in

Bitcoin sostituirà la valuta in futuro

L’iperbitcoinizzazione sta arrivando. Sì, secondo un gruppo di 42 dirigenti e ricercatori di criptovaluta, Bitcoin un giorno sostituirà la valuta fiat, con il 54% di questo pannello che prevede che ciò accadrà entro il 2050 al più tardi (se non prima).

Questa è una previsione estremamente rialzista, con l’implicazione che, se bitcoin sostituirà un numero significativo di valute legali, il suo prezzo sarà salito alle stelle.

Gli scettici possono respingere immediatamente una previsione così esuberante, ma il sondaggio in questione include il contributo di 12 ricercatori di università riconosciute, suggerendo che non si basa solo su un pio desiderio. Tuttavia, per quanto incoraggianti possano essere le conclusioni del sondaggio per alcuni, è opinione di questo autore che è altamente improbabile che bitcoin sostituirà mai le valute legali.

Mentre alcuni governi potrebbero finire per adottare bitcoin come attività di riserva (cioè come complemento all’oro), sembra difficile credere che qualsiasi grande stato-nazione lo adotterà volentieri come valuta principale o unica. Perché farlo comporterebbe una serie di conseguenze molto indesiderabili dal punto di vista dei governi, dal rendere il debito sempre più costoso a frenare i consumi e rendere i cicli economici più estremi.

Quando la Luna? E l’iperbitcoinizzazione?

Uno studio pubblicato da Finder.com nel 2021 ha prodotto alcune conclusioni interessanti riguardo alla prospettiva dell’iperbitcoinizzazione.

Il 61% ha affermato che il bitcoin (che valeva $ 39.000 al momento dello studio) era sottovalutato, con la previsione del prezzo medio per la fine del 2021 che ha raggiunto $ 66.284. Si scopre che erano più o meno corretti con Bitcoin che ha colpito $ 69.000 entro novembre nel 2021.

Ancora più interessante, la previsione media del panel per la fine del 2025 è di $ 318.417, mentre la media per la fine del 2030 è di $ 4.287.591 (anche se la previsione mediana per questa data è di soli $ 470.000).

Per quanto riguarda le opinioni sull’iperbitcoinizzazione – il processo di sostituzione di bitcoin di una o più valute legali – il 54% dei 42 relatori credeva che a un certo punto sarebbe accaduto entro il 2050, con questa percentuale abbastanza equamente divisa su quando esattamente.

Come illustra il grafico sopra, il 5% del panel (o meglio, due persone) pensa che l’iperbitcoinizzazione avverrà entro quattro anni. Il 10% (o quattro persone) pensa che accadrà in meno di nove anni, mentre il 15% (o sei persone) pensa che accadrà in circa 14 anni. La percentuale più grande (20%) di veri credenti pensa che accadrà tra circa 20 anni, mentre alcuni sospettano che sarà molto più distante.

Riferendosi all’adozione di El Salvador di bitcoin come moneta a corso legale, il CEO di Amber Aleks Svetsk ritiene che potrebbe stabilire una tendenza che potrebbe alla fine portare a una qualche forma di iperbitcoinizzazione.

“Lo slancio non potrà che aumentare. Ma la bellezza è anche che queste nazioni spezzate si trasformeranno più velocemente delle grandi nazioni poiché Bitcoin mina il modello dello stato nazionale “, ha affermato.

Allo stesso modo, anche il CEO di Coinmama Sagi Bakshi sospetta che El Salvador potrebbe finire per essere un pioniere.

“Tutti gli occhi sono puntati su El Salvador ora – alcuni beffardi, altri incrociando le dita. Sono sicuro che il loro caso d’uso sarà un grande esempio di innovazione e rapida penetrazione. I servizi finanziari saranno costruiti su un libro mastro pubblico e gli oppositori saranno sorpresi”, ha detto.

Perché i governi resisteranno a Bitcoin

Tuttavia, mentre una buona parte del panel del sondaggio era ottimista, va sottolineato che il 44% del panel ha affermato che l’iperbitcoinizzazione non avverrà mai.

A differenza degli amministratori delegati dell’industria gung-ho, sono stati in gran parte i ricercatori – che hanno molto meno interesse finanziario nel successo del bitcoin – a sostenere questa opinione.

“Posso immaginare un mondo in cui Bitcoin viene utilizzato dai governi populisti per sfidare e minare le forze economiche dominanti nel nostro mondo, ma più come strumento di contrattazione che perché sono veri credenti”, ha detto il dottor Paul J. Ennis, che è un assistente professore presso la School of Business dell’University College di Dublino e la cui ricerca si concentra attualmente sulla criptovaluta.

Per quanto riguarda questo autore, questa è più o meno la posizione corretta da assumere. L’iperbitcoinizzazione nel suo senso più stretto – bitcoin che sostituisce le valute legali nazionali – quasi certamente non avverrà mai.

