in

Ore per negoziare alla Borsa di New York

L’organizzazione della Borsa di New York

Le azioni della Borsa di New York sono suddivise in tre principali indici azionari che sono il Dow Jones, il Nasdaq e l’S & P 500.

Il Dow Jones esiste dal 1897 e raggruppa le 30 società industriali più redditizie degli Stati Uniti. Viene calcolato tenendo conto della ponderazione del prezzo dei diversi titoli.

Il Nasdaq, da parte sua, è stato creato nel 1971 e comprende non più e non meno di 3.000 aziende selezionate per lo più da settori di attività tecnologica.

Infine, l’S & P 500, creato nel 1957 da un’agenzia di rating oggi molto conosciuta, comprende 500 titoli societari che troviamo sia sul NYSE che sul Nasdaq. Di per sé è molto rappresentativo dell’economia internazionale.

La Borsa di New York è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 16:00 (ora locale) ed è chiusa nei giorni festivi e nei fine settimana.

Quali sono gli orari della Borsa di New York?

La Borsa di New York, o NYSE, ha i seguenti orari:

  • Apre tutti i giorni alle 9:30. 
  • Chiude alle 16:00.

Ma attenzione! In questo caso sono gli orari di apertura e chiusura degli Stati Uniti. In Spagna sarebbe l’apertura alle 15:30 e la chiusura alle 22:00.

Perché è necessario conoscere questi orari?

Gli orari di apertura della Borsa di New York sono molto importanti poiché consentono di seguire la quotazione diretta degli asset che da essa dipendono, come avviene con la maggior parte dei titoli statunitensi come quelli di Google o Facebook .

Riepilogo sulla Borsa di New York

Prima di iniziare la speculazione online sulla Borsa di New York, ti ​​suggeriamo di scoprire alcune informazioni che dovresti sapere su questo mercato finanziario essenziale nel mercato azionario internazionale.

La Borsa di New York è chiamata NYSE o Borsa di New York. In effetti, è la principale piattaforma di borsa del New York Stock Exchange, ma anche il più grande mercato azionario del mondo. Investitori e trader spesso chiamano la Borsa di New York “Wall Street”.

Una delle peculiarità della Borsa di New York è che non tutte le borse vengono effettuate elettronicamente, poiché troviamo ancora titoli che si comprano e si vendono gridando.
Prima degli anni ’90, era il NASDAQ che rappresentava il maggior volume di azioni negli Stati Uniti e nel mondo, ma da allora il NYSE ha occupato quel posto con una capitalizzazione di mercato totale di tutte le società quotate in questo mercato e rappresentando il triplo quello del NASDAQ.

Il NYSE Euronext (New York Stock Exchange Euronext) possiede la New York Stock Exchange. Questo gruppo è stato creato dalla fusione tra Euronext e Archipelago Holdings, che operava interamente per via elettronica.
La Borsa di New York si trova al numero 11 di Wall Street, ma va notato che la sede del NYSE si trova in realtà al numero 18 di Broad Street, nel quartiere finanziario a sud di Manhattan.

Capitalizzazione e indici della Borsa di New York

La Borsa di New York è la più importante al mondo, con le azioni di quasi 3.000 società quotate, con una capitalizzazione di mercato totale di oltre 25 miliardi di dollari.
Naturalmente, la Borsa di New York è anche associata a vari indici azionari come:

  • il DJIA o Dow Jones Industrial Average, che comunemente chiamiamo Dow Jones o Dow. È composto da 27 a 30 azioni quotate al NYSE. Questo indice è il più antico della Borsa di New York e del mondo. Appartiene agli indici Dow Jones, una società gestita principalmente dal CME Group, e 
  • l’ S & P 500 e l’SP100 basati sulle 500 maggiori società quotate nelle borse statunitensi, e che è gestito da Standard & Poor’s, un’agenzia di rating finanziario.

