in

Banche e tasse nei Paesi Bassi: come funziona

La gestione delle finanze nei Paesi Bassi può diventare complicata. Il governo prende una grossa fetta del tuo stipendio a fini fiscali, anche imponendo tasse ai proprietari di cani. Anche le banche locali qui sono inflessibili in quanto hanno requisiti rigorosi per le persone che desiderano aprire un conto.

Quando si tratta di sistema fiscale e banche, è importante notare che i non residenti non sono autorizzati ad aprire un conto bancario nei Paesi Bassi. Tuttavia, poiché la maggior parte degli espatriati deve registrarsi nel paese e diventare legalmente residente, non dovrebbero avere problemi con il sistema bancario.

Il sistema fiscale, tuttavia, può essere un po’ più esigente. In primo luogo, le tasse qui sono alte. La fascia d’imposta più alta è intorno al 50%. Quindi, il sistema è anche abbastanza complicato. L’imposta sul reddito è suddivisa in diverse caselle a seconda del tipo di reddito e ciascuna di esse viene tassata di conseguenza.

Tuttavia, la cosa buona del sistema fiscale è un regolamento fiscale specifico che favorisce i professionisti espatriati. Sono esentati da parte del carico fiscale per i primi cinque anni durante il soggiorno nel paese.

Come aprire un conto bancario nei Paesi Bassi

Per chi si chiede come aprire un conto bancario nei Paesi Bassi per non residenti, potrebbe rimanere deluso. Se non sei residente o non fornisci i documenti richiesti dalla tua banca, non avrai diritto a un conto bancario olandese. Altrimenti, purché tu abbia i documenti necessari a portata di mano, è abbastanza facile.

Puoi aprire un conto bancario nei Paesi Bassi?

Sì, una volta stabilita la tua residenza nei Paesi Bassi, puoi aprire il tuo conto bancario qui. Tuttavia, poiché è necessario il numero del servizio di cittadinanza (BSN) quando si registra un conto bancario, i non residenti non possono aprire un conto bancario nei Paesi Bassi.

Aprire un conto bancario olandese

I due tipi più comuni di account sono:

  • conto corrente (chiamato anche pagamento o controllo)
  • conto di risparmio

Puoi anche scegliere se aprire un conto singolo o cointestato. Sono inoltre disponibili conti giovani (per persone di età compresa tra 12 e 25 anni).

Quando crei un conto corrente, ti verrà offerta una carta di debito, spesso denominata carta PIN. Questi sono più popolari nei Paesi Bassi rispetto alle carte di credito. Se desideri avere una carta di credito, i supermercati potrebbero non accettare il tuo pagamento.

Una volta scelto il conto e la banca più adatti alle tue esigenze, tutto ciò che devi fare è raccogliere i documenti necessari per impostare il tutto. Se hai problemi con l’apertura di un conto bancario nei Paesi Bassi, contatta i nostri esperti locali per una consulenza professionale.

Commissioni bancarie e depositi

La maggior parte delle banche ti chiederà di pagare una tariffa mensile per l’amministrazione del tuo conto. La commissione può aggirarsi intorno a 1,50–5 EUR (1,60–5,50 USD), a seconda del tipo di conto scelto. L’unica eccezione a questa regola sembra essere per i conti bancari gratuiti per i giovani nei Paesi Bassi. Le commissioni di amministrazione per i conti bancari con carte di credito, valute multiple e flessibilità di viaggio sono spesso più costose.

Nota che, in genere, non ci sono requisiti minimi di deposito o reddito quando si apre un conto bancario. Inoltre, alcuni conti correnti offrono anche interessi mensili.

Documenti necessari per aprire un conto bancario

Come espatriato che vuole risiedere nel paese (non sono non residenti), non dovresti avere problemi a ottenere un conto bancario olandese. In genere, sono necessari i seguenti documenti:

  • documento d’identità (passaporto o carta d’identità)
  • numero di servizio al cittadino
  • prova dell’indirizzo (contratto di locazione, bolletta, ecc.)

Alcune banche possono anche richiedere un contratto di lavoro, un numero di telefono olandese, un saldo a credito della tua banca precedente o il tuo permesso di soggiorno. Nella maggior parte dei casi, è necessario fornire gli originali dei documenti.

