in

Rischio di controparte: cos’è e come affrontarlo

Quando una banca concede un prestito a uno dei suoi clienti, la banca si assume il rischio di controparte. Dopo tutto, c’è il rischio che il loro cliente non sia in grado di rimborsare il prestito. Questo funziona anche nella direzione opposta.

Quando un cliente di una banca effettua un deposito, si assume il rischio di controparte in quanto la banca potrebbe fallire e perdere i soldi del cliente (anche se cose come l’assicurazione FDIC hanno lo scopo di limitare questo rischio).

Esistono anche forme di rischio di controparte quando si investe in attività come obbligazioni societarie e altre forme di obbligazioni. I rendimenti associati a un’obbligazione sono generalmente una misura del rischio associato a tale obbligazione.

Più rischio porta a potenzialmente più ricompensa attraverso un premio di rischio più elevato.

Bitcoin come soluzione al rischio di controparte

Bitcoin è stato creato come soluzione a una serie di problemi che coinvolgono il rischio di controparte nel denaro digitale.

Il commercio su Internet è arrivato a fare affidamento quasi esclusivamente su istituzioni finanziarie che fungono da terze parti fidate per elaborare i pagamenti elettronici”, si legge nel white paper originale di Bitcoin.

Mentre il sistema funziona abbastanza bene per la maggior parte delle transazioni, soffre ancora delle debolezze intrinseche del modello basato sulla fiducia”.

Prima di Bitcoin, non esisteva una vera forma di denaro digitale. L’unica cosa che era possibile era archiviare IOU per dollari o altre valute legali con un istituto finanziario di terze parti. Questa terza parte era un obiettivo per le autorità di regolamentazione di tutto il mondo e, in qualsiasi momento, il denaro di un individuo o di un’entità detenuto presso queste terze parti poteva essere sequestrato o bloccato dall’invio a destinazioni di pagamento specifiche.

Con Bitcoin, l’idea è che non vi è alcun rischio di controparte coinvolto nel sistema monetario digitale. Quando gli utenti memorizzano Bitcoin nei propri portafogli a livello di rete di base, non esiste una terza parte che possa sequestrare i Bitcoin dell’utente o censurare le loro transazioni.

Principali eventi storici che coinvolgono il rischio di controparte

Le inadempienze dovute a errori di calcolo del rischio di controparte sono piuttosto diffuse nel corso della storia finanziaria. Diamo un’occhiata a due esempi.

Il catalizzatore chiave della Grande Recessione è stata una cattiva gestione dei potenziali rischi associati alle obbligazioni di debito collateralizzate (CDO). In breve, i mutui che comportano diversi livelli di rischio sono stati cartolarizzati in CDO che hanno ricevuto rating elevati da varie agenzie di rating. Ciò ha creato una discrepanza tra le attività sottostanti e il livello di rischio di controparte che si pensava fosse associato a tali attività. Le banche erano altamente esposte a questi CDO, quindi quando i mutuatari ipotecari hanno iniziato a fare default, le banche sono state lasciate in difficoltà per le perdite. Ciò ha portato a un grave collasso dell’economia generale.

Nel 1944, la Conferenza di Bretton Woods pose le basi per il dollaro USA per diventare la principale valuta di riserva del mondo. Durante la conferenza, gli Stati Uniti hanno promesso di consentire sempre ad altri paesi di riscattare un’oncia d’oro in cambio di $ 35. Nei due decenni successivi, gli Stati Uniti hanno creato molti più dollari di quanti ne avessero in oro. Se ogni paese fosse venuto negli Stati Uniti nel tentativo di riscattare i propri dollari in oro allo stesso tempo, gli Stati Uniti non sarebbero stati in grado di fornire a ciascun paese la giusta quantità di oro al peg di $ 35 per oncia. Questo è il motivo per cui, nel 1971, il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon chiuse la finestra dell’oro e non permise più ai paesi di scambiare i loro dollari con l’oro al tasso precedentemente concordato. Il rischio di controparte che esisteva nel sistema di Bretton Woods era che gli Stati Uniti non avrebbero onorato la loro parte dell’accordo (consentendo sempre il rimborso di un’oncia d’oro in cambio di $ 35), e gli Stati Uniti alla fine non avrebbero rispettato i loro obblighi.

Il rischio di controparte esiste ancora nella criptovaluta

Non ci è voluto molto perché varie forme di rischio di controparte si insinuassero nell’ecosistema Bitcoin, con l’esempio più ovvio degli scambi centralizzati che consentono agli utenti di accedere a Bitcoin in primo luogo. Quando gli utenti di Bitcoin consegnano i loro Bitcoin a uno scambio simile a un custode, il rischio di controparte viene reintrodotto nel sistema. Alcuni esempi di tali rischi sono l’hacking, la perdita di Bitcoin degli utenti o l’affrontare altri problemi che porterebbero l’Exchange a non rispettare il loro obbligo di consegnare i Bitcoin dei loro utenti su richiesta.

