in

Che cos’è una crisi finanziaria?

In una crisi finanziaria, i prezzi delle attività vedono un forte calo di valore, le imprese ei consumatori non sono in grado di pagare i propri debiti e le istituzioni finanziarie registrano carenze di liquidità. Una crisi finanziaria è spesso associata a un panico o una corsa agli sportelli  durante la quale gli investitori svendono attività o ritirano denaro dai conti di risparmio perché temono che il valore di tali attività diminuirà se rimangono in un istituto finanziario. Altre situazioni che possono essere etichettate come una crisi finanziaria includono lo scoppio di una bolla finanziaria speculativa , un crollo del mercato azionario , un default sovrano o una crisi valutaria. Una crisi finanziaria può essere limitata alle banche o estendersi a una singola economia, l’economia di una regione o le economie mondiali.

Che cosa causa una crisi finanziaria?

Una crisi finanziaria può avere molteplici cause. In generale, una crisi può verificarsi se le istituzioni o le attività sono sopravvalutate e può essere aggravata da un comportamento degli investitori irrazionale o simile a un branco. Ad esempio, una rapida serie di svendite può comportare prezzi degli asset più bassi, inducendo le persone a scaricare gli asset o a prelevare enormi risparmi quando si vocifera di un fallimento bancario.

PUNTI CHIAVE

  • Il panico bancario è stato all’origine di numerose crisi finanziarie del XIX, XX e XXI secolo, molte delle quali hanno portato a recessioni o depressioni.
  • Crash del mercato azionario, crisi del credito, scoppio di bolle finanziarie, insolvenze sovrane e crisi valutarie sono tutti esempi di crisi finanziarie.
  • Una crisi finanziaria può essere limitata a un singolo paese o un segmento di servizi finanziari, ma è più probabile che si diffonda a livello regionale o globale.

I fattori che contribuiscono a una crisi finanziaria includono fallimenti sistemici, comportamento umano imprevisto o incontrollabile, incentivi ad assumersi troppi rischi, assenza o fallimenti normativi o contagi che equivalgono a una diffusione simile a virus di problemi da un’istituzione o da un paese all’altro. Se lasciata incontrollata, una crisi può portare un’economia in recessione o depressione. Anche quando vengono prese misure per evitare una crisi finanziaria, possono comunque verificarsi, accelerare o approfondire.

Esempi di crisi finanziarie

Le crisi finanziarie non sono rare; sono accaduti da quando il mondo ha avuto valuta. Alcune crisi finanziarie ben note includono:

  • Tulip Mania (1637). Sebbene alcuni storici sostengano che questa mania non abbia avuto così tanto impatto sull’economia olandese, e quindi non dovrebbe essere considerata una crisi finanziaria, ha coinciso con uno scoppio di peste bubbonica che ha avuto un impatto significativo sul paese. Con questo in mente è difficile dire se la crisi sia stata precipitata da speculazioni eccessive o da pandemia.
  • Crisi del credito del 1772. Dopo un periodo di rapida espansione del credito, questa crisi iniziò a marzo / aprile a Londra. Alexander Fordyce, socio di una grande banca, ha perso una somma enorme vendendo azioni della Compagnia delle Indie Orientali ed è fuggito in Francia per evitare il rimborso. Il panico ha portato a una corsa alle banche inglesi che hanno lasciato più di 20 grandi banche bancarie in bancarotta o interrompendo i pagamenti a depositanti e creditori. La crisi si è rapidamente diffusa in gran parte dell’Europa. Gli storici tracciano una linea tra questa crisi e la causa del Boston Tea Party – legislazione fiscale impopolare nelle 13 colonie – e la conseguente agitazione che ha dato vita alla Rivoluzione americana.
  • Stock Crash del 1929 . Questo crollo, iniziato il 24 ottobre 1929, ha visto i prezzi delle azioni crollare dopo un periodo di speculazioni selvagge e prestiti per acquistare azioni. Ha portato alla Grande Depressione , che è stata avvertita in tutto il mondo per oltre una dozzina di anni. Il suo impatto sociale è durato molto più a lungo. Uno dei fattori scatenanti del crollo è stato un drastico eccesso di offerta di raccolti di materie prime, che ha portato a un forte calo dei prezzi. A seguito del crollo è stata introdotta un’ampia gamma di regolamenti e strumenti di gestione del mercato.
  • 1973 crisi petrolifera OPEC. I membri dell’OPEC hanno avviato un embargo petrolifero nell’ottobre 1973 contro i paesi che hanno sostenuto Israele nella guerra dello Yom Kippur. Alla fine dell’embargo, un barile di petrolio ammontava a $ 12, da $ 3. Dato che le economie moderne dipendono dal petrolio, i prezzi più alti e l’incertezza hanno portato al crollo del mercato azionario del 1973-74, quando un mercato ribassista persistette dal gennaio 1973 al dicembre 1974 e il Dow Jones Industrial Average perse il 45% del suo valore.
  • Crisi asiatica del 1997-1998. Questa crisi è iniziata nel luglio 1997 con il crollo del baht thailandese . In mancanza di valuta estera, il governo thailandese è stato costretto ad abbandonare il suo ancoraggio al dollaro USA e ha lasciato fluttuare il baht. Il risultato è stata un’enorme svalutazione che si è diffusa in gran parte dell’Asia orientale, colpendo anche il Giappone, nonché un enorme aumento del rapporto debito / PIL. Sulla sua scia, la crisi ha portato a una migliore regolamentazione e vigilanza finanziaria.
  • La crisi finanziaria globale 2007-2008. Questa crisi finanziaria è stata il peggior disastro economico dal crollo del mercato azionario del 1929. È iniziata con una crisi dei mutui subprime nel 2007 e si è espansa in una crisi bancaria globale con il fallimento della banca di investimento Lehman Brothers nel settembre 2008. Enormi salvataggi e altre misure intendeva limitare la diffusione dei danni falliti e l’economia globale cadde in recessione.

