in

Gli ETF sull’energia guadagnano con il calo delle scorte di petrolio

Un calo delle scorte di greggio indica una ripresa della domanda

I prezzi del petrolio sono saliti ai massimi da 12 mesi mercoledì dopo che l’  Energy Information Administration  (EIA) ha riportato un calo di 994.000 barili nelle scorte di greggio per la settimana terminata il 31 gennaio, indicando una ripresa della domanda. Gli analisti si aspettavano un aumento di 446.000 barili.

PUNTI CHIAVE

  • I prezzi del petrolio hanno raggiunto il massimo da 12 mesi mercoledì dopo che l’EIA ha riportato un calo di 994.000 barili nelle scorte di greggio.
  • Le azioni Energy Select Sector SPDR Fund (  XLE  ) sono tornate al livello di $ 40, dove il prezzo trova una confluenza di  supporto  dalla  media mobile semplice  (SMA) di 50 giorni e  dall’altalena di  inizio agosto .
  • Il Direxion Daily Energy Bull 2X Shares (  ERX  ) trova  supporto  da una linea orizzontale pluriennale e dalla SMA a 50 giorni.

La merce ha anche ricevuto una spinta dalla decisione del gruppo  OPEC+  mercoledì di mantenere la produzione agli stessi livelli concordati nella riunione di gennaio. Il mese scorso, l’alleanza ha concordato di ridurre i tagli alla produzione di febbraio di un magro 75.000 barili al giorno (bpd), mentre il principale produttore del cartello, l’Arabia Saudita, prevede di ridurre la produzione di un ulteriore milione di barili al giorno oltre la sua quota nei prossimi due mesi. “Il mercato petrolifero continua a cercare giorni migliori con un lancio crescente del vaccino (coronavirus), incoraggiando la domanda, mentre l’OPEC+ continua a limitare la produzione, causando il calo delle scorte mondiali”, ha  detto a Reuters  Andrew Lipow di Lipow Oil Associates .

Coloro che vogliono trarre vantaggio dai prezzi del petrolio più alti dovrebbero dare un’occhiata più da vicino a questi due  fondi negoziati in borsa  (ETF) che forniscono esposizione ad alcune delle più grandi società del settore. Rivediamo le metriche di ciascun fondo e passiamo ai grafici per identificare possibili opportunità di trading.

Fondo SPDR Settore Energy Select (XLE)

Con un’enorme base patrimoniale di 13,58 miliardi di dollari, l’Energy Select Sector SPDR Fund cerca di fornire un rendimento simile all’Energy Select Sector Index, un benchmark che comprende le società energetiche statunitensi nell’S&P 500.

Pesi massimi del settore Exxon Mobil Corporation (  XOM  ) e Chevron Corporation (  CVX  ) hanno una ponderazione combinata del 44,54% in un portafoglio di 27 partecipazioni. Dal punto di vista del trading, oltre 30 milioni di azioni si scambiano di mano al giorno con uno  spread  medio dello 0,02% per ridurre al minimo i costi di transazione. A partire dal 4 febbraio 2021, XLE offre un interessante  rendimento da dividendo del  5,62% e viene scambiato del 10% in più da inizio anno (YTD). Nell’ultimo anno, il fondo è scivolato del 20,86%.

Nelle ultime due settimane, le azioni XLE sono tornate al livello di $ 40, dove il prezzo trova una confluenza di supporto dalla SMA a 50 giorni e dall’altalena di inizio agosto. Il rally del 4,27% di mercoledì da quest’area apre le porte a un possibile passaggio fino alla  resistenza  cruciale a 55,50$. Gestisci il rischio inserendo un  ordine di stop-loss  sotto lo swing minimo della scorsa settimana a $ 38,94 e modificandolo fino al  punto di pareggio  se il prezzo supera il massimo di quest’anno a $ 45.

Azioni Direxion Daily Energy Bull 2X (ERX)

Lanciate nel 2008, le azioni Direxion Daily Energy Bull 2X mirano a restituire il doppio della performance giornaliera dell’indice Energy Select Sector, rendendolo effettivamente una versione con  leva  di XLE. Il fondo, pensato per  il trading tattico a  breve termine , è adatto a chi ha una maggiore propensione al rischio e vuole una scommessa più aggressiva sul settore. Circa 5 milioni di azioni girano ogni giorno con spread di centesimi medi, rendendo semplice per i trader entrare e uscire dalle posizioni. A partire dal 4 febbraio 2021, ERX controlla  asset under management  (AUM) per 421,83 milioni di dollari, emette un dividend yield del 2,35% e ha guadagnato il 19,79% dall’inizio dell’anno. Negli ultimi 12 mesi, l’ETF è sceso dell’85,26%.

Nelle recenti sessioni di trading, i  rialzisti  hanno difeso il livello di $ 16, un’area del grafico che trova supporto da una linea orizzontale pluriennale e dalla SMA a 50 giorni. Coloro che acquistano qui dovrebbero cercare il prezzo per chiudere il  divario del  9 marzo 2020 a $ 54,20 che si allinea con il livello di  ritracciamento di Fibonacci  del 38,2% esteso al selloff indotto dalla pandemia dello scorso anno. Proteggi il capitale inserendo un ordine stop da qualche parte al di sotto del minimo di questo mese a $ 14,98.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
2 ETF sul rame per il terzo trimestre del 2021

2 ETF sul rame per il terzo trimestre del 2021

I migliori ETF sulle materie prime agricole per il terzo trimestre del 2021

I migliori ETF sulle materie prime agricole per il terzo trimestre del 2021