Da un lato, i governi non sostituiranno mai volentieri le proprie valute legali con bitcoin. E per vari motivi.

In primo luogo, la maggior parte dei governi finanzia la propria spesa per i servizi pubblici (e la guerra) attraverso il finanziamento del debito, il che significa che vendono obbligazioni (aumentano anche le tasse, ma lasciamo da parte questo per ora). Ad esempio, il governo britannico ha venduto oltre 500 miliardi di sterline (circa 681 miliardi di dollari) in obbligazioni nel 2020, mentre il governo degli Stati Uniti deve 1,1 trilioni di dollari alla sola Cina attraverso la vendita di obbligazioni.

Immagina se tale debito fosse denominato in bitcoin. Sapendo che BTC ha un’offerta fissa ed è una valuta deflazionistica, potrebbe potenzialmente rendere un debito di $ 1 trilione ancora più follemente costoso in pochi anni. Lo stesso vale per le obbligazioni societarie, che hanno raggiunto $ 1,3 trilioni negli Stati Uniti nel 2020.

Il tema delle obbligazioni societarie tocca un altro problema: rendendo il credito più costoso, bitcoin limiterebbe potenzialmente la crescita economica, rendendo più difficile per le aziende rimborsare i prestiti. Copiose quantità di ricerche hanno da tempo dimostrato che l’aumento dei tassi di interesse (e il prestito in bitcoin equivarrebbe a imporre un alto tasso di interesse) si traduce in più fallimenti aziendali e fallimenti. Una possibile via d’uscita sarebbe quella di compensare effettivamente la deflazione di bitcoin aggiungendo un tasso di interesse negativo, in modo che i mutuatari debbano effettivamente rimborsare un po ‘meno BTC di quello che ricevono. Ma i creditori sarebbero davvero disposti ad accettare meno bitcoin di quelli che hanno prestato, in particolare quando potrebbero semplicemente sedersi sul loro bitcoin e lasciarlo apprezzare?

E una delle altre sfortunate conseguenze della valuta deflazionistica come il bitcoin è che probabilmente indebolirebbe i consumi, qualcosa che ha dimostrato (nel caso del Giappone) di provocare una stagnazione economica.

In effetti, possono avere un brutto colpo, ma le valute inflazionistiche hanno i loro usi e benefici, e stimolare la spesa – e quindi la creazione di posti di lavoro – è una delle loro principali virtù. Allo stesso modo, la capacità dei governi di stampare denaro e spendere di più durante le crisi economiche (come con Covid-19) è anche piuttosto importante per quanto riguarda l’appianamento dei cicli economici, con ricerche che dimostrano che gli shock monetari (cioè la mancanza di denaro) durante l’era del gold standard spesso hanno esacerbato la gravità e la durata delle contrazioni.

Riserve, non valute

Fondamentalmente, ci sono molte ragioni per cui la maggior parte degli stati-nazione non vorrebbe sostituire le loro valute legali esistenti con bitcoin.

D’altra parte, i sostenitori dell’iperbitcoinizzazione potrebbero sostenere che il processo di bitcoin che diventa la forma dominante di valuta non avrà nulla a che fare con i governi, che potrebbero persino diventare irrilevanti o obsoleti al momento dell’ascesa di BTC. Tuttavia, la scomparsa di governi e stati-nazione (come implicavano i commenti di Aleks Svetski) è un risultato così speculativo, remoto e alieno, che sarebbe molto difficile prevedere, tra le altre cose, se bitcoin diventerà la valuta dominante in un tale scenario.

Ma anche se la prospettiva di iperbitcoinizzazione è improbabile, è anche opinione di questo autore che potremmo alla fine assistere a numerose banche centrali e / o governi che adottano bitcoin come attività di riserva di qualche tipo. Supponendo che il bitcoin continui ad essere acquistato e investito da importanti istituzioni e società, il suo valore prima o poi aumenterà a un livello in cui molti governi potrebbero trovare difficile resistere al possesso di bitcoin oltre all’oro.

Questo è fondamentalmente ciò che prevede il CEO di Morpher Martin Fröhler, anche se è arrivato a suggerire che il bitcoin sostituirà l’oro.

“Il prossimo ciclo di dimezzamento vedrà una maggiore adozione di Bitcoin come moneta a corso legale da parte dei paesi in via di sviluppo e, entro il 2030, Bitcoin avrà sostituito l’oro come attività di riserva globale”, ha affermato.

E dal punto di vista degli attuali possessori di bitcoin, questo dovrebbe essere quasi altrettanto buono dell’iperbitcoinizzazione, poiché implicherà un prezzo molto elevato.

Subscribe
Notificami

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels leeloo thefirst 8919573

Inverno delle criptovalute: quando finirà

paypal

Metaverso Facebook vs Metaverso Crypto: tutto quello che c’è da sapere