Le migliori banche nei Paesi Bassi

  • ING
  • Rabobank
  • ABN AMRO
  • Banca SNS
  • Banca ASN

ING è una banca internazionale molto popolare che ha una presenza significativa in tutta Europa e in alcuni paesi asiatici.

Banche internazionali disponibili nei Paesi Bassi

  • Banca tedesca
  • La Royal Bank of Scotland
  • HSBC
  • Lloyds Bank
  • Credit Europe Bank

Le migliori banche solo online disponibili nei Paesi Bassi

  • Rivoluzione
  • N26
  • bunq

Puoi aprire un conto bancario olandese online come non residente?

Aprire un conto corrente senza presentarsi di persona in banca è possibile solo per i cittadini UE. Al momento della registrazione, devono fornire una prova di identità che confermi la loro nazionalità. I cittadini di paesi terzi devono recarsi in banca per aprire un conto lì.

Qual è il sistema fiscale nei Paesi Bassi?

Per coloro che si chiedono quale sia il sistema fiscale nei Paesi Bassi, sappiate che le tasse sono piuttosto alte. Anche lo scaglione fiscale più basso supera il 35%. Fortunatamente, gli espatriati possono beneficiare di uno specifico ruling fiscale che consente loro di ricevere un reddito extra non imponibile.

Il sistema fiscale nei Paesi Bassi

Vivere e lavorare nei Paesi Bassi richiede il pagamento delle tasse. Il paese ha alcune leggi fiscali in vigore, ma la più rilevante per la maggior parte delle persone che risiedono qui è l’imposta sul reddito. Se sei nel paese come dipendente, le tue tasse saranno trattenute dal tuo stipendio (tasse sui salari). I lavoratori autonomi devono pagare le tasse al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi annuale.

Se è necessario presentare o meno una dichiarazione dei redditi annuale è una decisione del governo. Se lo fai, riceverai una lettera o un’e-mail a gennaio che ti informerà dei tuoi obblighi. Una volta ottenuto, assicurati di contattare il nostro team di professionisti locali che ti aiuterà a comprendere il complicato sistema fiscale olandese.

L’anno fiscale olandese è equivalente a un anno solare. Le dichiarazioni dei redditi devono essere presentate tra il 1 marzo e il 30 aprile.

Tipi di tasse nei Paesi Bassi

L’imposta sul valore aggiunto ( belasting toegevoegde waarde o BTW in olandese) nei Paesi Bassi è del 21% o del 9%. La tariffa più bassa (9%) si aggiunge su:

  • cibo e bevande
  • prodotti e servizi agricoli
  • medicinali
  • libri (copie cartacee ed e-format)
  • quotidiani e riviste (cartacei ed e-format)
Imposta su beni e servizi

Tutti gli altri beni e servizi sono tassati al 21%, ma sono previste alcune esenzioni. Ad esempio, servizi come l’istruzione, l’assistenza all’infanzia, la sanità, le organizzazioni e i club sportivi, i servizi finanziari e assicurativi e i servizi forniti da scrittori, giornalisti e compositori non richiedono il pagamento dell’IVA. L’altra esenzione si applica quando gli stranieri lavorano con imprenditori olandesi affermati.

Imposta patrimoniale

Inoltre, le persone che possiedono beni immobili devono pagare l’imposta sulla proprietà al proprio comune locale. I proprietari di auto e barche devono pagare rispettivamente la tassa di circolazione e quella nautica. Se erediti una grossa somma di denaro, devi pagare l’imposta di successione. La stessa regola si applica se ricevi un regalo che supera l’importo esente.

Tassa sui cani

Un altro tipo di tassa che potrebbe sembrare un po’ più insolito è la tassa sui cani. I proprietari di cani sono tassati annualmente per i loro amici pelosi. Ogni comune ha il proprio importo fisso che varia da circa 70 a 120 EUR (77-130 USD) all’anno. Alcune città e comuni (come Amsterdam ) non impongono più questa tassa.

Qual è l’imposta sul reddito nei Paesi Bassi?

Le imposte sul reddito olandesi possono essere piuttosto complicate da capire. Le modalità per ottenere il reddito sono suddivise in tre riquadri:

  • Riquadro 1 – Reddito da salario e proprietà
  • Riquadro 2 – Reddito da sostanziali interessi commerciali
  • Riquadro 3 – Reddito da risparmi e investimenti

La prima casella è la più importante in quanto il reddito di ogni lavoratore dipendente o autonomo rientra in questa categoria. Nella prima casella rientrano anche tutti i redditi esteri e le prestazioni sociali, nonché i profitti delle imprese private. Gli scaglioni fiscali per questa casella sono citati di seguito.

