in

Inviare transazioni di prova: è obbligatorio?

Come ogni nuovo arrivato noterà rapidamente, le transazioni crittografiche sono irreversibili. Non è disponibile alcuna opzione walkback o un pulsante di annullamento. Questa irreversibilità è dovuta alla natura immutabile o indelebile della tecnologia alla base delle criptovalute chiamata blockchain.

In cripto, l’immutabilità è un male necessario. Rende impossibile che i record vengano modificati, cancellati o modificati in alcun modo, forma o forma una volta che vanno sulla blockchain.

Gli aderenti alle criptovalute esaltano l’immutabilità come una delle qualità più rivoluzionarie della crittografia perché risolve lo spinoso problema della doppia spesa e promuove la resistenza alla censura rendendo difficile la cancellazione dei record, mentre i critici affermano che è una delle sue più grandi insidie.

Ma quando si tratta di questo, spetta a te come utente crittografico garantire il massimo grado di sicurezza durante le transazioni crittografiche.

L’invio di criptovalute è una bestia diversa

Crypto non è la tua valuta ordinaria, e lo stesso vale per come viene spostata.

Una volta premuto Invia su una transazione, nessuno può ripristinarla. Non tu, il governo, lo scambio o il tuo avvocato. Un rapido controllo sui primi tre scambi mostra che ognuno emette un avviso agli utenti su questo.

Coinbase avverte gli utenti: “A causa della natura dei protocolli di valuta digitale, le transazioni non possono essere o essere modificate una volta avviate”. Aggiunge che “gli utenti devono fare attenzione quando inviano fondi poiché le transazioni non possono essere annullate, al di fuori di chiedere al destinatario un rimborso”.

L’ultima risorsa proposta dallo scambio è l’unico modo noto per tentare di recuperare la crittografia che è stata inviata. L’unico modo per farlo è se conosci il destinatario e faresti ancora affidamento sulla sua buona volontà.

Binance avverte che “non è in grado di individuare il destinatario dei tuoi fondi” nel caso in cui tu li abbia inviati all’indirizzo sbagliato, mentre Kraken ammonisce gli utenti a “fare sempre attenzione quando si ritirano criptovalute, notando che una volta che un prelievo è contrassegnato come Successo “è impossibile annullare o invertire la transazione”.

Il punto è che fare un singolo errore può costarti denaro. Fortunatamente, l’implementazione di alcune pratiche di sicurezza di base può evitare questa eventualità. Prima di esaminarlo, esaminiamo l’intera attività di invio di criptovalute.

Come inviare Crypto

Il processo di invio di criptovalute può sembrare complicato se sei nuovo, ma in realtà è relativamente semplice.

I servizi di trasferimento crittografico non sono più limitati alla nicchia: diversi servizi non crittografici ora consentono alle persone di inviare crittografia. Uno di questi servizi è Cash App, un servizio di pagamento di denaro mobile creato da Block Inc.

Attraverso Cash App, gli utenti del Regno Unito e degli Stati Uniti possono inviare Bitcoin sotto forma di USD da un minimo di $ 1 a familiari e amici tramite testo o e-mail. Puoi anche inviare BTC on-chain o utilizzando la rete Lightning.

Un altro modo per inviare criptovalute è attraverso uno scambio. Se non hai già un account, il tuo primo passo sarebbe quello di creare un account, seguito dal finanziamento dell’account con una carta, un bonifico bancario o un PayPal, a seconda dello scambio. Il resto dei passaggi includerebbe:

  1. Verifica KYC (ID, prova di residenza e così via).
  2. Acquisto di criptovalute dallo scambio
  3. Invio del denaro all’indirizzo del portafoglio del destinatario
  4. Conferma della ricezione.
  5. La crittografia verrà visualizzata nell’account del destinatario da pochi minuti a diverse ore, a seconda della congestione della rete. Puoi anche controllare lo stato della transazione in qualsiasi momento. Ad esempio, se stai inviando BTC, visita https://live.blockcypher.com/btc/ e incolla l’ID della transazione o l’indirizzo di ricezione nella barra di ricerca. Probabilmente hanno ricevuto i fondi se la transazione ha almeno tre conferme.

Testa le tue transazioni prima di premere Invia

Ormai, sai già che il doppio controllo e persino il triplo controllo dell’indirizzo del destinatario prima di premere invio è fondamentale.

Un modo sicuro per farlo? Invia un importo trascurabile all’indirizzo prima della transazione reale. Puoi anche esercitarti inviando criptovalute a te stesso fino a quando non impari a seguire le migliori pratiche.

Ecco altre best practice per l’invio di criptovalute:

  • Ricontrolla l’indirizzo: gli hacker sono noti per dirottare gli indirizzi copiati negli appunti e sostituirli con quelli dannosi. Assicurati di ricontrollare il tuo indirizzo prima di inviare denaro. Almeno confermare le ultime quattro cifre dell’indirizzo.
  • Copia, non digitare: quando invii criptovalute, considera di incollare l’indirizzo anziché digitarlo. La digitazione comporta il rischio di ottenere keylogging e aumenta il rischio di un errore di battitura, che potrebbe farti perdere denaro.
  • Non utilizzare il WiFi pubblico: il WiFi gratuito nei luoghi pubblici può essere allettante ma anche rischioso. Gli hacker di solito impostano falsi router WiFi per colpire e intercettare i dati degli utenti, come i dati del portafoglio online. Anche se pensi di aver fortificato il tuo portafoglio con caratteristiche di sicurezza, non vale la pena rischiare.

Commissioni di transazione e compatibilità di rete

Ci sono un paio di cose da considerare quando si inviano criptovalute: commissioni di transazione e compatibilità di rete.

Commissioni di transazione: le reti che si basano sul mining, come Bitcoin, sono mantenute e protette da nodi informatici chiamati minatori sparsi in tutto il mondo. I minatori vengono ricompensati con Bitcoin e commissioni di transazione, che vengono automaticamente detratte nel processo.

Di solito, gli utenti possono richiedere alla rete un’elaborazione più rapida delle loro transazioni, per le quali pagano commissioni più elevate rispetto ad altri utenti che si affidano alla velocità di elaborazione standard.

Compatibilità con il portafoglio: assicurati che la valuta che desideri inviare sia compatibile con l’indirizzo del destinatario. Ad esempio, non è possibile inviare Bitcoin a Metamask o Myetherwallet, che supportano solo token ERC-20. Inviare la tua criptovaluta lì è come inviarla a un buco nero: è semplicemente sparita.

Conclusioni

L’invio di criptovaluta è un gioco completamente diverso dall’invio di fiat. Le transazioni sono irreversibili, il che significa che è necessario prestare molta attenzione quando si inviano fondi.

Segui le migliori pratiche, indipendentemente dal fatto che tu sia un principiante o un esperto, e avrai meno probabilità di perdere i tuoi soldi. Questi puntatori sono best practice di buon senso per aiutarti a inviare criptovalute in modo sicuro.

Subscribe
Notificami

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels carlos pernalete tua 730647 1

Si può non pagare le tasse sulle criptovalute?

pexels alesia kozik 6771607

Kraken vs SEC: fine delle puntate di criptovalute