in

Criptovalute ecologiche: Le 5 migliori su cui investire nel 2022

Non c’è dubbio che le criptovalute abbiano avuto un enorme impatto sull’economia mondiale.

Non c’è dubbio che abbiano avuto un impatto sull’ambiente. Attualmente, Bitcoin consuma circa 150 terawattora di elettricità all’anno, più dell’intero paese argentino.

Man mano che il mondo diventa sempre più digitalizzato, è importante considerare l’impatto ambientale delle scelte che facciamo.

Quando si tratta di criptovalute, le opzioni eco-compatibili sono spesso trascurate a favore di monete più popolari come Bitcoin ed Ethereum.

Tuttavia, le criptovalute eco-compatibili offrono un’alternativa attraente per coloro che cercano di fare investimenti digitali sostenibili o eco-compatibili.

A differenza di Bitcoin ed Ethereum, che richiedono grandi quantità di energia per alimentare le loro reti, le criptovalute eco-compatibili hanno bisogno solo di poche centinaia di macchine.

Man mano che il mondo diventa più consapevole della necessità di ridurre il nostro impatto sull’ambiente, è probabile che le criptovalute eco-compatibili diventino più popolari.

In questo articolo, classificheremo le criptovalute eco-compatibili in base alla quantità più bassa di energia consumata da ciascuna. Ed esplora come puoi determinare la natura sostenibile di una criptovaluta e cosa fare quando investi in esse.

Quindi andiamo a scavare…

Le migliori criptovalute sostenibili in cui investire

Abbiamo studiato e analizzato alcune delle migliori criptovalute sostenibili in cui dovresti considerare di investire. Li abbiamo classificati in base al minor consumo energetico. Questi sono:

#1 Nano

Nano è una criptovaluta a bassa energia relativamente nuova che non utilizza il mining, utilizzando invece la tecnologia “reticolo blockchain” per generare blockchain utente per tutti sulla rete Nano, in modo che ogni utente possa controllare il proprio account.

Le transazioni sono verificate da Open Representative Voting (ORV), con i membri della rete che fungono da validatori.

Gli utenti possono effettuare transazioni peer-to-peer utilizzando le proprie blockchain, il che consente di risparmiare tempo ed energia perché non devono utilizzare la blockchain della rete principale.

Non ha raggiunto lo stesso livello di acclamazione delle altre criptovalute in questo elenco, il che solleva sicuramente alcune preoccupazioni. Ma indica anche che Nano ha più spazio per crescere in quanto è già in cima alla nostra lista come la criptovaluta meno energivora con solo 0,000112 kWh.

#2 Hedera

Hedera è una criptovaluta che funziona su un meccanismo di consenso Proof-of-stake, con un consumo energetico di quasi 0,001 kWh ed è per questo che l’abbiamo classificata al numero 2 della nostra lista.

In teoria, potrebbe competere con i principali processori di pagamento come Visa in termini di transazione al secondo utilizzando molta meno energia rispetto al bitcoin. Invece di elaborare tutto uno dopo l’altro, le transazioni vengono elaborate contemporaneamente, rendendo Hedera più veloce delle precedenti criptovalute come bitcoin.

I creatori di Hedera stanno utilizzando la loro rete per costruire progetti di sostenibilità come il loro software di monitoraggio energetico Power Transition.

È una piattaforma energetica digitale altamente scalabile che consente a clienti e aziende di gestire il proprio consumo energetico su scala di micro reti fino alle reti nazionali.

Può aiutare a ridurre i costi e accelerare il passaggio a un’economia a zero emissioni di carbonio consentendo agli attori di reti di qualsiasi dimensione di comunicare in modo più efficace, con conseguente miglioramento dell’efficienza energetica.

#3 Algorand

Algorand esiste su un meccanismo di consenso proof-of-stake (PoS) con grandi velocità di transazione, commissioni basse e accessibilità. Consente alla rete di eseguire contratti intelligenti, attraverso i quali guida la maggior parte del suo valore, rendendolo uno dei numerosi concorrenti di Ethereum.

Algorand non utilizza il mining e la rete sta tentando di essere un pioniere nella sostenibilità della blockchain generando una rete carbon-negative.

Nell’aprile 2021, hanno annunciato che la loro rete è completamente neutra in termini di emissioni di carbonio. È stato creato per essere efficiente dal punto di vista energetico fin dall’inizio e si è impegnato a compensare eventuali divari di emissione al fine di ridurne ulteriormente l’effetto ambientale.

Classificandosi al 3° posto nella nostra lista, la rete diventa più accessibile, scalabile ed efficiente dal punto di vista energetico con 0,0002 kWh di consumo energetico.

Algorand ha anche collaborato con ClimateTrade, un’organizzazione no profit dedicata ad assistere le aziende nel miglioramento dei loro rapporti di sostenibilità. Utilizzerà una parte delle sue commissioni di rete per acquistare crediti di carbonio attraverso ClimateTrade.

#4 Cardano

Cardano utilizza un meccanismo di consenso Proof-of-Stake (PoS), costruito su una blockchain peer-reviewed. È stato sviluppato da uno dei co-fondatori di Ethereum ed è stato tra le migliori criptovalute al mondo secondo la capitalizzazione di mercato.

Ciò che rende Cardano diverso da Ethereum è che quando le persone acquistano Cardano, diventano membri della rete invece di estrarre nuove monete. Questo stesso riduce il consumo di energia per transazione a quasi 0,5 kWh.

