in

L’alta inflazione è buona per l’adozione delle criptovalute

La teoria monetaria moderna ci porterebbe a credere che lo stimolo del governo e l’inflazione non abbiano sempre un impatto negativo su un’economia. In effetti, un piccolo grado di inflazione è necessario per mantenere l’economia fiat stimolata e in crescita.

Se il valore della valuta che stai utilizzando e il suo potere d’acquisto diminuisce ogni anno, allora sei incentivato a spendere la valuta oggi piuttosto che conservarla per domani. Spendere la tua valuta stimola l’economia e porta a maggiori prestiti e crescita dal settore delle imprese, che aumenta il numero di prodotti e servizi, nonché posti di lavoro più remunerativi per i lavoratori.

Quando diventa brutto

La maggior parte delle banche centrali mira a mantenere l’inflazione tra il 2-3% per avere un’economia sana che incentiva la spesa rispetto al risparmio.

I mercati fanno meglio quando c’è prevedibilità e stabilità.

Quando l’inflazione diventa troppo alta e i cittadini non possono permettersi di acquistare beni e servizi, l’economia entrerà in una spirale negativa e inizierà a contrarsi. L’alta inflazione riduce la spesa, le tasse riscosse, i livelli di occupazione e i servizi governativi offerti.

Il caso per un’alta inflazione è positivo per l’adozione di criptovalute

Ci sono due aree principali in cui l’alta inflazione può essere un buon segno per l’adozione delle criptovalute.

Il primo può essere visto in circostanze estreme in cui i paesi incontrano l’iperinflazione. L’iperinflazione viene in genere misurata quando l’inflazione aumenta di oltre il 50% al mese. Esempi famosi in cui i paesi sperimentano l’iperinflazione sono nella Repubblica tedesca di Weimar del 1920, nel Perù del 1990 e nello Zimbabwe del 2008/2009. Per i cittadini che vivono in un paese che sta vivendo l’iperinflazione, la crittografia può offrire un’ancora di salvezza.

Quando iniziano alti livelli di inflazione, i cittadini possono trasferire i loro risparmi in stablecoin che mantengono il loro valore mentre la loro valuta nativa si svaluta.

Il secondo esempio di quando l’alta inflazione può essere un buon segno per l’adozione delle criptovalute è quando l’inflazione supera i livelli accettabili del 2-3% della banca centrale. La maggior parte dei paesi si trova ora in questo scenario, che è evidente dai dati sull’inflazione del Canada e degli Stati Uniti.

Questi esempi mostrano una chiara svalutazione delle valute fiat tradizionalmente forti e una perdita del loro potere d’acquisto. Ogni dollaro USA guadagnato e non speso l’anno scorso ha perso l’8,5% del suo potere d’acquisto oggi.

Le stablecoin offrono una grande protezione contro le valute in fallimento che subiscono iperinflazione. Funzionano ancorando il loro valore a valute legali più stabili. Tuttavia, cosa succede quando queste valute fiat più stabili sperimentano livelli di inflazione più elevati.

Questo è quando i cittadini possono guardare ad altre criptovalute che mantengono meglio il loro valore contro l’aumento dell’inflazione delle loro alternative fiat. Bitcoin è un buon esempio di questo ed è spesso usato come copertura dell’inflazione dagli utenti.

Il caso contro l’alta inflazione che fa bene alle criptovalute

Mentre l’adozione delle criptovalute sta crescendo in tutto il mondo, si stima che il tasso medio di proprietà sia ancora solo del 3,9%. Mentre l’inflazione è un ottimo incentivo per le persone a iniziare a guardare alle criptovalute come alternativa o copertura. La realtà è che semplicemente non c’è la base di conoscenza o l’infrastruttura per supportare questo su larga scala. Progetti come il Lightning Network stanno contribuendo a colmare il divario tra i consumatori e l’accessibilità per i pagamenti crittografici. Tuttavia, prima che questa diventi una pratica standard per le persone, ci sarà bisogno di un’educazione su vasta scala su cosa sia la crittografia e su come funziona fondamentalmente il denaro.

Il motivo principale per cui l’alta inflazione non è un buon segno per l’adozione delle criptovalute è semplicemente che le persone non credono di potersi permettere di investire. Durante i periodi di alta inflazione, a meno che le persone non ricevano aumenti annuali che soddisfano o superano i livelli di inflazione, hanno semplicemente meno reddito disponibile da allocare. Pochissimi posti accetteranno criptovalute come pagamento per affitto, mutuo, generi alimentari o gas.

Inoltre, l’adozione di Bitcoin e di altre criptovalute da parte degli investitori istituzionali è in crescita, ma in tempi di alta inflazione, queste stesse istituzioni cercheranno di liquidare le loro attività più rischiose. Questi includono criptovalute e titoli tecnologici. Mentre Bitcoin ha dimostrato una crescita continua e stabilità a lungo termine, rimane un’opzione volatile per gli investitori a breve termine. Insieme all’elevata inflazione, rappresenta semplicemente un rischio eccessivo per gli investitori istituzionali da avere nei loro bilanci.

Conclusione: l’inflazione persisterà

Indipendentemente da quale sia la tua opinione sulla spesa pandemica, il risultato sarebbe sempre finito in livelli più elevati di inflazione

I governi non possono introdurre elevati volumi di nuova valuta in circolazione e non aspettarsi che abbia un impatto sul valore dell’offerta corrente.

Questi dati sull’inflazione sono preoccupanti e non mostrano segni di rallentamento. Se ciò porti a uno standard crittografico o semplicemente a una maggiore adozione è in discussione.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
invest crypto 55

Come posso evitare di essere truffato in Crypto

pexels anna nekrashevich 6801647

Previsione prezzi Badger DAO 2022 – 2025 – 2030