in

Quali sono i maggiori ostacoli all’adozione diffusa della criptovaluta?

L’adozione è il Santo Graal delle criptovalute. Mentre artisti del calibro di Bitcoin ed Ethereum hanno guadagnato costantemente utenti e prezzi negli ultimi mesi, rimangono ancora lontani dal godere di un’adozione mainstream diffusa.

Perché? In questo articolo, proponiamo ed esaminiamo i cinque fattori più significativi che tengono separati l’adozione di criptovalute e mainstream.

Dai problemi di ridimensionamento all’opposizione dei governi, tutti indicano che le criptovalute hanno ancora molta strada da fare prima che vengano ampiamente utilizzate. Rivelano anche che un gran numero di elementi deve andare a posto prima che arrivi l’adozione mainstream e che non è sufficiente fare affidamento sull’aumento dei prezzi delle criptovalute.

Cattiva reputazione

Siamo onesti, le criptovalute hanno ancora una cattiva reputazione. Gli economisti continuano a denunciare Bitcoin come una “truffa” e uno “schema piramidale” nel 2020, mentre i giornalisti mainstream associano la criptovaluta più al crimine, alla frode e agli hack che a qualsiasi altra cosa..

La percezione negativa della crittografia non è stata aiutata dalla violazione di Twitter di luglio, in cui i criminali informatici hanno hackerato gli account di personaggi pubblici di alto profilo e li hanno utilizzati per chiedere Bitcoin. Questa associazione con il crimine non si riflette bene sulla criptovaluta, rafforzando l’idea che non abbia un “uso reale” al di fuori del mondo criminale.

Poi c’è tutta l’ombra gettata sulla criptovaluta dai suggerimenti di manipolazione del mercato e wash-trading.

Questo è particolarmente il caso della stablecoin Tether (USDT), che ha affrontato azioni legali collettive ed è stata indagata dal procuratore generale di New York, tra le altre cose. Gli accusatori suggeriscono che Tether è stato utilizzato per gonfiare i prezzi delle criptovalute.

Nel complesso, queste percezioni – a torto o a ragione – probabilmente scoraggiano il pubblico in generale dall’indagare ulteriormente sulla criptovaluta. La persona media per strada può temere di perdere denaro se entra in cripto, in particolare se gran parte del mercato è “falso”.

A loro volta, le aziende evitano di accettare le criptovalute come mezzo di pagamento. E così via, mantenendo l’adozione della crittografia a un livello limitato.

Opposizione governativa

Governi. I governi non amano particolarmente la criptovaluta, in gran parte perché minaccia il loro monopolio sul denaro. Se una criptovaluta come Bitcoin dovesse sostituire una valuta fiat preesistente come principale (o unica) forma di denaro all’interno di una nazione, il governo e la banca centrale di quella nazione non sarebbero in grado di emettere nuova moneta. Ciò minerebbe seriamente la capacità di un governo di espandere l’offerta di moneta durante i periodi di contrazione economica, il che renderebbe probabilmente quel governo meno in grado di mantenere la stabilità economica e politica.

Non c’è quindi da meravigliarsi che la maggior parte dei governi abbia adottato una visione molto cauta della criptovaluta. I ministri delle finanze del G7 hanno a lungo avvertito che le criptovalute potrebbero destabilizzare l’economia globale, mentre anche Donald Trump ha sostenuto che le criptovalute non sono davvero denaro.

Molti governi hanno anche proposto leggi e linee guida che limitano le criptovalute in qualche modo. La Russia ha recentemente approvato una legge che impedisce alle criptovalute di essere utilizzate per acquistare beni e servizi. In India è in fase di elaborazione una legge ancora più restrittiva.

Allo stesso tempo, pochissimi governi nazionali hanno intrapreso azioni legislative per incoraggiare attivamente l’uso della criptovaluta. Senza tale supporto, è improbabile che il pubblico in generale si riversi in massa sulle criptovalute.