La rete di Cardano è progettata per essere flessibile ed efficiente, consentendole di scalare secondo necessità senza un aumento significativo del consumo di energia.

Leggi la nostra guida completa su Cos’è Cardano? E scopri di più su questa straordinaria rete ecologica.

#5 Chia

All’ultimo posto nella nostra lista, The Chia Network è una blockchain e una piattaforma di transazioni intelligenti che consente agli utenti di sfruttare lo spazio disponibile sul disco rigido per eseguire la rete decentralizzata.

Mette il loro desktop al lavoro fornendo software scaricabile che paga gli utenti in token Chia per l’esecuzione della piattaforma sui loro dischi rigidi. Mentre il processo di “agricoltura” basato su disco rigido di Chia non è così ecologico come alcune delle altre criptovalute in questo elenco, è molto meno energivoro del processo di mining delle blockchain proof-of-work

Invece di proof-of-work, la rete Chia si basa sulla proof-of-space-time. Quindi, l’archiviazione di una certa quantità di dati in un certo periodo di tempo può farti guadagnare XCH, il token di Chia.

L’agricoltura di Chia è stata progettata per essere accessibile, senza bisogno di attrezzature specializzate, né di enormi quantità di energia. Attualmente, la rete Chia consuma 2kWh.

Cosa rende le criptovalute sostenibili ed ecologiche?

Una criptovaluta sostenibile ha un design ecologico e funziona con un basso consumo di energia. Non richiede molta potenza, quindi cerca costantemente nuovi modi per ridurre il suo impatto ambientale pur essendo pienamente funzionale!

La comunità dietro una tale valuta è dedicata a realizzare varie iniziative che renderanno la nostra terra migliore restituendo ciò che prendiamo da essa.

Ci sono tre domande importanti a cui devi trovare risposte prima di determinare se una criptovaluta è sostenibile o meno.

  • Quanta energia consuma?
  • Ha un’impronta di carbonio?
  • Quali iniziative ecologiche hanno intrapreso?

Una singola transazione Ethereum consuma circa 178 kWh. In confronto, le transazioni Nano utilizzano circa 0,000112 kWh e la quantità di energia necessaria per elaborare tale transazione è così bassa che effettivamente non esiste. Questo è ciò che rende Nano la criptovaluta più ecologica e sostenibile, fino ad oggi.

Rispetto ad altre opzioni, è chiaro che le criptovalute con il minor consumo di energia hanno un’impronta di carbonio molto più piccola. Non solo è più ecologico, ma è anche più efficiente e veloce di altre criptovalute.

La Nano Foundation, è una comunità dietro la criptovaluta eco-compatibile ed è dedicata a iniziative rispettose dell’ambiente. Ad esempio, hanno un’iniziativa in cui le persone collaborano con gli alberi attraverso campagne di piantagione di alberi in modo che tutti noi possiamo avere una terra più verde!

Questi sono solo alcuni degli aspetti significativi che possono davvero aiutarti a capire quanto siano sostenibili alcune criptovalute eco-compatibili, pur essendo completamente funzionali.

Le criptovalute future saranno più sostenibili ed ecologiche

Le criptovalute sono qui per rimanere, e quindi devono essere fatte scelte etiche per garantire un ambiente futuro sostenibile.

Per offrire un futuro sostenibile, molti analisti prevedono che le criptovalute eco-compatibili presto inonderanno il mercato. Questo perché offrono una serie di vantaggi rispetto alle criptovalute tradizionali.

Ad esempio, sono più rispettosi dell’ambiente e più facili da usare. Possono essere utilizzati in vari modi, inclusi pagamenti online e trasferimenti di denaro. Questo li rende un’opzione praticabile per le transazioni quotidiane.

Non richiedono tanta energia per produrre e utilizzare, il che significa che sono meno dannosi per l’ambiente. Questo è un grande punto di forza per molte persone, specialmente per coloro che hanno a cuore la sostenibilità.

Secondo l’Ethereum Roadmap Update, la rete si sposterà presto su un sistema POS. Questo è quando Ethereum consumerà il 99,98% in meno di energia di quella che sta consumando in questo momento, il che è molto!

Quindi, entro il 2023, potremmo vedere Ethereum come una delle migliori criptovalute sostenibili ed eco-compatibili.

Con la crescente popolarità del meccanismo proof-of-stake piuttosto che proof-of-work e non facendo affidamento su operazioni di mining ad alta intensità energetica, sembra che il futuro delle criptovalute eco-compatibili sia luminoso e inevitabile.

Considerazioni finali

Se stai cercando di investire in criptovalute eco-compatibili, ecco alcune cose da tenere a mente:

  • Guarda gli obiettivi di un progetto, cosa lo rende unico e i problemi che mira a risolvere.
  • Considera il team dietro il progetto. Hanno esperienza nello spazio crittografico?
  • Sii cauto su quanto investi. La criptovaluta è un mercato volatile e i prezzi possono fluttuare rapidamente. Quindi investi sempre dall’1% al 5% del tuo portafoglio.
  • Tieni d’occhio il consumo di energia. I progetti che non utilizzano la prova del lavoro consumeranno meno energia.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
invest crypto 8

Come scegliere il tipo di account su eToro

invest crypto 27

Utili aziendali: cosa sono e cosa cercare