Ci sono stati molti esempi di crolli dello scambio di Bitcoin nel corso degli anni, con Mt. Gox che è l’esempio più importante.

Più recentemente, sono stati apportati miglioramenti in termini di limitazione del rischio di controparte associato agli scambi. I contratti intelligenti come quelli che si trovano nel Lightning Network e nel protocollo Arwen possono essere utilizzati per limitare l’esposizione degli utenti al rischio di controparte durante il trading in borsa. Questo tipo di soluzioni rende effettivamente gli scambi non custoditi. Ci sono anche scambi decentralizzati, che risolvono il problema di un punto centrale di errore. Una di queste soluzioni si chiama Bisq, uno scambio decentralizzato.

Si potrebbe notare che alcune persone sostengono che i minatori sono anche una fonte di rischio di controparte per gli utenti di Bitcoin, il che è in parte vero. I minatori hanno la possibilità di censurare i pagamenti o riordinare la cronologia delle transazioni; tuttavia, il sistema Bitcoin è impostato in modo da incentivare i minatori a non agire in questo modo. I minatori che attaccano Bitcoin sarebbero effettivamente una situazione in cui stanno attaccando la propria fonte di entrate.

Come nota finale sul rischio di controparte in Bitcoin, è interessante sottolineare che ci sono stati casi in cui la criptovaluta ha aumentato il rischio di controparte per le istituzioni nel sistema finanziario tradizionale. Ad esempio, gli emittenti di carte di credito hanno bloccato gli acquisti di Bitcoin e altre attività crittografiche tramite carte di credito nel 2017 a causa della percezione che ci fosse semplicemente troppo rischio di controparte nel consentire ai mutuatari di acquistare Bitcoin direttamente con una carta di credito.

Rischio di controparte nei contratti intelligenti e nella DeFi

Come accennato in precedenza, i contratti intelligenti più avanzati sono in procinto di rimuovere alcuni dei punti chiave nell’ecosistema Bitcoin in cui esiste ancora il rischio di controparte. Ci sono state una varietà di piattaforme focalizzate su questo tipo di contratti intelligenti nel corso degli anni, con uno di loro chiamato anche “Controparte”.

Questi tipi di reti di criptovaluta alternative si concentrano sulla sostituzione di più funzioni del sistema finanziario tradizionale con alternative decentralizzate. Questo è noto come il movimento della finanza decentralizzata (DeFi).

Mentre alcuni sistemi DeFi, come Lightning Network di Bitcoin e vari scambi decentralizzati, sono in grado di apportare miglioramenti che aiutano a limitare il rischio di controparte, ci sono alcune applicazioni DeFi, vale a dire quelle che si basano sull’uso di un oracolo, che riportano il tipo di rischio di controparte trovato nel sistema finanziario tradizionale nel mondo delle criptovalute.

Esempi di applicazioni DeFi che si basano sull’uso di oracoli includono stablecoin e protocolli di scommesse decentralizzati. Il problema principale con queste applicazioni è che le reti di criptovaluta non hanno alcuna conoscenza del mondo esterno, quindi se qualcuno vuole creare un contratto intelligente che aggancia alcuni Bitcoin o Ether a un asset stabile come il dollaro USA, allora la blockchain avrà bisogno di un modo per accedere a quei dati. È qui che entra in gioco l’oracolo.

Gli oracoli vengono utilizzati per far conoscere alla blockchain cose come l’attuale tasso di cambio BTC / USD, l’esito delle ultime elezioni presidenziali statunitensi e chi ha vinto la partita di basket NBA di ieri sera. Ovviamente, questo oracolo potrebbe essere corrotto o hackerato, portando all’aggiunta di informazioni errate alla blockchain. Mentre ci sono stati molti tentativi di decentralizzare i rischi di controparte associati agli oracoli, non è chiaro se emergerà una soluzione che farà sentire le persone a proprio agio nell’affidare a questi sistemi Oracle grandi quantità di denaro.

Chiaramente, un Bitcoin legato a un contratto intelligente che lo aggancia a un asset del mondo reale contiene più rischio di controparte di un Bitcoin memorizzato da solo in un portafoglio personale.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels worldspectrum 1097946

Bridge di criptovaluta: cosa sono e come funzionano

pexels tima miroshnichenko 6694535

Acquistare Bitcoin in modo anonimo e in contanti