in

Come acquistare azioni Shazam

La tecnologia ha reso il nostro mondo un luogo più accessibile in cui vivere e ci collega in modi che solo pochi anni fa sembravano inimmaginabili. Per quelli di una certa età, è interessante guardare indietro alla vita – quando le possibilità esagerate della tecnologia erano limitate al regno immaginario dei blockbuster di Hollywood – e ricordare un’esistenza libera dalle trappole tecnologiche con cui viviamo attualmente.

Ma oggi, grazie all’incredibile ingegnosità, ora possiamo utilizzare app per telefoni cellulari per identificare i brani riprodotti a portata d’orecchio. Shazam è una di quelle app. L’immensa popolarità di Shazam tra gli utenti di app e gli amanti della musica lo rende un’opzione azionaria interessante. Il problema, tuttavia, è che non è una società quotata in borsa. Uno dei marchi più riconoscibili al mondo, Apple, ha acquistato l’app a dicembre 2017, rendendo le sue scorte un logico sostituto per chi è interessato a Shazam. 

Contenuti

  1. Shazam: una panoramica
  2. Tempi duri presto per Shazam
  3. Apple ha acquisito Shazam
  4. Come acquistare azioni Apple 
  5. Stock di mele: una sinossi

Shazam: una panoramica

Shazam è il sogno di un amante della musica. Immagina di sentire una canzone della tua infanzia che non potresti mai identificare, o anche una canzone che stai ascoltando per la prima volta. Forse digitare alcuni testi riconoscibili in un motore di ricerca potrebbe rivelare la melodia, ma non è mai una cosa sicura. O canticchiando la melodia a un amico con la speranza che sia in grado di decodificare la tua interpretazione. 

Shazam rende queste opzioni obsolete.

Shazam è un’app di riconoscimento musicale che ascolta una canzone e in pochi secondi può dirti il ​​titolo e l’artista. Chris Barton, Philip Inghelbrecht, Avery Wang e Dhiraj Mukherjee hanno sviluppato l’idea per Shazam nel 1999. La visione iniziale del quartetto del software era di usarlo come dispositivo di monitoraggio radio dove gli utenti mobili potevano scoprire, in tempo reale, la canzone attualmente in riproduzione alla radio. 

Ma Barton percepiva una portata limitata con quell’approccio e credeva che sarebbe stato facile per un concorrente piombare e aggirare quello che stavano facendo.

Così, mentre viveva a Londra, ha modificato il suo pensiero e ha iniziato a sezionare il loro modello di business per verificarne in modo proattivo i punti deboli. Ha interiorizzato le parole di uno dei suoi professori universitari che ha detto che gli imprenditori devono pensare costantemente fuori dagli schemi se vogliono creare idee innovative e utili. 

Per aggiungere ulteriore innovazione alla loro idea, Barton e il suo team hanno configurato il software per fornire agli utenti anche la possibilità di acquistare musica, guardare video, vedere testi e inviare biglietti di auguri musicali agli amici.

Non solo la loro idea era un concetto fuori dagli schemi, ma era anche molti anni in anticipo sui tempi. La natura primitiva dei telefoni cellulari nel 1999 – limitati a effettuare e ricevere chiamate o inviare e ricevere messaggi di testo occasionali – ha limitato l’espansione di Shazam a breve termine. L’idea è stata sviluppata 7 anni prima dell’iPhone e 8 anni prima dell’App Store. 

Shazam è stato reso disponibile per la prima volta nel Regno Unito nel 2002 e gli utenti chiamavano semplicemente 2580 quando sentivano una musica ambient in uno spazio pubblico. Quindici secondi dopo, l’utente riceveva un messaggio di testo con il titolo e l’artista della canzone. All’utente venivano addebitati 0,63 centesimi se il sistema identificava con successo una canzone; non ci sarebbe alcun addebito se non fosse così. Ma senza il sostegno di milioni di utenti, le entrate erano limitate. 

Tempi duri presto per Shazam

L’idea rivoluzionaria di Shazam non equivaleva subito alla redditività. Il mercato semplicemente non era pronto per questo. La società aveva fatto affidamento su finanziamenti di capitale di rischio, che alla fine si sono conclusi con diversi round di licenziamenti. Col senno di poi, i fondatori hanno riconosciuto che se avessero avuto la possibilità di fare le cose in modo diverso, avrebbero aspettato diversi anni per entrare nel mercato in un momento in cui i consumatori erano pronti e quando la tecnologia era più avanzata. 

