in

Bitcoin, il prezzo della regina delle criptovalute in calo: perché non è così sorprendente

Il prezzo delle criptovalute è in calo. Il bitcoin, infatti, ha perso il 30% del suo valore mercoledì 19 maggio. Il tuffo è brutale ma non sorprendente, poiché le criptovalute sono soggette a speculazioni. Bitcoin è tutt’altro che detronizzato.

Bitcoin: il prezzo in calo

Al momento un Bitcoin vale 41.157 dollari (o 33.668 euro). Ma cosa succederà tra una settimana? In un mese? La criptovaluta più famosa ha fatto un tuffo vertiginoso mercoledì. Entro 24 ore, il suo prezzo è sceso del 30%. Bitcoin ha così perso più della metà del suo valore rispetto al massimo storico, raggiunto il 14 aprile (62.000 dollari).

La valuta digitale si è leggermente ripresa da allora, ma la caduta non è meno impressionante. Lo spiegano gli analisti con la posizione assunta dalle autorità cinesi, che hanno vietato alle istituzioni finanziarie del Paese di offrire ai propri clienti servizi legati alle criptovalute. Questo con il pretesto che “non sono valute reali”.

Un mercato soggetto a eccessi

Non ci voleva più il panico degli investitori, già scottati dal voltafaccia dell’imprenditore Elon Musk. Pochi giorni prima, il campione delle criptovalute aveva annunciato che esse non sarebbero più state accettate come mezzo di pagamento per i veicoli Tesla, creando un leggero movimento di panico.

Ma a ben guardare, questo “crollo” di bitcoin non è sorprendente o preoccupante, come spiega Gregory Guittard, specialista di valuta digitale e autore del Journal du Coin: “Per definizione, il loro prezzo non è sostenuto da nessuna banca centrale, quindi è molto volatile. Questi sono movimenti classici in un mercato soggetto a un bel po’ di eccesso”. Eccessi come il “gioco narcisistico” di Elon Musk, un seguace di buzz su Twitter, o il desiderio della Cina di frenare l’ascesa delle valute virtuali per vantare il proprio “yuan digitale”, che dovrebbe arrivare nel 2022, con l’obiettivo di limitare la dipendenza di Pechino da il dollaro.

Certamente, il prezzo sta pagando bitcoin, il suo prezzo è yo-yo, ma “dobbiamo vedere le cose a lungo termine“, ha detto Philippe Herlin, un economista specializzato in questioni monetarie. “Le criptovalute stanno gradualmente diventando istituzionalizzate, alcune hanno già scopi molto concreti”. Nei paesi in via di sviluppo, come la Nigeria o l’Argentina, diventano un baluardo contro l’inflazione.  Si presume che il loro valore sia stabile nel tempo , nonostante i sussulti all’avvio.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
bitcoin pizza

Bitcoin Pizza non accetterà i bitcoin come metodo di pagamento

Previsione prezzi Tfuel

Previsione dei prezzi di Tfuel per il 2021, 2022, 2025 e 2030