in

Le Aziende di Royalties e Streaming dell’Oro: Un Buon Investimento?

Le aziende di royalties e streaming esistevano nell’industria petrolifera e del gas da decenni prima di essere introdotte nel settore dell’oro.

La Storia delle Royalties e degli Streaming

Le royalties hanno una base storica molto antica. Originariamente, erano pagamenti effettuati alla monarchia britannica in cambio dei diritti dei minatori di operare miniere d’oro e d’argento su terre di proprietà della corona. Oggi, tali accordi esistono ancora sotto forma di intese tra governi e industria che prevedono che gli operatori minerari paghino una quota dei ricavi derivanti dalle risorse generate su terre pubbliche.

Le società di royalty possono anche utilizzare un modello di streaming. In questo caso, le società di royalty concordano tipicamente di fornire finanziamenti per l’esplorazione o lo sviluppo di una risorsa in cambio di una percentuale dei ricavi dal deposito se inizia a produrre.

Analogamente, una società con un modello di streaming può stipulare un accordo con una società di risorse per una quota del metallo prodotto da un deposito in cambio di un investimento. Nel caso degli stream di metalli preziosi, una società di streaming potrebbe concludere un accordo con un’operazione mineraria di metalli di base per ricevere una certa quantità di metalli preziosi derivati come oro o argento a un prezzo concordato.

La Storia delle Azioni di Royalties e Streaming

La prima royalty nel settore dell’oro fu un accordo in cui Franco-Nevada fece un investimento di 2 milioni di dollari USA nella piccola miniera di Goldstrike di Western States Minerals nel 1986 per una quota del 4 percento dei ricavi raccolti dalla miniera.

Le Migliori Aziende di Royalties e Streaming dell’Oro

Franco-Nevada (TSX:FNV,NYSE:FNV)

Capitalizzazione di mercato: US$27.83 miliardi

Un pioniere nel settore delle royalties dell’oro, Franco-Nevada ha imposto un alto standard. L’attuale iterazione della società è stata scissa da Newmont in uno dei più grandi IPO del 2007.

Wheaton Precious Metals (TSX:WPM,NYSE:WPM)

Capitalizzazione di mercato: C$24.91 miliardi

Wheaton è stata fondata nel 2004 come Silver Wheaton con un focus sullo streaming dell’argento. Goldcorp deteneva una quota di maggioranza, ma ha iniziato a ridurla nel 2006 e entro il 2008 si era completamente disinvestita. In quel momento, Silver Wheaton aveva iniziato a diversificarsi in altri metalli preziosi.

Osisko Gold Royalties (TSX:OR,NYSE:OR)

Capitalizzazione di mercato: C$3.45 miliardi

Osisko Gold Royalties è stata creata nel 2014 come parte di un accordo di spin-off tra Osisko Mining, Yamana Gold e Agnico Eagle Mines. L’accordo è stato fatto nel tentativo di prevenire una scalata ostile di Osisko Mining e della sua miniera d’oro Malartic da parte di Goldcorp.

Le società di royalties di metalli preziosi possono rappresentare un’aggiunta stabile a un portafoglio di investimenti, in quanto possono offrire esposizione all’oro e all’argento senza i rischi associati agli investimenti nelle attività minerarie o di esplorazione.

Tuttavia, come evidenziato dall’esperienza di Franco-Nevada e di First Quantum, possono comunque essere influenzate dalla politica locale e dalle interruzioni minerarie. I grandi attori del settore possono affrontare adeguatamente la tempesta attraverso portafogli altamente diversificati e tasche profonde che le aziende più piccole e emergenti non hanno.

Mentre le società di royalties si presentano come un investimento sicuro, spetta all’investitore fare le proprie ricerche in un settore che sta diventando sempre più saturo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come acquistare Bitcoin a Dubai? Guida 2024

Le 5 Migliori ETF sulle Energie Pulite nel 2024

invest 11

Investire in Azioni di Fusione Nucleare: Una Possibilità?