in

Cos’è un’importazione?

Un’importazione è un bene o un servizio acquistato in un paese che è stato prodotto in un altro. Le importazioni e le esportazioni sono le componenti del commercio internazionale . Se il valore delle importazioni di un paese supera il valore delle sue esportazioni, il paese ha una bilancia commerciale negativa  (BOT), nota anche come deficit commerciale .

Gli Stati Uniti hanno registrato un deficit commerciale dal 1975. Si è attestato a $ 55,2 miliardi nel 2019, secondo l’US Bureau of Economic Analysis e l’US Census Bureau.

PUNTI CHIAVE

  • Un’importazione si riferisce a un prodotto o servizio prodotto all’estero che viene acquistato nel tuo paese d’origine.
  • È più probabile che i paesi importino beni o servizi che le loro industrie nazionali non possono produrre in modo efficiente o economico come il paese esportatore.
  • Gli accordi di libero scambio e le tabelle tariffarie spesso determinano quali beni e materiali sono meno costosi da importare.
  • Gli economisti e gli analisti politici non sono d’accordo sugli impatti positivi e negativi delle importazioni.

Le basi di un’importazione

È più probabile che i paesi importino beni o servizi che le loro industrie nazionali non possono produrre in modo efficiente o economico come il paese esportatore. I paesi possono anche importare materie prime o merci che non sono disponibili all’interno dei loro confini. Ad esempio, molti paesi importano petrolio perché non possono produrlo a livello nazionale o non possono produrre abbastanza per soddisfare la domanda. Gli accordi di libero scambio e le tabelle tariffarie spesso determinano quali beni e materiali sono meno costosi da importare. Con la globalizzazione e la crescente prevalenza di accordi di libero scambio tra Stati Uniti, altri paesi e blocchi commerciali, le importazioni statunitensi sono aumentate da 473 miliardi di dollari nel 1989 a 3,1 trilioni di dollari nel 2019. [ cita ]

Gli accordi di libero scambio e la dipendenza dalle importazioni da paesi con manodopera a basso costo sembrano spesso responsabili di gran parte del declino dei posti di lavoro nella produzione nella nazione importatrice. Il libero scambio apre la possibilità di importare beni e materiali da zone di produzione più economiche e riduce la dipendenza dai beni nazionali. L’impatto sull’occupazione manifatturiera è stato evidente tra il 2000 e il 2007 ed è stato ulteriormente aggravato dalla Grande Recessione e dalla lenta ripresa successiva.

Disaccordo sulle importazioni

Gli economisti e gli analisti politici non sono d’accordo sugli impatti positivi e negativi delle importazioni. Alcuni critici sostengono che la continua dipendenza dalle importazioni significhi una riduzione della domanda di prodotti fabbricati a livello nazionale, e quindi può ostacolare l’imprenditorialità e lo sviluppo di iniziative imprenditoriali. I sostenitori affermano che le importazioni migliorano la qualità della vita fornendo ai consumatori una scelta più ampia e beni più economici; la disponibilità di questi beni più economici aiuta anche a prevenire l’inflazione dilagante.

Esempio reale di importazioni

I principali partner commerciali degli Stati Uniti, a partire dal 2019, includevano Cina, Canada, Messico, Giappone e Germania. Due di questi paesi sono stati coinvolti nell’accordo di libero scambio nordamericano  (NAFTA) che è stato implementato nel 1994 e, all’epoca, ha creato una delle più grandi zone di libero scambio al mondo. Con pochissime eccezioni, ciò ha consentito la libera circolazione di merci e materiali tra Stati Uniti, Canada e Messico.

Gli Stati Uniti hanno registrato un continuo deficit commerciale dal 1975.

È opinione diffusa che il NAFTA abbia ridotto le parti automobilistiche e la produzione di veicoli negli Stati Uniti e in Canada, con il Messico che è il principale beneficiario dell’accordo in questo settore. Il costo del lavoro in Messico è molto più economico che negli Stati Uniti o in Canada, spingendo le case automobilistiche a trasferire le loro fabbriche “a sud del confine”.

6.5x

Le importazioni statunitensi sono aumentate di 6,55 volte negli ultimi 20 anni, da 473 miliardi di dollari nel 1989 a 3,1 trilioni di dollari nel terzo trimestre del 2019.

Il 30 novembre 2018, gli Stati Uniti, il Canada e il Messico hanno firmato un accordo commerciale per sostituire il NAFTA con l’accordo Stati Uniti-Messico-Canada (USMCA). I suoi punti salienti includono:

  • Estensione dei diritti d’autore sulla proprietà intellettuale e dei brevetti sui farmaci e divieto di dazi su musica e letteratura digitale
  • Richiede che le automobili abbiano il 75% dei loro componenti realizzati in uno dei tre paesi membri
  • Stabilire un salario minimo per i lavoratori automobilistici ed estendere le protezioni sindacali e le sanzioni per le violazioni del lavoro
  • Dare agli agricoltori statunitensi l’accesso al mercato lattiero-caseario canadese

L’USMCA è stato firmato il 30 novembre 2018 da tutte e tre le parti al vertice del G20 a Buenos Aires.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Cos’è un Hurdle Rate?

Cos’è un Hurdle Rate?

Cos’è un banchiere di investimento?

Cos’è un banchiere di investimento?