in

Cos’è il Currency Peg?

Cos’è il Currency Peg?

Il pegging valutario si verifica quando un paese collega, o aggancia, il suo tasso di cambio a un’altra valuta, o paniere di valute, o un’altra misura di valore, come l’oro. Il pegging viene talvolta definito tasso di cambio fisso .

Un ancoraggio valutario viene utilizzato principalmente per fornire stabilità a una valuta attribuendone il valore, in un rapporto predeterminato, a una valuta diversa e più stabile. In quanto valuta di riserva più diffusa al mondo, il dollaro USA (USD) non è sorprendentemente la valuta a cui è ancorata la maggior parte delle valute.

Il dollaro USA

Oltre 66 paesi hanno le loro valute ancorate al dollaro USA. Ad esempio, la maggior parte delle nazioni caraibiche, come Bahamas, Bermuda e Barbados, ancorano le loro valute al dollaro perché il turismo, che è la loro principale fonte di reddito, è principalmente condotto in dollari USA.

Ciò rende le loro economie stabili e meno soggette a shock.

Inoltre, anche le nazioni produttrici di petrolio, come Oman, Arabia Saudita e Qatar, ancorano le loro valute al dollaro USA per motivi di stabilità; gli Stati Uniti sono il loro principale partner commerciale del petrolio.

Ci sono anche paesi fortemente dipendenti dal settore finanziario, come Hong Kong, Singapore e Malesia; l’ancoraggio delle loro valute al dollaro USA fornisce loro la protezione tanto necessaria contro le sorprese e i movimenti del mercato forex.

Paesi come la Cina che esportano la maggior parte dei loro prodotti negli Stati Uniti, vorrebbero ancorare le loro valute al dollaro USA per ottenere o preservare prezzi competitivi.

Creando e mantenendo deliberatamente le loro valute a un tasso inferiore a quello del dollaro USA, i loro prodotti di esportazione ottengono un vantaggio comparativo nel mercato americano.

In altri casi, le nazioni in via di sviluppo oi paesi con economie volatili, di solito ancorano le loro valute al dollaro USA per proteggersi da una potenziale inflazione.

Monitoraggio dell’ancoraggio valutario

Poiché anche il dollaro USA oscilla, la maggior parte dei paesi di solito fissa le proprie valute a un intervallo di dollari anziché a un numero praticamente fisso. Dopo aver fissato una valuta, la banca centrale ne monitora il valore rispetto al valore del dollaro USA.

Se la valuta sale al di sopra o scende al di sotto dell’ancoraggio, la banca centrale utilizzerà i suoi strumenti monetari, come l’acquisto o la vendita di titoli del tesoro sul mercato secondario, per ripristinare l’ancoraggio.

Pro e contro dei pioli di valuta

Gli ancoraggi valutari hanno vantaggi significativi. Forniscono una base fondamentale per la pianificazione del governo e promuovono anche credibilità e disciplina nelle politiche monetarie, soprattutto nel caso di economie impoverite e instabili. Con una volatilità ridotta, le aziende possono anche ottenere un vantaggio competitivo sui mercati internazionali contro i rivali che affrontano il rischio di cambio.

Ma anche gli ancoraggi valutari sono associati agli svantaggi. I paesi che adottano ancoraggi valutari sono naturalmente suscettibili all’influenza straniera. Pertanto, in caso di squilibri commerciali, potrebbe esserci difficoltà nell’ottenere aggiustamenti automatici del tasso di cambio; e una piccola deviazione dal piolo potrebbe invitare pesanti attacchi speculativi.

Tuttavia, sono le crisi finanziarie a minacciare il collasso o la rimozione dei vincoli valutari. Ad esempio, c’è stato un tempo in cui il governo britannico ha ancorato la sua valuta al marco tedesco.

La banca centrale tedesca, Bundesbank, ha aumentato i tassi di interesse per frenare l’inflazione interna. Questa non era la situazione ideale per l’economia britannica, che ha sofferto molto a causa delle preoccupazioni in altre giurisdizioni. Tuttavia, gli ancoraggi valutari rimangono un utile strumento finanziario che promuove la responsabilità fiscale, la stabilità e la trasparenza.

