. L’offerta inoltre non è standardizzata tra le banche. Alcuni potrebbero avere buone opzioni per gli espatriati, mentre altre banche potrebbero non avere alcuna offerta. Continua a leggere per conoscere alcune di queste opzioni, che tu stia cercando una banca internazionale, una banca online o conti a zero commissioni.

Posso aprire un conto bancario in Italia da straniero?

Puoi aprire un conto bancario in Italia indipendentemente dalla tua cittadinanza o stato del visto. Tuttavia, per gli espatriati, il processo potrebbe non essere il più semplice, soprattutto se si trovano al di fuori del paese. Non esiste un’offerta standardizzata quando si tratta di prodotti bancari per stranieri: dipende in gran parte dalla banca. Mentre alcune banche possono offrire la loro gamma completa di prodotti ai non residenti, alcune possono offrire solo conti di base e altre potrebbero non avere opzioni per gli espatriati.

Se desideri aprire un conto bancario in Italia, di solito ti viene richiesto di recarti di persona in una filiale. Se ti trovi in ​​Italia, questo processo è relativamente semplice: devi solo seguire le stesse procedure dei cittadini nazionali, descritte di seguito.

Requisiti per aprire un conto bancario in Italia come non residente

I requisiti possono variare da banca a banca e talvolta anche da filiale a filiale. L’opzione più sicura è contattare in anticipo la filiale locale per conoscere i requisiti specifici che si applicano al tuo stato di immigrazione e alle tue esigenze bancarie.

I documenti standard necessari per aprire un conto corrente bancario in Italia sono:

  • Carta d’identità o passaporto validi
  • Un codice fiscale italiano ( codice fiscale )
  • Un permesso di soggiorno
  • Prova di lavoro subordinato o autonomo (es. contratto di lavoro, dichiarazione dei redditi, ecc.)
  • Una conformità Anti-Money Laundry (AML).

Insieme a questi documenti, aspettati di compilare un sacco di scartoffie.

Puoi rivolgerti ad agenzie specializzate che forniscono servizi bancari agli immigrati. Tuttavia, questi servizi possono essere a pagamento. Ecco perché ti consigliamo di aprire un conto bancario italiano solo quando diventi residente.

Come aprire un conto non residente dall’estero

Se desideri aprire un conto bancario dall’estero, potresti non avere molte opzioni. Alcune banche consentono ai non residenti di aprire un conto fuori dall’Italia, ma possono farlo solo se il prodotto bancario è redditizio, come, ad esempio, un mutuo.

L’apertura di un conto corrente non residente o conto corrente non residenti può avere alcuni vantaggi per gli espatriati. Ciò include l’utilizzo della valuta del proprio paese d’origine insieme all’euro per evitare tassi di cambio elevati o consentire un numero maggiore di trasferimenti verso paesi esteri gratuitamente. D’altra parte, questi conti possono comportare costi di commissione più elevati rispetto ai conti per i cittadini.

Per aprire uno di questi conti fuori dall’Italia, di solito ti viene richiesto di mostrare:

  • Un documento di identità o passaporto
  • Un codice fiscale (codice fiscale)
  • Prova che hai un indirizzo italiano, come le bollette
  • Assegno circolare, se richiesto

Le migliori banche in Italia per gli espatriati

Le migliori banche in Italia per aprire un conto come espatriato sono:

  • BNL, Banco Nazionale del Lavoro
  • ING
  • Intesa Sanpaolo
  • Poste Italiane
  • Unicredit
  • Fineco Banca

Per quanto riguarda le migliori banche online in Italia, alcune delle migliori offerte appartengono a Banca Sella con HYPE, o N26, che permette di aprire un conto interamente online.