Come sono quotati questi indici azionari alla Borsa di New York?

Abbiamo appena visto quali sono i due principali indici della Borsa di New York. Tuttavia, in questo caso è importante notare che i due indici presentano alcune differenze, poiché non sono quotati nello stesso modo e la classificazione delle società in essi incluse varia notevolmente a seconda del metodo utilizzato.

L’indice principale di questa Borsa di New York è, ovviamente, il Dow Jones Industrial Average, chiamato anche DJ30. Deve il suo nome al fatto che contiene le 30 più grandi aziende degli Stati Uniti. Troviamo anche titoli come Microsoft , Coca-Cola o Disney. In questo indice, le società sono classificate in base al valore delle loro azioni in borsa, contrariamente ad altri indici che utilizzano la capitalizzazione di mercato per creare questa classificazione.

Il secondo indice principale della Borsa di New York è l’S & P 500. L’acronimo S&P sta per Standard & Poor’s. Sebbene non sia il primo indice di questa borsa per importanza, è considerato l’indice azionario che meglio rappresenta l’economia statunitense e la sua evoluzione. Infatti, è classificato in base alle capitalizzazioni di mercato delle società e non in base al valore delle loro azioni, come il DJ. Come suggerisce il nome, l’S & P 500 è composto dalle 500 società statunitensi con le maggiori capitalizzazioni di mercato. La Standard & Poor’s Company possiede questo indice e lo ha nominato. Ricordiamo qui che questa società è anche una delle principali agenzie di rating negli Stati Uniti, oltre a Moody’s e Fitch Ratings.

Fusione tra la Borsa di New York ed Euronext

Nel quadro della globalizzazione dell’economia, la Borsa di New York, cioè il NYSE, si è fusa nel 2007 con la Borsa Valori Europea Euronext, che già riuniva diversi mercati azionari come quelli di Parigi, Lisbona, Bruxelles o anche Amsterdam e il mercato a termine LIFFE di Londra.

Questa fusione tra questi due importanti mercati azionari dell’economia mondiale ha permesso di semplificare gli scambi finanziari e borsistici tra Stati Uniti ed Europa riducendo soprattutto il costo delle diverse transazioni.

Tuttavia, ciò non cambia il modo in cui investi nel prezzo dei principali indici azionari di questo mercato finanziario o nelle azioni del mercato azionario.

Storia ed evoluzione della Borsa di New York

Per approfondire la tua conoscenza della Borsa di New York, ti ​​forniremo ora alcuni fatti storici da conoscere.

