in

Bitcoin è dannoso per l’ambiente?

Il principale argomento ambientale contro bitcoin è che il sistema utilizza grandi quantità di energia e quindi ha una grande impronta di carbonio. Mentre è vero che bitcoin utilizza molta energia, non possiamo conoscere il livello esatto di emissioni di carbonio associate al consumo di energia.

In questo articolo, spiego perché bitcoin utilizza una quantità così grande di energia, fornisco una stima della sua attuale impronta di carbonio e fornisco un contesto per capire perché l’utilizzo di energia di bitcoin non è così dannoso per l’ambiente come sembra.

Perché Bitcoin utilizza così tanta energia?

Praticamente tutto il consumo di energia di bitcoin proviene dal processo di mining di bitcoin. Il processo di mining è ciò che consente di elaborare le transazioni bitcoin senza la necessità di un’autorità centrale come una banca.

I minatori competono tra loro per cercare di elaborare le transazioni in cambio di una ricompensa bitcoin.

Chiunque è autorizzato a estrarre bitcoin utilizzando computer di mining che creano “prove di lavoro”. Il meccanismo di prova del lavoro è necessario per legare la valuta digitale a un costo reale non falsificabile, cioè l’energia. In un mondo ideale, potremmo usare un sistema “una persona un voto” o “un computer un voto”. Ma in un sistema monetario online decentralizzato, è troppo facile falsificare l’identità e i computer possono essere suddivisi in più computer virtuali per imbrogliare il sistema.

Questo è il motivo per cui bitcoin richiede la prova del lavoro, come un sistema “un joule di energia un voto”.

Prova di puntata

Se l’uso di energia di bitcoin è legato al suo meccanismo di consenso “proof of work”, perché non utilizzare invece un meccanismo di consenso meno energivoro? Alcuni sistemi usano un meccanismo di consenso “proof of stake” invece di proof of work, quindi piuttosto che “un joule di energia un voto” usano “una moneta un voto”.

A prima vista, la prova della posta in gioco è attraente perché sembra utile rimuovere la necessità di un elevato consumo di energia. Tuttavia, la prova della puntata presenta alcuni inconvenienti che la rendono inadatta per una valuta digitale decentralizzata come bitcoin.

Se il bitcoin dovesse passare alla prova della puntata, l’offerta di moneta diventerebbe più controllata centralmente e distribuita in modo meno uniforme. Attualmente, i minatori di bitcoin devono vendere il bitcoin che guadagnano per pagare le loro spese operative. In particolare, devono pagare le loro bollette elettriche elevate. Ciò fa sì che l’offerta di bitcoin diventi distribuita in modo più uniforme nel tempo poiché chiunque può acquistare il bitcoin dei minatori sul mercato aperto.

Nella prova della puntata, non ci sono costi per i minatori (a parte il piccolo costo opportunità di puntare le monete), quindi i minatori non hanno bisogno di vendere le monete che guadagnano. Invece, possono continuare a detenere le monete e guadagnare ancora di più attraverso lo staking, creando un ciclo di feedback positivo in cui i ricchi diventano più ricchi e le monete si concentrano in un numero minore di portafogli.

L’impronta di carbonio di Bitcoin

Anche se la prova di lavoro di bitcoin richiede molta energia, i minatori sono sempre alla ricerca della fonte di energia più economica. Per questo motivo, gran parte della rete bitcoin è alimentata da energia rinnovabile in eccesso che altrimenti rimarrebbe inutilizzata. I computer di mining Bitcoin non hanno nemmeno bisogno di connettersi alla rete energetica.

Alcune delle energie più economiche al mondo sono quelle bloccate off-grid. L’estrazione mineraria con energia incagliata può portare a miglioramenti delle infrastrutture energetiche in quelle aree. Può anche ridurre le emissioni di gas serra. L’estrazione di bitcoin utilizzando gas naturale che altrimenti verrebbe scaricato nell’atmosfera ha un grande potenziale per ridurre le emissioni di gas serra.

Anche se c’è un forte incentivo per i minatori a utilizzare fonti di energia incagliate e rinnovabili, probabilmente c’è ancora una grande quantità di estrazione mineraria che viene effettuata utilizzando combustibili fossili. Mentre è impossibile calcolare l’esatta impronta di carbonio di bitcoin, si stima che il consumo di energia di bitcoin causi l’equivalente di 12-55 MT di CO2 all’anno (sulla base dei dati di CBECI e di un articolo sulla rivista scientifica Joule).

Mettere l’uso di energia di Bitcoin in prospettiva

Non si può negare che bitcoin utilizza molta energia e ha una grande impronta di carbonio, ma ciò non significa che sia strettamente dannoso per l’ambiente. Questa affermazione è particolarmente vera quando si confronta bitcoin con i sistemi che potrebbe eventualmente sostituire come la produzione di oro e il sistema bancario tradizionale.

Un rapporto del maggio 2021 pubblicato da Galaxy Digital Mining ha stimato che bitcoin utilizza meno della metà della quantità di energia richiesta per il sistema bancario tradizionale (114 terawattora all’anno rispetto a 264 TWH / a). Inoltre, la produzione di oro utilizza 241 TWh di energia all’anno, più del doppio di quella del bitcoin. Per contestualizzare questi numeri, si considerino le seguenti stime del consumo di energia:

  • Produzione totale globale di energia: 170.000 TWh all’anno
  • Consumo energetico del data center (Netflix, Amazon, ecc.): 250 TWh all’anno
  • Consumo di energia militare USA: 167 TWh all’anno
  • L’Università di Cambridge stima che il consumo di energia di bitcoin sia di 69 TWh, anche se dicono che potrebbe essere basso come 26 TWh.

Che dire del secondo, terzo e ancora più alto effetto che il bitcoin ha sull’ambiente? Questo tipo di studio va ben oltre lo scopo di questo articolo, ma considera i seguenti punti:

  • Praticamente tutto l’impatto ambientale del bitcoin proviene dal processo di mining, il che significa che possiamo capire con precisione qual è l’impatto ambientale totale.
  • Al contrario, il sistema bancario tradizionale e la produzione di oro hanno entrambi molti costi nascosti e impatti ambientali difficili da capire.
  • La dipendenza di Bitcoin dall’eccesso di energia rinnovabile potrebbe incentivare lo sviluppo di infrastrutture energetiche “pulite” in tutto il mondo.
  • Un’economia globale bitcoin incentiverebbe i risparmi a lungo termine e ridurrebbe il consumismo e il consumo dispendioso.

Conclusione

L’uso elevato di energia è essenziale per il funzionamento del meccanismo di consenso della prova di lavoro di bitcoin. Senza di esso, il sistema potrebbe essere giocato troppo facilmente, indebolendo significativamente la sicurezza di bitcoin. Anche se la prova della posta in gioco sembra promettente a prima vista, riduce il consumo di energia facendo un compromesso per una sicurezza ridotta.

La prova della posta in gioco porta anche al controllo centralizzato dell’offerta di moneta e ai ricchi che diventano più ricchi. Anche se bitcoin deve utilizzare grandi quantità di energia, quell’energia proviene in genere da fonti “più pulite” rispetto alla media. Inoltre, il mining di bitcoin sta effettivamente incentivando la produzione di energia pulita e riducendo le emissioni di gas serra.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels artem podrez 8989470

Frasi di semi di recupero: cosa sono e come funzionano

pexels rodnae productions 5921785

Le banche alla fine abbracceranno le criptovalute?