in

Tassazione criptovalute in Francia: come funziona

Per diversi anni, le criptovalute sono rimaste in gran parte non regolamentate in Francia. Di recente, nel 2017, l’Autorità del mercato finanziario francese (Autorité des marchés financiers, AMF) e l’Autorità di vigilanza prudenziale (Autorité de contrôle prudentiel et de résolution, ACPR) hanno messo in guardia gli investitori sulla natura non regolamentata delle criptovalute.

Questo ha recentemente iniziato a cambiare, tuttavia. Una legge del 2019, denominata Legge PACTE (Loi Pacte), include diversi emendamenti al Codice monetario e finanziario francese per stabilire un quadro giuridico nascente per le criptovalute. 

Una delle principali innovazioni della Legge PACTE è definire il concetto di beni digitali, che ora sono descritti come token (con un paio di eccezioni) o “qualsiasi rappresentazione digitale di un bene che non è emessa o garantita da una banca centrale o da un’autorità governativa, che non è necessariamente collegata a una valuta legale, e che non ha lo status giuridico di una valuta, ma che è accettata da persone fisiche o giuridiche come mezzo di scambio e che può essere trasferita, immagazzinata o scambiati elettronicamente”.

 

La legge definisce inoltre token come “qualsiasi bene immateriale che rappresenti, in forma digitale, uno o più diritti che possono essere emessi, registrati, conservati o trasferiti mediante un sistema di registrazione elettronica condiviso che consenta al titolare di detto bene di identificato direttamente o indirettamente”. 

La legge PACTE si occupa anche delle offerte iniziali di monete (ICO). Consente all’AMF di conferire una certificazione facoltativa su determinati investimenti in token.

 Una società che desideri ottenere una certificazione AMF per gli investimenti in token dovrà fornire un white paper con informazioni sufficientemente precise e chiare sull’emittente del token e sull’offerta. Le certificazioni saranno valide per un massimo di sei mesi e l’AMF pubblicherà sul proprio sito Web un elenco di offerte di token certificate.  

Inoltre, la legge PACTE introduce regolamenti sui fornitori di servizi di risorse digitali (DASP). La legge separa i DASP in due categorie. Da un lato ci sono DASP che detengono, immagazzinano o trasferiscono criptovalute e DASP che acquistano o vendono criptovalute per valute legali. Questi fornitori di servizi devono registrarsi presso l’AMF e devono rispettare determinati regolamenti stabiliti dall’AMF per prevenire determinate attività illegali come il riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo.

D’altra parte ci sono DASP che si impegnano in altre attività, tra cui piattaforme di scambio di criptovalute, servizi di investimento o consulenti di investimento. Questi fornitori di servizi possono richiedere una certificazione facoltativa se soddisfano determinati criteri volti a garantire un livello di affidabilità.  

Nonostante l’adozione della legge PACTE, il governo francese descrive ancora l’attuale quadro normativo per le criptovalute come “embrionale” e continua ad avvertire gli investitori che le criptovalute sono in gran parte non regolamentate e quindi investimenti particolarmente rischiosi. 

II. Tassazione delle criptovalute

Sembra esserci un trattamento fiscale diverso per gli investitori occasionali di criptovaluta e per coloro per i quali l’investimento o la negoziazione di criptovalute è la loro attività professionale.  

A. Non professionisti

Dal 1° gennaio 2018, il valore aggiunto globale di tutte le operazioni imponibili realizzate da investitori di criptovalute non professionisti nel corso dell’anno è soggetto a una flat tax del 30%. La vendita di criptovalute per euro o altre valute legali è l’operazione che genera l’obbligo di pagare l’imposta. I proprietari di criptovalute che detengono i loro cripto-asset senza convertirli in valuta legale non devono quindi pagare le tasse. 

B. Professionisti

Ai minatori di criptovalute e ai trader professionisti di criptovalute si applicano regimi fiscali diversi (ovvero coloro la cui attività professionale regolare consiste nell’acquistare o vendere criptovalute).

1. Minatori di criptovalute

I minatori di criptovaluta sono tassati in modo diverso a seconda che le loro entrate siano superiori o inferiori a 70.000 euro (circa US $ 85.000).  Se il loro reddito per un dato anno non supera i 70.000 euro, vengono semplicemente tassati secondo la tabella dell’imposta sul reddito, ma dopo una riduzione forfettaria del 34%. Ad esempio, se un miner riceve 50.000 euro in una criptovaluta per le sue attività di mining, sarà tassato solo sulla base di 33.000 euro dopo l’applicazione dell’abbattimento. Se le entrate di un minatore di criptovalute sono superiori a 70.000 euro, non ha più diritto all’abbattimento forfettario e deve invece elencare le detrazioni. Inoltre, non è tassato secondo la tabella dell’imposta sul reddito, ma secondo la tabella dell’imposta sulle società. 

In entrambi i casi, ai fini fiscali, la criptovaluta estratta viene valutata nel momento in cui il miner la riceve. Tuttavia, se la criptovaluta non viene convertita immediatamente in valuta fiat, qualsiasi valore aggiunto può essere tassato successivamente al momento della conversione.  

2. Commercianti di criptovalute

I trader professionisti di criptovaluta i cui ricavi totali non superano i 170.000 euro (circa US $ 206.500) possono richiedere una riduzione forfettaria del 71% e sono tassati secondo la scala dell’imposta sul reddito francese per il resto.  I  commercianti i cui ricavi totali superano i 170.000 euro sono tassati secondo la tabella dell’imposta sulle società, dopo le detrazioni dettagliate in luogo della riduzione forfettaria. Sembra che, ai fini della tassazione dei trader professionisti, le criptovalute siano valutate quando sono scambiate con valuta ufficiale.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Banche & Tasse in Italia: come funziona

Banche & Tasse in Italia: come funziona

Visti e permessi di lavoro in Danimarca

Visti e permessi di lavoro in Danimarca