Ma così com’era, Shazam è rimasto snello mentre perfezionava il suo processo. Non è stato fino al 2007 quando Apple ha introdotto l’iPhone e nel 2008, quando la società ha lanciato l’App Store, la popolarità di Shazam è decollata. È stata una delle prime app su App Store. Quello che era iniziato come un programma di riconoscimento delle canzoni equo utilizzato come dispositivo di monitoraggio radio si è ora trasformato in un’app che è stata scaricata 1 miliardo di volte in tutto il mondo, con gli utenti che identificano le canzoni 20 milioni di volte al giorno.

Barton, Inghelbrecht, Wang e Mukherjee hanno lasciato l’azienda in momenti diversi per motivi diversi, ma Shazam è diventato il prodotto che avevano sognato.

Apple ha acquisito Shazam

Nel dicembre 2017, Apple ha acquisito Shazam per $ 400 milioni. L’accordo è stato finalizzato dopo che i regolatori europei hanno indagato sulla transazione per potenziali violazioni dell’antitrust. Gli investigatori alla fine hanno stabilito che l’accordo di Apple non avrebbe ridotto la concorrenza nel mercato dello streaming di musica digitale.

L’accordo a 9 cifre è stata una delle più grandi acquisizioni di Apple, un segno significativo che la società ambiva alle prospettive a lungo termine di Shazam. Questo accordo mette Apple in concorrenza diretta con altri fornitori come Spotify e Pandora. Sarà interessante vedere come Apple incorpora le funzioni principali di Shazam nelle sue piattaforme musicali.

L’acquisizione di Shazam da parte di Apple rende le azioni blue chip un possibile obiettivo per gli investitori che amano la musica. 

Come acquistare azioni Apple 

Apple Inc. (NASDAQ: AAPL) è un’azienda globale che progetta, produce e commercializza comunicazioni mobili, dispositivi multimediali e personal computer e vende una varietà di software, servizi, accessori e applicazioni e contenuti digitali di terze parti. Ha i propri sistemi operativi, inclusi iOS, macOS, watchOS e tvOS.

L’azienda deve affrontare un’immensa concorrenza sia da parte di società straniere che nazionali con un capitale operativo significativo e una lunga esperienza nella fornitura di prodotti e servizi a un’ampia base di clienti.  

Apple ritiene che uno dei suoi principali elementi di differenziazione come azienda sia l’esperienza di acquisto del cliente. I negozi al dettaglio dell’azienda si trovano in genere in luoghi ad alto traffico in centri commerciali di qualità e quartieri dello shopping urbano. Gestendo i suoi negozi e individuandoli in luoghi desiderabili, Apple ritiene di essere in una posizione migliore per garantire un’esperienza di acquisto dei clienti di alta qualità e attirare nuovi clienti. 

Affermare che le azioni Apple sono andate bene durante i 39 anni dalla sua offerta pubblica iniziale sarebbe un eufemismo epico. Secondo un calcolo, se avessi investito $ 1.000 in azioni Apple il giorno della sua IPO, il 12 dicembre 1980, oggi varrebbe ben oltre $ 430.000, che include apprezzamento del prezzo e dividendi. Questo la dice lunga sulle prestazioni dell’azienda quanto sulla sua capacità di resistenza. 

La performance più recente della compagnia merita comunque di essere vista. Nel 2 ° trimestre 2019, la società ha registrato vendite nette di $ 58 miliardi, in calo del 5% rispetto al trimestre precedente. Il suo netto di $ 11,56 miliardi rappresenta una diminuzione del 16%. 

Tuttavia, un titolo blue-chip come Apple richiede ancora un occhio attento agli investimenti. Si applica l’adagio di lunga data che “i risultati passati non sono garanzia di risultati futuri”. Tuttavia, Apple potrebbe essere un’aggiunta impressionante al tuo portafoglio. Ecco alcuni passaggi di base se sei interessato alle sue scorte, che sono simili a come acquistare le azioni Nintendo.    

Passaggio 1: conduci la tua ricerca.

