in

LBRY contro SEC: la vittoria è un punto di svolta?

LBRY ha segnato una vittoria per le criptovalute. La piattaforma Web3 è riuscita a far ammettere a verbale un giudice statunitense e la Securities and Exchange Commission (SEC) che la vendita del suo token LBC nativo sugli scambi non costituisce la vendita di un titolo non registrato. In altre parole, la vendita di criptovalute sul mercato secondario non viola la legge sui titoli negli Stati Uniti e la SEC non ha quindi giurisdizione su tali vendite.

Questa è una grande vittoria non solo per LBRY, ma per l’industria delle criptovalute in generale e per Ripple, che a sua volta è notoriamente bloccata in una lunga battaglia legale con la SEC. E mentre LBRY ha perso la sua causa contro l’autorità di regolamentazione dei titoli a novembre, il suo ultimo appello contro questa decisione ha costretto il giudice presidente a fornire un chiarimento che potrebbe finire per aiutare Ripple a emergere vittorioso nel proprio caso.

Naturalmente, la sentenza del giudice nell’appello di LBRY non è così chiara come alcuni osservatori stanno facendo sembrare. Perché mentre protegge il mercato secondario delle criptovalute dalla SEC, non fa nulla per ribaltare la sentenza di novembre contro LBRY che ha violato la legge sui titoli offrendo direttamente token LBC agli investitori.

LBRY Appeal segna uno per Crypto

A novembre, LBRY – una rete di condivisione di file e pagamenti basata su blockchain – ha notoriamente perso la sua causa contro la SEC, con conseguenze potenzialmente gravi per il mercato delle criptovalute e per Ripple. In particolare, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Paul Barbadoro si è schierato con l’autorità di regolamentazione dei titoli, stabilendo che LBRY ha offerto il suo token LBC come titoli. Ciò significa essenzialmente che LBRY ha venduto LBC come se fosse un investimento speculativo che sarebbe aumentato di valore parallelamente alla crescita dell’attività di LBRY.

In conclusione, Barbadoro ha dichiarato: “nessun ragionevole giudice di fatto potrebbe respingere la tesi della SEC secondo cui LBRY ha offerto LBC come garanzia, e LBRY non ha una difesa provabile che mancasse di un preavviso equo”. Di conseguenza, ha accolto la mozione della SEC per un giudizio sommario.

Parlando all’epoca, il CEO di LBRY Jeremy Kauffman ha affermato che la sentenza “minaccia l’intero settore delle criptovalute statunitensi”, nella misura in cui stabilisce un precedente che classificherebbe “quasi ogni criptovaluta” come sicurezza. E subito dopo la decisione, il prezzo XRP è sceso da circa $ 0,49 a $ 0,33, nel giro di pochi giorni.

Tuttavia, alcune delle implicazioni negative sono state potenzialmente dissipate dall’udienza di appello di LBRY nel New Hampshire. Parlando lunedì 30 gennaio, il giudice ha chiarito che il giudizio sommario emesso a novembre non si applica alle vendite secondarie di LBC, come fatto su cripto-scambi e altre piattaforme di trading.

Non solo, ma la SEC alla fine è stata costretta a concordare con la sentenza del giudice qui, con i suoi avvocati che riconoscono agli atti che le vendite secondarie di LBC non contano come vendite di titoli non registrati..

Ancora una volta, questa è una grande notizia per LBRY, per Ripple e per le criptovalute, poiché crea un precedente legale secondo cui il trading di criptovalute sugli scambi non viola le leggi sui titoli. Questo vale anche per le criptovalute che erano state inizialmente offerte dai loro creatori come titoli, il che significa che gli scambi non saranno responsabili per le violazioni degli emittenti di token.

Questo è importante perché, come gli osservatori ricorderanno, molti scambi hanno risposto alla SEC aprendo un caso contro Ripple rimuovendo XRP. Tuttavia, il giudice ha effettivamente stabilito che gli scambi non possono essere ritenuti responsabili per la quotazione di qualsiasi criptovaluta che potrebbe essere stata offerta come titolo non registrato dal suo emittente.