  • 1792 – Questo è l’anno in cui 24 broker riuniti a Wall Street creano il NYSE. A quel tempo, il NYSE aveva solo 5 azioni, ma raggiunse rapidamente 380.000 azioni nel 1817.
  • 1817: Viene redatto lo statuto della Borsa di New York e il NYSE viene quindi ribattezzato New York Stock & Exchange Board.
  • 1830: La prima compagnia ferroviaria, Mohawk and Hudson Railroad, viene quotata alla Borsa di New York.
  • 1863 – La Borsa di New York viene ufficialmente ribattezzata NYSE.
  • 1884: è l’anno di origine dell’indice Dow Jones, quando Charles Dow pubblica un elenco di 11 titoli delle maggiori società nazionali. Nel 1896 questo indice integrava i valori industriali e divenne il Dow Jones Industrial Average.
  • 1914 – Il NYSE subisce una chiusura temporanea all’inizio della prima guerra mondiale. Riapre finalmente il 28 novembre di quest’anno con la vendita di buoni del tesoro.
  • 1929: è, ovviamente, l’anno del crollo del mercato azionario e dell’inizio della Grande Depressione, che sarà la più grande crisi economica del XX secolo.
  • 1934: è l’inizio delle vendite sotto la supervisione della Securities Exchange Commission (SEC per il suo acronimo in inglese).
  • 1967: Un gruppo di anarchici guidati da Abbie Hoffman irrompe nella Borsa di New York e lancia al pubblico banconote contraffatte, creando un grande movimento tra la gente. Dopo questo incidente, la sicurezza dell’edificio è stata rafforzata.
  • 1987: l’indice azionario Dow Jones subisce il suo più grande calo nella storia, con una perdita del 22,6%, che darà a questo giorno del 19 ottobre il nome di “secondo lunedì nero”.
  • 1997: un nuovo spettacolare calo del Dow Jones, che ha perso 554,26 punti in un giorno, implica un piano di emergenza per cercare di fermare tutte le vendite. Naturalmente, questo evento è stato molto controverso e ha portato alla definizione di regole per evitare un nuovo fallimento chiudendo automaticamente il mercato azionario quando questo indice scende del 10%, 20% o 30%. La durata di questa chiusura può variare da un’ora a un giorno.
  • 2000: Un nuovo movimento incontrollato di persone interrompe il funzionamento del NYSE dopo che il gruppo Rage Against the Machine ha registrato un videoclip davanti alle porte dell’edificio. Poiché il gruppo non ha richiesto alcuna autorizzazione per la registrazione, le forze di sicurezza sono dovute intervenire.
  • 2001: il NYSE è stato chiuso dopo gli attacchi dell’11 settembre e non è stato riaperto fino al 17 settembre.
  • 2005: il NYSE comunica la propria disponibilità a procedere all’acquisizione della società Archipelago Holdings. Sempre nel 2005, l’ufficio della Borsa di New York convalida questa fusione. Il NYSE perde così il suo status di società senza scopo di lucro per diventare una società anonima. Nel 2006 diventa così il gruppo NYSE.
  • 2006: è l’inizio della fusione tra NYSE ed Euronext, che sarà convalidata nel 2007 e formerà così la NYSE-Euronext.
  • 2013: il gruppo ICE acquista il gruppo NYSE-Euronext, che nel 2014 immette in borsa Euronext.
  • 2018: per la prima volta in assoluto, una donna, Stacey Cunningham, è presidente del NYSE.

Domande frequenti

In quali giorni chiude la Borsa di New York?

La Borsa di New York è chiusa durante le principali festività americane, che sono: 1 gennaio, Capodanno, 20 gennaio, Martin Luther King Day, 17 febbraio, Presidents ‘Day, il secondo venerdì di aprile, che è il Venerdì Santo, 25 maggio, per il Memorial Day, il 3 luglio, il Giorno dell’Indipendenza, il 7 settembre, il Labor Day, il 26 novembre, il Ringraziamento e il 25 dicembre, Natale.

Quando è stata creata la Borsa di New York?

La Borsa di New York è stata creata nel 1972 da 24 broker che si sono incontrati sotto un albero di banane a Wall Street per determinare un tasso di commissione uniforme per tutte le vendite di titoli. Durante la sua creazione, questo mercato finanziario aveva solo cinque titoli, di cui due erano azioni bancarie e tre erano obbligazioni statali. A partire dal 1817, questo mercato finanziario iniziò ad avere né più né meno di 380.000 azioni diverse.

Quali sono i grandi indici azionari di New York?

Il NYSE ha attualmente tre principali indici di borsa che sono: da un lato, il Dow Jones Industrial Average, che raggruppa le 30 più importanti società quotate negli Stati Uniti; dall’altra l’S & P 500, che ha le capitalizzazioni di mercato di 500 società statunitensi quotate in borsa, e, infine, il Nasdaq, che raggruppa principalmente titoli legati a tecnologie d’avanguardia, Internet o informatica. Il Nasdaq è anche il secondo mercato azionario statunitense.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Analisi del prezzo dell’indice Dow Jones

Analisi del prezzo dell’indice Dow Jones

Analisi dei prezzi dell’indice S&P 500

Analisi dei prezzi dell’indice S&P 500