in

Criptovalute come ETH classificate come titoli?

La maggior parte delle criptovalute sono titoli. Questa, almeno, è l’opinione di Gary Gensler, presidente della Securities and Exchange Commission. In numerose interviste e durante numerosi discorsi, Gensler ha ribadito la sua opinione – e quella della sua agenzia – secondo cui “la maggior parte dei token crittografici sono contratti di investimento nell’ambito del test di Howey”. Ciò significa che sono titoli e se i loro emittenti non li registrano come tali, la SEC potrebbe facilmente intraprendere un’azione legale.

In realtà, questo è già accaduto in più di un’occasione, con la SEC che ha preso provvedimenti negli ultimi anni contro Ripple, Telegram e LBRY, nonché contro diverse piattaforme di trading (come Nexo, Paxos e Gemini). E se il caso in corso tra la SEC e Ripple si concluderà con la sentenza del giudice che presiede a favore del regolatore, allora ci potrebbe essere un’ondata di tali azioni nei prossimi anni.

In effetti, una vittoria della SEC contro Ripple potrebbe fornire la conferma che la maggior parte delle criptovalute, incluso Ethereum (ETH), dovrebbero essere classificate come titoli secondo la legge americana. In quanto tale, potrebbe comportare una contrazione dell’industria delle criptovalute statunitensi poiché piattaforme e progetti si spostano verso la registrazione presso la SEC, anche se potrebbe finire per avvantaggiare inavvertitamente Bitcoin, che la SEC non considera una sicurezza.

Perché la SEC classifica già criptovalute come ETH come titoli

Mentre la legge scritta e il precedente legale rimangono ancora un po ‘oscuri in termini di classificazione delle criptovalute come titoli (o meno), c’è un crescente corpo di discorsi e prove che la SEC crede che la maggior parte siano titoli.

Prendiamo il discorso tenuto da Gary Gensler alla conferenza annuale della Penn Law Capital Markets Association nell’aprile 2022. Ecco una delle affermazioni più rivelatrici:

“Il fatto è che la maggior parte dei token crittografici coinvolge un gruppo di imprenditori che raccolgono denaro dal pubblico in previsione dei profitti – il segno distintivo di un contratto di investimento o di un titolo sotto la nostra giurisdizione. Alcuni, probabilmente solo alcuni, sono come l’oro digitale; potrebbero non essere titoli”.

Gensler ha fatto eco a questa linea di ragionamento altrove, facendolo di recente in un’intervista del febbraio 2023 con Intelligencer del New York Magazine. In questo particolare pezzo, suggerisce che Bitcoin non è una sicurezza, anche se non è del tutto chiaro se questa sia la posizione ufficiale della SEC.

“Tutto tranne bitcoin, puoi trovare un sito web, puoi trovare un gruppo di imprenditori, potrebbero creare le loro entità legali in un paradiso fiscale offshore, potrebbero avere una fondazione […] All’inizio potrebbero lasciare cadere i loro token all’estero e contendere o fingere che ci vorranno sei mesi prima di tornare negli Stati Uniti […] Ma al centro, questi token sono titoli perché c’è un gruppo nel mezzo e il pubblico sta anticipando i profitti basati su quel gruppo. ”

Questa posizione è abbastanza chiara. La SEC considera la maggior parte delle criptovalute come titoli e ha agito in conformità con questo punto di vista, intraprendendo azioni legali laddove ha ritenuto possibile e consequenziale farlo. Ciò include probabilmente monete come Ethereum, in particolare alla luce del passaggio di quest’ultimo a un meccanismo di consenso proof-of-stake.

Cosa succederà se Ripple perderà la sua causa contro la SEC

Tuttavia, le cose potrebbero peggiorare significativamente per le criptovalute se la SEC finisse per vincere il suo caso con Ripple. Come il CEO di Ripple Brad Garlinghouse ha recentemente dichiarato nelle interviste, il risultato di questo caso “sarà fondamentale per l’intero settore”, nella misura in cui stabilirà un precedente che potrebbe portare altri progetti di criptovaluta e aziende ad affrontare azioni legali.