Buono e cattivo per Ripple Case con SEC

Naturalmente, è importante notare a questo punto che questa nuova sentenza potrebbe non avere alcun impatto diretto sul caso di lunga data di Ripple con la SEC. Sì, molti all’interno della comunità hanno ora concluso che l’appello di LBRY significa che Ripple vincerà, ma probabilmente non cambia nulla in termini di ciò che la SEC sta effettivamente sostenendo nel suo caso contro Ripple.

In particolare, l’appello non annulla la decisione di novembre secondo cui LBRY stessa ha offerto token LBC come titoli non registrati. E per estensione, il giudice Analisa Torres – che deciderà il caso Ripple-SEC – potrebbe ancora stabilire che Ripple stesso ha venduto XRP come investimento (cioè come titolo), pur concordando sul fatto che la vendita di XRP sul mercato secondario non è in violazione delle leggi sui titoli.

Come tale, Ripple potrebbe ancora facilmente perdere la causa. Detto questo, lo sviluppo di questa settimana solleva la possibilità che Ripple possa perdere la sua battaglia e ricevere uno schiaffo sul polso (ad esempio una multa), ma che XRP potrebbe ancora essere legalmente venduto tramite scambi ai residenti negli Stati Uniti. Ciò consentirebbe a Ripple di continuare la sua attività e potenzialmente incoraggerebbe i principali scambi – ad esempio Coinbase – a rimettere in vendita XRP.

Quindi potremmo persino vedere XRP continuare a salire di prezzo anche in uno scenario in cui il giudice Torres concede la mozione della SEC per un giudizio sommario.

Chiusura del caso

Detto questo, molti sviluppi recenti suggeriscono che Ripple ha buone possibilità di vincere il caso.

Ad esempio, il CEO di Ripple Brad Garlinghouse ha dichiarato alla CNBC un paio di settimane fa che si aspetta che il caso si concluda entro la fine della prima metà del 2023, o entro la fine dell’anno al più tardi.

“Mi sento molto bene su dove siamo rispetto alla legge e ai fatti”, ha detto, sottolineando la fiducia di Ripple. Tale fiducia non è nemmeno immeritata, con molti nella comunità delle criptovalute che credono che Ripple abbia presentato un caso forte. Al contrario, molti sostengono che la SEC ne abbia montato uno debole, con il regolatore presumibilmente incapace di stabilire come Ripple abbia sviluppato una “impresa comune” – come descritto nel test di Howey – che aumenterebbe il valore di XRP.

Inoltre, Ripple è riuscita a far depositare in tribunale 14 amicus brief (presentazioni di prove da parte di terzi), tra cui uno da Coinbase. Al contrario, la SEC è riuscita a presentarne solo uno, rafforzando il sospetto che il suo caso non sia così forte.

Non solo, ma Ripple ha anche assicurato una serie di piccole vittorie in rotta verso l’imminente conclusione del caso. Ciò include la corte che sostiene il suo diritto di presentare una difesa con un preavviso equo, oltre ad avere accesso a importanti documenti ed e-mail relativi al discorso di Hinman del 2018, in cui l’allora presidente della SEC ha dichiarato che né bitcoin né Ethereum erano titoli.

Sebbene nessuna di queste sentenze possa garantire un risultato favorevole, suggeriscono almeno che Ripple ha una possibilità migliore di LBRY e dei precedenti litiganti. E se avrà successo, non c’è dubbio che XRP farà molto bene come risultato, con la moneta potenzialmente sulla buona strada per superare il suo massimo record del 2018 di $ 3,40.

Subscribe
Notificami

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels andrea piacquadio 3768894 1

I primi 10 account Twitter sottovalutati in criptovaluta

pexels oleksandr pidvalnyi 12944672

Le 10 migliori app di criptovaluta del 2023