Scalata

Supponendo una migliore reputazione e tolleranza (o supporto) governativo, molte criptovalute dovrebbero comunque affrontare un altro problema molto importante: l’incapacità di scalare.

Questo è uno dei maggiori problemi di Bitcoin. Può gestire circa 28 transazioni al secondo grazie all’aggiornamento SegWit, ma questo è ancora molto meno delle 65.000 richieste di Visa che può gestire come capacità teorica massima. Non è neanche lontanamente vicino al livello che sarebbe necessario affinché Bitcoin diventi una valuta ampiamente adottata.

La soluzione di secondo livello di Bitcoin, la Lightning Network, è ancora in fase di sviluppo e test. Promette transazioni istantanee teoricamente illimitate da elaborare off-chain, prima di essere inviate nuovamente alla blockchain di Bitcoin. Tuttavia, non esiste una chiara tabella di marcia per quando potrebbe essere ampiamente disponibile, con i ricercatori di sicurezza che trovano regolarmente bug nel suo codice..

Qualcosa di simile vale per altre criptovalute basate sul consenso proof-of-work, come Bitcoin. Detto questo, un numero crescente di criptovalute si basa ora su meccanismi di consenso proof-of-stake, con Ethereum che prevede un passaggio a un meccanismo PoS ad un certo punto nel 2020. Questi sono molto più bravi a scalare, ma le loro particolari proprietà e debolezze non sono ancora completamente note, con la ricerca che porta alla luce vulnerabilità su base semi-regolare..

Pseudo-criptovalute

Un altro grosso problema sono le valute digitali, che si tratti di valute digitali della banca centrale (CBDC) o valute digitali private come Libra di Facebook. Mentre questi possono potenzialmente aumentare la consapevolezza pubblica delle criptovalute decentralizzate come Bitcoin, possono anche ridurre la domanda per loro.

Questo è il punto di vista di un certo numero di economisti. John Vaz della Monash University ha recentemente dichiarato che Libra rimane la principale minaccia per Bitcoin, mentre l’incallito cripto-scettico Nouriel Roubini ha suggerito che “le valute digitali delle banche centrali distruggeranno bitcoin”.

La principale minaccia rappresentata dalle CBDC e dalle valute digitali private come Libra è che saranno centralizzate e, per estensione, più scalabili e più regolabili. Ciò li renderà utilizzabili agli occhi dei governi competenti e delle autorità finanziarie, che li spingeranno sul pubblico. Nel processo, l’appetito per le criptovalute reali potrebbe finire per essere ridotto.

Il dollaro USA

Infine, arriviamo forse al più grande ostacolo: il dominio e la forza del dollaro USA. Bitcoin è stato notoriamente creato all’indomani della crisi finanziaria del 2007-8, come risposta all’eccessiva stampa di denaro e all’inflazione senza fine. I campioni di Bitcon e di altre criptovalute a fornitura fissa sostengono che le loro criptovalute deflazionistiche sono più attraenti delle valute legali come il dollaro USA, che non memorizzano anche valore.

Tuttavia, finora il dollaro USA non ha subito il tipo di crollo su cui contano molti Bitcoiner. Mentre le valute più deboli come il bolivar venezuelano sono diminuite drasticamente e hanno aperto le porte a Bitcoin, il dollaro USA e le altre principali valute mondiali stanno resistendo.

Con la pandemia di coronavirus che ancora infuria e le tensioni USA-Cina in aumento, il mondo sembra diventare sempre più instabile. Non è quindi certo che il dollaro USA possa sfuggire a un’inflazione significativa nel lungo periodo. Ma per ora, l’inflazione è stata bassa per diversi anni, e questo è un altro grande motivo per cui non abbiamo visto una massiccia fuga verso le criptovalute. Ancora.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels pavel danilyuk 7594225

Perché esistono così tante versioni di Bitcoin?

invest crypto 24

INDICATORE DI TRADING FIBONACCI: guida definitiva per principianti