Conti bancari senza commissioni

Se stai cercando conti bancari gratuiti in Italia, alcune delle tue migliori opzioni sono:

  • Fineco Bank, una banca online a zero commissioni.
  • Conto corrente HYPE con Banca Sella: anche questo conto offre una carta di debito e credito gratuita, consente l’online banking e il mobile banking, ma non fornisce telefono o sportello bancario. Questa banca opera interamente online, ma attenzione che i suoi prodotti sono disponibili solo per i residenti in Italia.
  • Conto Corrente Digital , con CheBanca IT: ha una carta di debito e credito gratuita, e offre servizi di online, phone e sportelli bancari, ma niente mobile banking.
  • Crédit Agricole Italia: offre carte di credito e di debito gratuite, online banking, oltre a servizi di banca telefonica e di filiale, ma non è disponibile il mobile banking.

Escludendo questi conti, altri prodotti bancari convenzionali potrebbero essere soggetti ad alcune commissioni bancarie. Le carte di credito possono costare tra 12 e 35 EUR (13 e 38 USD) e le tasse annuali possono costare 30 EUR (3 USD) o più. Un deposito minimo non è sempre un requisito, ma alcune banche stabiliscono un importo minimo per i loro prodotti bancari, che varia da banca a banca.

Banche Internazionali in Italia

Anche se il settore bancario italiano è per lo più dominato da banche nazionali, in Italia ci sono alcune opzioni per le banche internazionali. Alcuni dei più grandi gruppi bancari e banche che operano a livello internazionale sono Deutsche Bank, ING o il gruppo francese Crédit Agricole. Banca Nazionale del Lavoro, pur essendo una banca italiana, è una controllata di BNP Paribas.

Qual è il sistema fiscale in Italia?

Se stai per ricevere un reddito di qualche tipo, è naturale voler sapere com’è il sistema fiscale in Italia. Le imposte sul reddito sono tra le più alte d’Europa. Se hai intenzione di ricevere un reddito elevato, preparati a aliquote fiscali fino al 40%. Continua a leggere per sapere tutto sul sistema fiscale in Italia, sui vari tipi di tasse e sulle aliquote a te applicabili.

Tipi di tasse in Italia

Le tasse più rilevanti in Italia sono:

  • tassa sul reddito
  • sicurezza sociale
  • l’imposta sulle società
  • IVA

L’Italia ha diversi accordi sulla doppia imposizione in atto, quindi controlla se si applica alla tua situazione specifica.

Cos’è l’imposta sul reddito in Italia?

L’imposta sul reddito in Italia è nota come IRPEF, imposta sul reddito delle persone fisiche , e si applica a stipendi, pensioni, interessi e dividendi. Questo tipo di imposta è progressivo: più guadagni, più tasse paghi. Queste tasse vengono trattenute mensilmente sul reddito che ricevi dal tuo datore di lavoro.

Le tariffe sono stabilite annualmente dal governo. Di seguito gli scaglioni fiscali vigenti in Italia:

Reddito EUR Reddito USD Aliquota fiscale
1—15.000 1—1.650 23%
15.000—28.000 16.500-30.800 27%
28.000-55.000 30,800—60,500 38%
55.000—75.000 60.500—82.500 41%
Oltre 75.000 Oltre 82.500 43%

Oltre a queste aliquote, stabilite a livello nazionale, devi pagare le tasse regionali sul tuo reddito. Anche queste tasse regionali sono progressive e possono andare dall’1,23% al 3,33%, a seconda del tuo livello di reddito.

Imposta Municipale

Oltre a questi, potresti dover pagare le tasse comunali sul tuo reddito a seconda di dove risiedi. Questi vanno da zero a 0,9%. Potrebbe anche essere necessario pagare un’imposta comunale aggiuntiva insieme al saldo delle imposte sul reddito per l’anno precedente. Si tratta di un pagamento una tantum fissato al 30% di detta imposta.

Quando sono considerato un residente fiscale?

Sei considerato residente ai fini fiscali se, per la maggior parte dell’anno (183 giorni o più), rimani nel paese, hai la tua attività principale nel paese o sei registrato presso l’Ufficio dei registri della popolazione residente .

Dichiarazioni fiscali e come pagare le tasse in Italia

Per pagare le tasse in Italia è necessario presentare la dichiarazione dei redditi in formato elettronico. Ci sono due tipi di dichiarazione dei redditi che puoi presentare: Dichiarazione modello 730 e Dichiarazione modello reddito.