La crisi finanziaria globale

In quanto evento di crisi finanziaria più recente e più dannoso, la crisi finanziaria globale, merita un’attenzione speciale, poiché le sue cause, effetti, risposte e lezioni sono più applicabili al sistema finanziario attuale.

Standard di prestito allentati

La crisi è stata il risultato di una sequenza di eventi, ciascuno con il proprio innesco e culminati nel quasi collasso del sistema bancario. È stato affermato che i semi della crisi furono seminati già negli anni ’70 con il Community Development Act, che imponeva alle banche di allentare i loro requisiti di credito per i consumatori a basso reddito, creando un mercato per i mutui subprime .

Una crisi finanziaria può assumere molte forme, compreso un panico bancario / creditizio o un crollo del mercato azionario, ma differisce da una recessione, che è spesso il risultato di tale crisi.

L’ammontare del debito dei mutui subprime, garantito da Freddie Mac e Fannie Mae , ha continuato ad espandersi nei primi anni 2000, quando il Federal Reserve Board ha iniziato a tagliare drasticamente i tassi di interesse per evitare una recessione. La combinazione di requisiti di credito allentati e denaro a buon mercato ha stimolato un boom immobiliare, che ha guidato la speculazione, facendo aumentare i prezzi delle case e creando una bolla immobiliare.

Strumenti finanziari complessi

Nel frattempo, le banche di investimento, alla ricerca di facili profitti sulla scia del crollo delle dotcom e della recessione del 2001, hanno creato obbligazioni di debito collateralizzate (CDO) dai mutui acquistati sul mercato secondario. Poiché i mutui subprime erano associati a mutui primari, non c’era modo per gli investitori di comprendere i rischi associati al prodotto. Quando il mercato dei CDO iniziò a surriscaldarsi, la bolla immobiliare che si stava costruendo da diversi anni era finalmente esplosa. Con il calo dei prezzi delle case, i mutuatari subprime hanno iniziato a non accettare prestiti che valevano più delle loro case, accelerando il calo dei prezzi.

Iniziano i fallimenti, si diffonde il contagio

Quando gli investitori si sono resi conto che i CDO erano inutili a causa del debito tossico che rappresentavano, hanno tentato di scaricare gli obblighi. Tuttavia, non c’era mercato per i CDO. La successiva cascata di fallimenti dei mutuanti subprime creò un contagio di liquidità che raggiunse i livelli superiori del sistema bancario. Due delle principali banche di investimento, Lehman Brothers e Bear Stearns, sono crollate sotto il peso della loro esposizione al debito subprime e più di 450 banche hanno fallito nei successivi cinque anni. Molte delle principali banche erano sull’orlo del fallimento e sono state salvate da un piano di salvataggio finanziato dai contribuenti.

Risposta

Il governo degli Stati Uniti ha risposto alla crisi finanziaria abbassando i tassi di interesse quasi a zero, riacquistando mutui e debito pubblico e salvando alcune istituzioni finanziarie in difficoltà. Con tassi così bassi, i rendimenti obbligazionari sono diventati molto meno attraenti per gli investitori rispetto alle azioni. La risposta del governo ha innescato il mercato azionario, che è andato su una corsa al rialzo di 10 anni con l’S & P 500 che è tornato del 250% in quel periodo. Il mercato immobiliare statunitense si è ripreso nella maggior parte delle principali città e il tasso di disoccupazione è diminuito quando le imprese hanno iniziato ad assumere e fare più investimenti.

Nuovi regolamenti

Un grande risultato della crisi è stata l’adozione del Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act , un enorme pezzo di legislazione di riforma finanziaria approvata dall’amministrazione Obama nel 2010. Dodd-Frank ha apportato modifiche sostanziali a ogni aspetto della finanza statunitense. contesto normativo, che ha toccato ogni organismo di regolamentazione e ogni attività di servizi finanziari. In particolare, Dodd-Frank ha avuto i seguenti effetti:

  • Regolamentazione più completa dei mercati finanziari, inclusa una maggiore supervisione dei derivati, che sono stati introdotti negli scambi.
  • Sono state consolidate le agenzie di regolazione, che erano state numerose e talvolta ridondanti.
  • Un nuovo organo, il Financial Stability Oversight Council , è stato ideato per monitorare il rischio sistemico.
  • Sono state introdotte maggiori tutele per gli investitori, inclusa una nuova agenzia per la protezione dei consumatori ( Consumer Financial Protection Bureau ) e standard per i prodotti “plain vanilla”.
  • L’introduzione di processi e strumenti (come le infusioni di denaro) intendeva aiutare con la liquidazione delle istituzioni finanziarie fallite.
  • Misure intese a migliorare gli standard, la contabilità e la regolamentazione delle agenzie di rating del credito.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Piano di acquisto diretto di azioni (DSPP)

Piano di acquisto diretto di azioni (DSPP)

Tasso di rendimento ponderato in base al denaro

Tasso di rendimento ponderato in base al denaro