Stablecoin

Con i numerosi vantaggi dei pioli valutari, è per questo che l’idea è riuscita a insinuarsi nel mondo delle criptovalute. Le stablecoin sono la versione più recente del pegging nel mondo delle criptovalute.

Uno stablecoin è una criptovaluta il cui valore è ancorato a un asset del mondo reale, come una valuta fiat. Ora ci sono oltre 50 progetti nel mondo delle criptovalute che coinvolgono le stablecoin.

Le stablecoin svolgono una funzione importante in un settore afflitto da un’elevata volatilità dei prezzi; oscillazioni di prezzo del 5-10% al giorno non sono rare nelle criptovalute. Le stablecoin offrono l’utilità di convertire facilmente le criptovalute in denaro fiat. Sono essenzialmente uno sforzo per fornire i vantaggi delle criptovalute insieme alla stabilità e alla fiducia del fiat convenzionale.

Andando avanti, però, le stablecoin risolverebbero i problemi di liquidità di molti scambi di criptovalute, mentre la tecnologia potrebbe anche aprire la strada a più servizi finanziari, come prestiti e assicurazioni, da implementare nel mondo delle criptovalute.

Alcuni esempi di stablecoin includono Tether e TrueUSD che sono ancorati al dollaro USA e bitCNY, che è ancorato allo yuan cinese (CNY).

Parole finali

I pegging valutari svolgono un ruolo significativo nel trading forex e apprenderli può anche creare opportunità di arbitraggio per i trader. Imparare di più sui mercati e capire quale impatto sui movimenti del mercato, amplierà senza dubbio la tua capacità di trarre vantaggio dalle opportunità a basso rischio ma redditizie aprendo un conto di trading forex. Unisciti subito al broker AvaTrade e accedi al nostro centro educativo completo ed entra nell’arena del trading con sicurezza.

FAQ principali di Currency Peg

  • Cosa succede quando si rompe un ancoraggio valutario?

    Il pegging di una valuta crea un livello di scambio artificiale, ma solitamente sostenibile se fatto in modo realistico. Tuttavia, c’è sempre la minaccia che i mercati, gli speculatori o i trader di valuta possano sopraffare l’ancoraggio che è stato messo in atto. Quando ciò accade, è noto come un piolo rotto e l’incapacità di un paese di difendere la propria valuta dal piolo rotto può portare rapidamente alla svalutazione della valuta e a gravi interruzioni dell’economia locale.

  • Quali sono i reali vantaggi degli ancoraggi valutari?

    Ci sono una serie di ragioni per cui i paesi preferiscono legare la loro valuta a un’altra. Questi motivi includono una maggiore stabilità per la valuta fissata, un aumento degli scambi e un aumento del reddito reale e dei profitti per le imprese. Quando il rischio di cambio viene rimosso dall’equazione economica, sia il paese di pegging che il paese la cui valuta viene utilizzata per il pegging possono trarre vantaggio da una maggiore specializzazione, commercio e scambio. L’investimento a lungo termine diventa anche più vantaggioso quando un ancoraggio valutario rimuove la minaccia di instabilità e interruzioni economiche.

  • Quali sono gli svantaggi degli ancoraggi valutari?

    La banca centrale del paese di pegging deve mantenere un occhio vigile sull’offerta e sulla domanda della propria valuta per assicurarsi che non si sbilanci. Ciò significa mantenere adeguate riserve di valuta estera per contrastare qualsiasi acquisto o vendita eccessivo di valuta. Possono sorgere problemi anche se la valuta è fissata a un tasso troppo basso o troppo alto. Nel primo caso vediamo l’erosione del potere d’acquisto dei consumatori, così come le tensioni commerciali tra il paese con il tasso di cambio artificialmente basso ei suoi partner commerciali. In quest’ultimo caso potrebbe diventare sempre più difficile difendere l’ancoraggio poiché una spesa eccessiva per i consumatori creerà deficit commerciali che creeranno pressioni al ribasso sulla valuta fissata. Ciò costringe la banca centrale a spendere le riserve estere per difendere il piolo e alla fine queste riserve estere si esauriscono, portando a un piolo rotto.

Apri un conto di trading in 1 minuto
Ricevi fino a $ 10.000 di bonus di benvenuto!

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Investimenti 44

Le migliori app gratuite per broker

Investimenti 30

Morningstar: cos’è, come funziona, alternative [2021]