730 si applica ai dipendenti che si qualificano come residenti fiscali italiani per due anni consecutivi. Può essere presentata anche da residenti che non hanno un contratto di lavoro. Tale modello deve essere depositato entro il 23 luglio dell’anno fiscale successivo.

La dichiarazione di reddito modello deve essere presentata da coloro che ricevono una busta paga non italiana o che detengono investimenti o conti bancari al di fuori dell’Italia. Comprende le ritenute d’acconto, le plusvalenze (Modulo RT), i redditi e i patrimoni esteri (Modulo RW) e deve essere presentato entro la scadenza del 31 ottobre dell’anno fiscale successivo.

Se il tuo stipendio è la tua unica fonte di reddito, che il tuo datore di lavoro dovrebbe trattenere mensilmente, queste tasse possono essere considerate complete e non sei soggetto ad altri obblighi di conformità.

Agevolazioni fiscali per gli espatriati

Alcuni espatriati possono essere soggetti a una riduzione delle tasse del 50% sulla loro imposta sul reddito se soddisfano i seguenti criteri:

  • Svolgono un ruolo dirigenziale o dirigenziale;
  • sono stati non residenti in Italia nei precedenti cinque esercizi e rimangono residenti in Italia per almeno due esercizi;
  • Hanno un rapporto di lavoro con un’azienda italiana;
  • La loro attività lavorativa è svolta nel territorio italiano.

Tasse per i lavoratori autonomi in Italia

Ci sono tre modi in cui puoi essere un lavoratore autonomo in Italia e i requisiti sul tipo di tasse che si applicano a ciascuno possono differire:

  • Self-employed (lavoro autonomo or lavoro in proprio)
  • Freelancer (lavoro indipendente or libero professionista)
  • Sole trader (commerciante in proprio, imprenditore or ditta individuale)

In generale, i lavoratori autonomi considerati residenti ai fini della tassazione devono versare le imposte sul reddito e presentare annualmente la dichiarazione dei redditi. Le aliquote fiscali che si applicano ai lavoratori autonomi, sia liberi professionisti che ditte individuali, sono le stesse dei lavoratori dipendenti (di cui sopra).

Pagare l’imposta sulle società come lavoratore autonomo

Se apri una società a responsabilità limitata, paghi anche l’imposta sulle società. L’imposta sulle società comprende le aliquote dell’IRES e dell’IRAP, che possono variare da regione a regione.

Queste tasse non includono i contributi previdenziali, che devi pagare anche tu. Copriamo tutto ciò che devi sapere sulla sicurezza sociale nella sezione di lavoro di questa guida.

Prima di intraprendere qualsiasi tipo di attività commerciale, assicurati di avere il visto e il permesso di lavoro per svolgere un lavoro autonomo e di essere adeguatamente accreditato e registrato presso le autorità competenti per svolgere la tua attività professionale. È molto importante farlo in anticipo, per evitare multe salate, la confisca dell’attrezzatura e persino l’espulsione dal paese.

Come pagare le tasse come lavoratore autonomo

Per pagare le tasse come impiegato di sé, è necessario presentare una dichiarazione dei redditi ogni anno l’Italiane Agenzia delle Entrate sito web ( Agenzia delle Entrate ). Corrisponde al modulo UNICO Persone Fisiche , da presentare entro il 2 ottobre. L’imposta sul reddito deve essere pagata entro il 30 giugno.

I requisiti e il processo di pagamento delle tasse possono variare a seconda del tipo di attività che svolgi. Se sei un libero professionista, oltre a pagare le imposte sul reddito, dovrai avere una partita IVA. I clienti a cui si fattura trattengono il 20% del valore per i pagamenti delle tasse al governo e lo pagano da soli.

In qualità di ditta individuale, potresti dover registrare anche una partita IVA, a seconda del tipo di attività che svolgi. I commercianti individuali non devono presentare le imposte sulle società.

 

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Banche e tasse in Irlanda: come funziona

Banche e tasse in Irlanda: come funziona

Tassazione criptovalute in Francia: come funziona

Tassazione criptovalute in Francia: come funziona