in

Tassazione criptovaluta in Irlanda: come funziona

Il governo irlandese sta prendendo provvedimenti per rendere l’Irlanda un leader globale nei servizi finanziari e “per dimostrare il suo sostegno allo sviluppo e all’adozione di nuove tecnologie, inclusa la blockchain, come un modo per incoraggiare la digitalizzazione e promuovere l’innovazione”.

 L’  Irlanda deve ancora attuare un regime normativo per le criptovalute, optando invece per un approccio attendista.  

Nel 2018, il Dipartimento delle finanze ha pubblicato un documento di discussione sulle risorse virtuali.  Una delle considerazioni chiave che ha rilevato è stata la necessità di un “ambiente legale e normativo chiaro per garantire la conformità quando si investe in attività collegate alla blockchain [e] una guida in relazione a questioni fiscali e di protezione dei consumatori”.

 

Il governo ha introdotto un gruppo di lavoro intra-dipartimentale per identificare i rischi e le opportunità economiche per l’Irlanda, monitorare gli sviluppi nelle valute virtuali e valutare se sono necessarie raccomandazioni politiche.  

II. Trattamento fiscale dei premi di blocco

Non esistono leggi o regole fiscali in Irlanda che si applicano specificamente alle criptovalute.  L’attuale struttura fiscale, come l’imposta sul reddito, l’imposta sulle società e l’imposta sulle plusvalenze, si applica alle criptovalute e alle criptovalute, con un’imposta particolare che dipende dalle attività per le quali le attività sono utilizzate e dalla natura del contribuente.

 Pertanto, eventuali profitti e perdite delle transazioni in criptovaluta sono contabilizzati utilizzando la regola dell’imposta sul reddito o dell’imposta sulle società che deve essere determinata sui singoli fatti del caso.   L’imposta sulle società non consente alle società di preparare i propri conti in criptovalute, pertanto durante la preparazione dei conti devono essere utilizzate valute funzionali.  

Eventuali profitti sono soggetti all’imposta sulle plusvalenze per una persona fisica o all’imposta sulle società per una società e le perdite possono essere ammortizzate.

 L’Office of Revenue Commissioners’ Tax and Duty Manual rileva che i profitti e le perdite sulle criptovalute sono addebitabili o ammissibili per l’imposta sulle plusvalenze per le persone fisiche o per l’imposta sulle società sulle plusvalenze imponibili se maturano per una società.  Il Manuale rileva inoltre che “i profitti e le perdite di un’attività non registrata sulle transazioni di criptovaluta devono riflettersi nei loro conti e saranno tassabili secondo le normali regole [imposta sul reddito]”. 

The Tax and Duty Manual rileva che, nonostante una sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea secondo cui bitcoin costituisce una valuta ai fini dell’imposta sul valore aggiunto (IVA), le criptovalute sono considerate strumenti negoziabili per i portafogli dell’IVA e sono quindi esenti, nella maggior parte dei casi, da questa tassa. L’esenzione dall’IVA si applica anche ai servizi finanziari che scambiano bitcoin con valuta fiat, a condizione che la società che effettua lo scambio acquisti e venda criptovalute in qualità di proprietaria.  Eventuali beni venduti, o servizi prestati, in cambio di criptovalute sono soggetti ad IVA. La base imponibile è calcolata dal valore della criptovaluta al momento della transazione.  Poiché il valore delle criptovalute può variare tra diversi scambi, “[a] dovrebbe essere fatto uno sforzo ragionevole per utilizzare una valutazione appropriata per la transazione in questione”. 

A. Estrazione

Non ci sono leggi o regole fiscali che si applicano specificamente all’estrazione di criptovalute in Irlanda. Se vengono estratte valute virtuali, qualsiasi risorsa virtuale acquisita a seguito dell’estrazione mineraria può essere soggetta all’imposta sulle plusvalenze. L’unica guida dell’Ufficio delle autorità fiscali sull’attività mineraria, contenuta nel Manuale delle imposte e dei dazi, rileva che qualsiasi reddito ricevuto dall’attività mineraria è in genere “fuori dal campo di applicazione dell’IVA sulla base del fatto che l’attività non costituisce un reddito economico attività ai fini IVA”.   

Non sembrano esserci leggi o politiche fiscali specifiche in Irlanda sugli airdrop di criptovalute. L’imposta può essere addebitata a seconda delle circostanze dell’airdrop. Inoltre, non sembrano esserci leggi o politiche fiscali specifiche che si applicano allo staking o alla falsificazione di criptovalute per la prova di puntata o ai fork nelle blockchain.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Quanto dovresti risparmiare ogni mese?

Quanto dovresti risparmiare ogni mese?

Recensione di Simplifi: cos’è, come funziona, è affidabile?

Recensione di Simplifi: cos’è, come funziona, è affidabile?