Stabilire una base di conoscenza è fondamentale per investire: conoscenza delle azioni, dei broker, del processo. Sebbene non sia necessario ottenere il livello di esperienza corrispondente a un broker, ti consente di navigare nel processo in un modo che alimenta scelte ben informate. Parte di questa conoscenza di base è imparare a leggere una quotazione del mercato azionario. Conclusione: impara tutto ciò che puoi sull’investimento.  

Passaggio 2: scegli un broker.

Se sei interessato alle azioni Apple, puoi utilizzare un broker online o stabilire una relazione di persona con un broker locale. Ci sono alcune differenze principali tra queste opzioni, la più ovvia è la variazione nella struttura delle commissioni e delle commissioni. Anche i costi possono variare, quindi raccogli quante più informazioni prima di andare avanti. In definitiva, tuttavia, stabilire un livello di comfort con il broker giusto è forse il passo più importante verso il tuo viaggio di investimento. 

Passaggio 3: stabilire e costruire una relazione con un broker.

Il tuo broker dovrebbe conoscere i tuoi obiettivi finanziari e la tua tolleranza al rischio, e dovresti conoscere e sentirti a tuo agio con il tuo broker. Se tutto va bene, la tua relazione potrebbe essere a lungo termine. Se è così, deve esserci un solido rapporto. Questo è un passaggio importante e potrebbe essere trascurato e ignorato se il tuo portafoglio sta andando bene. 

Passaggio 4: finanzia un account.

Se sei contrario a lavorare con un broker, puoi creare un account di intermediazione online. Crea un account e collega le tue informazioni bancarie per trasferire fondi o trasferire denaro sul conto. In ogni caso, una volta che i fondi sono stati depositati, sei pronto per iniziare a fare trading. 

Passaggio 5: finalizza l’acquisto di azioni Apple.

Apple è quotata come AAPL sul NASDAQ. Ora sei pronto per acquistare azioni Apple al prezzo corrente per azione, al netto di eventuali commissioni o costi correlati utilizzando il tuo broker online o il tuo intermediario di zona.

Stock di mele: una sinossi

Apple ha acquisito Shazam, in parte, per rafforzare la propria posizione nel business della musica digitale. Fa parte della continua espansione dell’azienda scoprire e fornire contenuti e applicazioni digitali attraverso il suo hardware, software e servizi innovativi. La massiccia presenza di Apple nel mercato odierno è nota anche a chi non ha interesse o conoscenza in magazzino. Tuttavia, la società ha un’incredibile brand equity che è ulteriormente rafforzata dai racconti classici sulle sue azioni, incluso come il giorno della sua IPO nel dicembre 1980, abbia creato più di 300 milionari in un solo giorno.

Apple è la prima società statunitense quotata in borsa a raggiungere una capitalizzazione di mercato di $ 1 trilione. Ma il suo viaggio verso la vetta non è sempre stato facile. L’azienda ha avuto una serie di calcoli errati e fatturato nella leadership, che ha portato alla cacciata del fondatore Steve Jobs nel 1985. Anni dopo Apple ha sopportato la minaccia di bancarotta, una ristrutturazione e un’inversione di tendenza di successo – avviando una strategia più snella per soddisfare la domanda dei clienti – e ha iniziato a farlo. produrre una linea di prodotti innovativi e vincenti. 

La società ha introdotto l’iPod nel 2001. Ha venduto più di 400 milioni di unità e ha contribuito a ribaltare l’industria musicale. Nel 2007, l’azienda ha introdotto forse uno dei prodotti più influenti della storia con il suo iPhone. Dal suo lancio sono stati venduti oltre 1,5 miliardi di iPhone, rivoluzionando il modo in cui i consumatori interagiscono con la tecnologia.  

Il prezzo delle azioni di Apple pone alcuni investitori fuori dal gioco. Ma per chi ha le risorse, dovrebbe rimanere un investimento interessante. 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Spesa dei consumatori: dove spendono i soldi? Abitudini di spesa [India]

Spesa dei consumatori: dove spendono i soldi? Abitudini di spesa [India]

ROCE Vs ROE: Differenza tra ROE e ROCE nel mercato azionario

ROCE Vs ROE: Differenza tra ROE e ROCE nel mercato azionario