in

Investire in azioni: come affrontare il ciclo economico?

In quali settori investire a seconda di dove ti trovi nel ciclo economico?

Al momento di decidere quali azioni della società acquistare, senza dubbio la performance individuale dovrebbe essere un fattore chiave. Eppure a volte anche la gestione più prudente può affrontare venti contrari incredibilmente forti che potrebbero soffocare la sua generazione di profitti. Sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, ma il mondo dopo il 2008 ha dimostrato che il più importante è il ciclo economico e l’identificazione del punto in cui ci troviamo.

Pubblicità

Il ciclo economico prevede quattro fasi:

1. Fondo del mercato

Questo è il punto più basso del ciclo in cui la disoccupazione è alta, i consumi e gli investimenti sono bassi, il PIL è stagnante. Poiché i consumatori sono incerti sul futuro, non vogliono espandere la loro spesa discrezionale (non essenziale) se non addirittura ridurla.

2. Mercato rialzista

Qui gli indicatori di cui sopra iniziano a incollarsi dal pavimento. La fiducia dei consumatori inizia a salire.

3. Mercato in alto

In questa fase, i mercati iniziano a mostrare segni di surriscaldamento – nessuna capacità di produzione inattiva. L’economia sta lavorando a pieno ritmo, non c’è praticamente disoccupazione, eppure ci sono molti posti di lavoro vacanti.

4. Mercato orso

Qui l’economia inizia non solo a rallentare ma forse anche a contrarsi. Le aziende iniziano a licenziare i lavoratori. I tassi di interesse stanno aumentando.

A seconda del momento del ciclo in cui ci troviamo, è necessario acquistare ADESSO società che andrebbero bene nella fase successiva del ciclo. Per il mercato più basso un gruppo che storicamente va bene di conseguenza, soprattutto all’inizio, sarebbe quello ciclico (società che dipendono dalla spesa discrezionale e sono molto dipendenti dal ciclo). A questo punto, sarebbero molto economici, il che significa che è possibile uccidere. Altre società sarebbero quelle tecnologiche per lo stesso identico motivo. Verso la fine del periodo sono ammessi anche gli industriali.

Il mercato rialzista è il periodo in cui è bene investire nei mezzi che alimenteranno l’imminente mercato di punta: industriali, come automobili e mobili, materiali di base ed energia. Il mercato top of best è andato con cautela. Questo è il momento di acquistare un buon affare energetico, ma fondamentalmente si dovrebbe iniziare a cercare alcune aziende produttrici di base come i rivenditori. Alla fine del periodo e all’inizio degli altri servizi sono consentiti, in quanto le persone hanno probabilmente acquistato ormai tutti i beni materiali di cui hanno bisogno. Durante il mercato ribassista, tuttavia, se si vuole fare un buon guadagno, alla fine sono consentiti solo servizi di pubblica utilità e alcuni industriali.

Pubblicità

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Ritorno, certezza o equilibrio: cosa scambiare?

Analisi dei prezzi di ondulazione: XRP rompe al di sotto del livello critico