in

Il Gold Standard: Fatti e Storia

Il Gold Standard. Oggi il termine denota qualcosa che rappresenta il massimo livello di qualità nella sua categoria.

Il oro, con tutto il suo splendore, è stato ambito, combattuto e apprezzato per migliaia di anni. È stato usato come ornamento sacro e ha proiettato la ricchezza e lo status di monarchi e nobili. E fin dai tempi antichi in cui i Lidii hanno coniato le prime monete d’oro intorno al 550 a.C., il metallo giallo ha giocato un ruolo importante nel sistema monetario.

Ma qual è la storia del Gold Standard e potrebbe essere rivalutato oggi?

Perché il mondo ha stabilito un Gold Standard?

Il rame, l’argento, l’oro e leghe come l’elettrum sono stati la base del commercio e della valuta per migliaia di anni, ma il loro peso rappresentava un problema significativo.

Per affrontare questa situazione, è stata creata la moneta cartacea sotto forma di promesse di pagamento, con i primi utilizzi che erano poco più che IOU (I Owe You, “io ti devo”). È stato solo nel settimo secolo in Cina che le corporazioni commerciali hanno iniziato a emettere ricevute di deposito che eliminavano la necessità per i mercanti di portare grandi quantità di monete per le transazioni all’ingrosso.

L’origine del denaro cartaceo

Queste note, più leggere rispetto alle controparti metalliche, sono diventate popolari tra i commercianti lungo la Via della Seta tra la Cina e il Medio Oriente. Alla fine, il concetto di denaro stampato ha fatto ritorno in Europa attraverso viaggiatori come Marco Polo e Guglielmo di Rubruck, che si sono mossi lungo la rotta nel XIII secolo.

Tuttavia, il concetto di denaro cartaceo non ha preso piede in Europa per altri 400 anni, quando la Svezia ha emesso le prime banconote nel 1661. Queste banconote erano riscattabili in quantità di monete dalle banche, il che significava che i commercianti non dovevano più portare grandi quantità di rame e argento, che erano pesanti e facili da rubare.

Il problema delle banconote non regolamentate

All’esterno della Svezia, una mancanza di regolamentazione su chi potesse emettere banconote significava che stati, città, organizzazioni commerciali e chiunque avesse una pressa poteva stampare denaro. Di conseguenza, furono create banconote contraffatte da persone senza scrupoli, minando la fiducia nel denaro cartaceo e contribuendo a tassi di inflazione elevati.

Non fu fino a quando l’Inghilterra approvò il Bank Charter Act del 1844 che iniziò ad apparire una banca centrale in stile moderno, con rigide regolamentazioni su quali entità potessero stampare denaro cartaceo. L’atto limitava la capacità delle banche commerciali di emettere banconote, conferendo tale potere alla Banca d’Inghilterra, e richiedeva che le nuove banconote emesse dalla Banca d’Inghilterra fossero sostenute a un tasso di “tre sterline, diciassette scellini e nove pence per oncia di oro standard”.

La transizione verso un sistema basato sull’oro

Mentre questa potenza mondiale si muoveva verso un sistema basato sull’oro, altre nazioni rimanevano su sistemi bimetallici, stabilendo un rapporto tra oro e argento per consentire l’interoperabilità stabilizzata dalla Francia.

Il punto di svolta

Il tipping point arrivò nel 1871, quando la Germania, dopo la vittoria sulla Francia nella guerra franco-prussiana, passò da un sistema di valuta argentea a una valuta supportata unicamente dall’oro. Questa mossa fu considerata una mossa preventiva per evitare di essere esclusi da sistemi a tasso fisso formati tra le nazioni industrializzate.

Vantaggi e svantaggi del Gold Standard

In teoria, il Gold Standard internazionale forniva un meccanismo intrinseco di stabilità nel sistema finanziario, poiché gli squilibri commerciali si sarebbero auto-corretti. Tuttavia, era ben lungi dall’essere perfetto, poiché le economie individuali avevano un controllo ridotto sulle proprie difficoltà economiche.

La fine del Gold Standard

L’eredità del Gold Standard

Il Gold Standard ha lasciato un’impronta indelebile nella storia economica mondiale. Sebbene non sia più in vigore, le sue implicazioni e il suo impatto continuano ad essere oggetto di discussione tra gli economisti e gli storici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

investimenti 86

Le 5 Principali Aziende di Uranio nel 2024

investimenti 83

NVIDIA: Analisi dei Guadagni Azionari