Il riquadro 2 tassa gli azionisti sostanziali che possiedono oltre il 5% delle azioni. L’imposta è del 25% (aumenta al 26,9% nel 2021) per tutti i relativi redditi. L’imposta per la casella 3 è del 30% e si applica al profitto dal risparmio e dalla proprietà che non è la residenza principale.

Detrazioni fiscali

Il reddito imponibile nei Paesi Bassi è il tuo stipendio lordo meno le detrazioni. Alcune delle detrazioni della casella 1 sono:

  • costi per la proprietà della casa
  • spese mediche specifiche
  • alimenti e altri obblighi di mantenimento
  • tasse scolastiche e altri costi di studio

Parentesi fiscali

Gli scaglioni fiscali nei Paesi Bassi sono al momento in un periodo di transizione. Il governo vuole introdurre nel 2020 un sistema a due fasce che sostituirà l’attuale struttura. Ora, le fasce d’imposta sono le seguenti:

Reddito (EUR) Reddito (USD) Imposta (%)
<20,384 <22.510 36.65
20.385-68.507 22.510–75.650 38.10
>68.508 >75,650 51.75

A partire dall’anno fiscale 2020, le persone che guadagnano meno di 68.507 EUR (75.650 USD) saranno tassate all’aliquota del 37,5%. Coloro che guadagnano di più rientreranno nella fascia del 49,5%.

Tieni presente che l’attuale fascia d’imposta è in vigore al momento della presentazione delle tasse del 2019 (nel 2020). È necessario seguire il sistema della doppia fascia d’imposta quando si presenta la dichiarazione dei redditi per il 2020 (nel 2021).

Crediti d’imposta

I crediti d’imposta sono sconti sui contributi fiscali. Sono determinati in base al tuo reddito annuo. Se sei idoneo, ecco come vengono calcolati:

La tua imposta da pagare calcolata – Crediti d’imposta = Tasse che devi pagare

L’importo massimo del credito d’imposta viene modificato annualmente. Esistono due tipi di crediti d’imposta:

  • generale (vale per tutti)
  • lavoro (si applica ai lavoratori)

Tieni presente che i crediti d’imposta possono sommarsi.

La sentenza del 30%

Questa esenzione fiscale avvantaggia i professionisti espatriati che si trasferiscono nei Paesi Bassi. Per i primi cinque anni di vita nel paese, il governo consente ai lavoratori stranieri di pagare tasse inferiori. Questa esenzione viene concessa per compensare le spese sostenute durante la transizione da un paese all’altro.

Il 30% sta per 30% di reddito non imponibile, il che significa che il 30% del tuo stipendio lordo non sarà tassato. Il restante 70% rientra nei rispettivi scaglioni di imposta sul reddito. Inoltre, questo esonera gli espatriati dal pagamento delle tasse Box 2 e Box 3 (ad eccezione delle tasse sulle azioni e sugli immobili). Inoltre, il tuo datore di lavoro dovrebbe concederti un’indennità non imponibile che paghi interamente l’istruzione internazionale di tuo figlio.

Per qualificarsi per questa sentenza, gli espatriati devono soddisfare requisiti di stipendio e/o istruzione. Tuttavia, la maggior parte dei lavoratori stranieri ha diritto a questo beneficio.

Tasse per i lavoratori autonomi nei Paesi Bassi

La maggior parte degli imprenditori autonomi e dei liberi professionisti deve pagare la stessa imposta sul reddito che i dipendenti hanno trattenuto dal loro stipendio. Tuttavia, devono farlo da soli al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi annuale. Inoltre, devono pagare un contributo per il premio dell’assicurazione sanitaria.

A seconda di ciò che fanno, anche i liberi professionisti e i lavoratori autonomi devono pagare l’IVA. Questo vale per la maggior parte delle aziende, ad eccezione di alcuni servizi sopra menzionati (assistenza sanitaria, assistenza all’infanzia, ecc.).

 

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ken Chu: biografia, famiglia, salario e patrimonio

Ken Chu: biografia, famiglia, salario e patrimonio

Banche e tasse in Portogallo: come funziona

Banche e tasse in Portogallo: come funziona