In effetti, il Chief Legal Officer di Ripple, Stuart Alderoty, ha già consigliato alle società crittografiche negli Stati Uniti di stabilirsi all’estero, dato quanto sia incerta la legge attualmente. Una vittoria per il regolatore non farà che peggiorare questa situazione, in quanto fornirà alle opinioni della SEC una conferma legale, incoraggiando anche il regolatore a perseguire altre aziende.

Supponendo una vittoria della SEC, il più grande perdente potrebbe finire per essere gli Stati Uniti, in quanto il suo settore di criptovaluta potrebbe fuggire verso lidi più amichevoli. Tuttavia, per tutte le aziende e le borse che rimangono all’interno della giurisdizione americana, gli effetti saranno probabilmente agghiaccianti.

Qualsiasi borsa con sede negli Stati Uniti sarebbe a rischio di violare le leggi sui titoli. Potrebbero dover fare ciò che Coinbase ha fatto nel dicembre 2020, quando ha rimosso XRP in risposta all’azione della SEC contro Ripple. Ciò li lascerebbe con pochissime criptovalute da elencare legalmente, forse riducendo le sue monete supportate a Bitcoin e ai suoi fork (ad esempio Litecoin, Bitcoin Cash), nonché una piccola infarinatura di token genuinamente decentralizzati e fondati dalla comunità.

Inutile dire che ciò sarebbe estremamente dannoso per quanto riguarda i prezzi. XRP è sceso di circa il 63% entro una settimana dopo il delisting di Coinbase, sottolineando quanto possa essere negativa la perdita di investitori e trader statunitensi per la domanda.

D’altra parte, è del tutto discutibile che una vittoria della SEC sarebbe estremamente rialzista per bitcoin e (in misura minore) per i suoi fork. Come Gary Gensler ha ripetutamente suggerito, l’autorità di regolamentazione dei titoli non considera bitcoin come una sicurezza, quindi gli investitori e le piattaforme di trading negli Stati Uniti sarebbero completamente liberi di detenere e trasferire bitcoin. Pertanto, potremmo vedere il dominio di BTC sul mercato delle criptovalute aumentare notevolmente, potenzialmente spingendolo a nuovi massimi.

Detto questo, il caso LBRY-SEC solleva la speranza che, anche con un esito negativo, gli scambi con sede negli Stati Uniti possano ancora essere liberi di elencare XRP (e per estensione, molte altre criptovalute simili). Questo perché un’udienza di appello ha rilevato che la vendita di token LBC da parte di terzi non rappresenta l’offerta di titoli non registrati. Ciò significa che le terze parti, ad esempio gli scambi, sono legalmente libere di continuare a sostenere le negoziazioni in LBC.

Naturalmente, resta da vedere se gli scambi negli Stati Uniti si sentiranno abbastanza a loro agio da rimettere in vendita LBC, o se si sentirebbero abbastanza a loro agio da elencare numerose altre criptovalute in caso di una sconfitta decisiva di Ripple. Tuttavia, rimane altamente discutibile che le prospettive di una tale sconfitta siano in realtà piuttosto basse.

Come abbiamo scritto numerose volte prima, Ripple ha assicurato una serie di importanti decisioni e sentenze nel suo caso fino ad ora. Più recentemente, la corte ha escluso il parere di un testimone esperto chiamato dalla SEC, che il regolatore aveva sperato avrebbe dimostrato che Ripple aveva creato una ragionevole aspettativa di profitti tra gli acquirenti XRP. Questa esclusione del testimone supporta le argomentazioni secondo cui la SEC non ha sufficientemente dimostrato il suo caso in tribunale e che un accordo potrebbe presto arrivare, uno che consente a Ripple di continuare la sua attività più o meno come prima.

Per questo motivo, il mercato può realisticamente sperare che non entreremo in uno scenario in cui la maggior parte delle criptovalute sono definitivamente classificate come titoli. Ma solo il tempo lo dirà…

Subscribe
Notificami

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels jonathan borba 14856606

Bitcoin fornirà un rendimento?

pexels karolina grabowska 5980576

ChatGPT può aiutarti a ottenere criptovalute di trading?