in

Il mercato obbligazionario

Il mercato obbligazionario è uno dei mercati più importanti al mondo e fornisce informazioni interessanti agli investitori azionari.  

Cos’è il mercato obbligazionario?

Il mercato obbligazionario, chiamato anche “mercato obbligazionario”, è il mercato che consente ai governi e alle società di finanziarsi. Infatti, quando uno Stato o una società ha bisogno di finanziamenti, può emettere titoli speciali chiamati “obbligazioni”. Questo obbligo è una forma di prestito combinato con un tasso di interesse e una data di scadenza, in cui lo stato o la società devono rimborsare il debito.

Gli investitori o le banche possono acquistare queste obbligazioni impostando il tasso di interesse in base a vari criteri, compreso il rischio di mancato pagamento e di rendimento.

In generale, sono le agenzie di rating che hanno la responsabilità di valutare il livello di rischio di un’obbligazione. Queste agenzie di rating includono rating Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch.

Vale la pena ricordare che gran parte degli obblighi proposti oggi sono obblighi statali. Ma puoi anche trovare futuri prestiti statali, swap o credit default swap nel mercato obbligazionario.

Possiamo inoltre distinguere due tipologie di mercati obbligazionari, ovvero il mercato primario che corrisponde all’emissione di tutte le nuove obbligazioni destinate ad istituzioni o investitori privati ​​e che beneficiano di una garanzia da parte delle banche di investimento, e il mercato secondario che raggruppa le operazioni effettuate su obbligazioni già emesse.

Come viene determinato il prezzo di un’obbligazione?

Qui chiamiamo il “prezzo di un’obbligazione” il tasso di interesse che sarà pagato all’investitore durante il periodo che precede il rimborso completo. Quindi è un tasso di interesse a lungo termine. La Banca Centrale è quella che fissa i tassi di interesse a breve termine.

Il calcolo di questo tasso di interesse varia in base a diversi criteri, tra cui:

  • Aggiornamento dei flussi finanziari (volumi di obbligazioni scambiate) che includono i coefficienti di aggiornamento dei prestiti di Stato
  • Un premio di liquidità che corrisponde alla stima del costo di negoziazione dell’obbligazione.
  • Una stima del rischio di insolvenza del mutuatario durante la durata del prestito.

Naturalmente, questo calcolo rimane complesso e gli investitori preferiscono avere un valore più chiaro che racchiuda l’insieme di queste indicazioni chiamato “spread di credito”. Per trovare questo spread di credito, la situazione debitoria dell’azienda o dello Stato viene generalmente confrontata con un altro debito noto e simile che è già stato valutato.

Le principali caratteristiche degli obblighi

Ora saremo interessati a maggiori dettagli sugli obblighi e sulle loro caratteristiche. Sappiamo che le obbligazioni sono strumenti di credito che possiamo negoziare e che vengono generalmente utilizzati da Stati o società con l’obiettivo di ottenere ulteriori capitali dagli investitori e, quindi, dai mercati finanziari. Pertanto, quando acquistiamo un’obbligazione, riceviamo un interesse dall’emittente di tale obbligazione, chiamato cedola, che serve a remunerare questo prestito. Naturalmente, quando l’obbligazione giunge a scadenza, il capitale inizialmente investito è completamente rimborsato. Tuttavia, durante il periodo di validità, le obbligazioni sono quotate in borsa, il che consente agli investitori di venderle prima della data di scadenza o anche di acquistarne altre il cui periodo è già in corso. In questo modo,

  • La vita utile di un’obbligazione: la durata di validità di un’obbligazione è molto variabile e può essere di pochi mesi o indeterminata, cioè può essere per sempre. In caso di obbligazione di durata indeterminata, il contratto non prevede il rimborso del capitale se non in caso di anticipazione. Evidenzieremo qui che le obbligazioni con la vita utile più lunga sono spesso le più rischiose in termini di rimborso del capitale investito, ma sono anche le più redditizie perché hanno tassi di interesse più elevati.
  • Il tasso di interesse di un’obbligazione: ovviamente anche questo tasso cambia a seconda delle obbligazioni e può essere sia fisso che variabile. Il tasso di interesse può anche essere rivisto e diventare variabile dopo essere stato fissato e viceversa. Infine, ci sono anche tassi di interesse che sono semplicemente indicizzati con un’altra variabile come l’inflazione, il prezzo di un barile di petrolio , il prezzo dell’oro o un indice azionario. Ce ne sono anche altri che sono calcolati in relazione a uno zero coupon, ovvero non vi è erogazione di cedola durante la vita dell’obbligazione.
  • La distribuzione e la capitalizzazione di un’obbligazione: nella maggior parte dei casi, l’erogazione di interessi su un’obbligazione viene effettuata annualmente, ma alcune obbligazioni capitalizzeranno questo interesse e lo ripagheranno al prestatore solo al momento del rimborso del capitale. Questi tipi di obblighi sono rivolti principalmente alle persone che vogliono costruire capitale a lungo termine, mentre i primi sono per le persone che cercano un reddito aggiuntivo su base più regolare.
  • Obbligazioni scambiabili in azioni: oltre a lavorare in modo classico, alcune obbligazioni possono essere scambiate con titoli della società che le emette. Si tratta di obbligazioni convertibili, obbligazioni per la sottoscrizione di azioni o obbligazioni, nonché obbligazioni rimborsabili in azioni. Spesso osserviamo che il comportamento di questi obblighi è molte volte vicino a quello delle azioni a cui possono avere diritto.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Il mercato valutario

Il mercato valutario

Analisi delle scorte europee

Analisi delle scorte europee