in

Tassazione criptovaluta in Singapore: come funziona

Nell’aprile 2020, l’Inland Revenue Authority di Singapore (IRAS) ha emesso una guida sul trattamento fiscale dei token digitali, che è stata recentemente rivista nell’ottobre 2020. Secondo l’ IRAS e-Tax Guide: Income Tax Treatment of Digital Tokens (Income Tax Guide), un token di pagamento digitale, come Bitcoin o Ether, non è emesso da alcun governo e non ha corso legale. IRAS considera un token di pagamento digitale come una proprietà immateriale, poiché di solito rappresenta un insieme di diritti e obblighi e non ha una forma fisica. “Pertanto, le transazioni che comportano l’uso di token di pagamento come pagamento di beni o servizi sono considerate scambi commerciali e il valore dei beni o servizi trasferiti dovrebbe essere determinato al momento della transazione”.

 

Singapore ha approvato una legislazione per regolamentare i servizi di scambio e scambio di criptovalute. Secondo il Payment Services Act emanato nel 2019, un “token di pagamento digitale” significa qualsiasi rappresentazione digitale di valore (diversa da una rappresentazione digitale esclusa di valore) che:

a) è espresso in unità;

(b) non è denominato in alcuna valuta e non è ancorato dal suo emittente ad alcuna valuta;

(c) è, o intende essere, un mezzo di scambio accettato dal pubblico, o da una parte del pubblico, come pagamento di beni o servizi o per l’estinzione di un debito;

(d) possono essere trasferiti, archiviati o scambiati elettronicamente; e

(e) soddisfi le altre caratteristiche eventualmente prescritte dall’Autorità

II. Trattamento fiscale dei premi di blocco

A. Tassazione dei token ricevuti tramite l’estrazione mineraria

Secondo la Guida all’imposta sul reddito, i profitti di un minatore dalla cessione dei gettoni di pagamento ricompensati che ha ricevuto attraverso l’attività mineraria, compresi quelli ottenuti da un pool minerario, sono tassabili se il minatore svolge l’attività di estrazione con l’intenzione di trarre profitto. Se si valuta che un minatore operi in natura, i guadagni derivanti dalla cessione dei token di pagamento sarebbero tassabili e le perdite sarebbero deducibili. Tuttavia, se il miner esegue il mining come hobby o per detenere i token estratti come investimento a lungo termine, i guadagni di cessione dei token di pagamento non sono tassabili.  

Una società impegnata in attività minerarie è considerata un’impresa mineraria e si applicheranno le norme fiscali generali, poiché una società è generalmente costituita con un motivo di ricerca di profitto. Sarà tassato sui profitti derivanti dalla vendita di token di pagamento estratti al momento dello smaltimento dei token. Le spese minerarie sono deducibili. 

Un individuo impegnato in attività minerarie, d’altra parte, si presume che intraprenda l’attività per hobby. I guadagni derivanti dalla vendita dei token di pagamento estratti sono trattati come plusvalenze e non sono tassabili. Tuttavia, se un individuo mostra uno sforzo abituale e sistematico per trarre profitto dalle attività, può essere considerato come se svolga una vocazione di minatore e i suoi profitti dalla vendita dei token estratti saranno soggetti a tassazione. 

I profitti del minatore dai token di pagamento premiati, se presenti, saranno tassati nel punto di disposizione dei token e non nel momento in cui i token vengono estratti con successo. La Guida all’imposta sul reddito spiega che ciò è dovuto al fatto che mentre il minatore ha il diritto di possedere un token di pagamento al momento dell’estrazione con successo, non si ottiene alcun reddito semplicemente tenendo il token di pagamento. 

B. Imposta sul valore aggiunto

L’IRAS ha anche pubblicato una guida sul trattamento dell’imposta su beni e servizi (GST, imposta sul valore aggiunto di Singapore) dei token di pagamento digitali. Ai sensi della Guida e-Tax IRAS: GST: Digital Payment Tokens pubblicata a novembre 2019 (GST Guide), e in vigore dal 1 gennaio 2020, le forniture di token di pagamento digitali non sono più soggette a GST, mentre il trattamento GST per altri token, valute virtuali o criptovalute che non si qualificano come token di pagamento digitale rimangono invariati.  Prima del 2020, una fornitura di criptovalute era trattata come una prestazione di servizi imponibile e una persona che forniva criptovalute nel corso o nel proseguimento di un’attività, ad esempio vendendole su scambi di criptovalute, era responsabile della registrazione GST se il fatturato dalle transazioni di criptovaluta ha superato il milione di dollari di Singapore (circa US $ 753.466). 

Secondo la Guida GST, l’estrazione di token di pagamento digitali non costituisce una fornitura ai fini della GST. Questo perché, nel processo di mining, generalmente non esiste uno stretto nesso tra il servizio fornito dal miner alle persone le cui transazioni sono verificate e il premio del blocco, e non sono identificabili nemmeno le parti che pagano i token estratti.  Tuttavia, se un minatore fornisce servizi a una o più parti identificabili in cambio di un corrispettivo, come una commissione o una commissione di transazione, ciò costituisce una prestazione di servizi imponibile.

La Guida GST afferma inoltre che,

La successiva vendita o trasferimento dei token di pagamento digitali estratti a un cliente appartenente a Singapore da parte del minatore sarà una fornitura esente se la fornitura avviene a partire dal 1° gennaio 2020. Se i token di pagamento digitali estratti vengono scambiati con beni o servizi su o dopo il 1 gennaio 2020, il minatore non sarà considerato come fornitore dei token. 

C. Prova di staking

L’IRAS non sembra aver fornito indicazioni specifiche sui token ricevuti tramite lo staking. La Income Tax Guide e la GST Guide definiscono il termine “mining” come “[un] processo mediante il quale le transazioni di token digitali vengono verificate e aggiunte alla blockchain e il mezzo attraverso il quale vengono rilasciati nuovi token digitali”.  

III. Token ricevuti tramite Airdrop e Hard Fork

A. Airdrop

La Guida all’imposta sul reddito definisce gli airdrop come segue:

Un airdrop è la distribuzione di token senza compenso (cioè gratuitamente), generalmente intrapresa come strumento di marketing con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza di un nuovo token, in particolare tra gli “influencer”, e aumentare la liquidità nelle prime fasi di un nuovo token progetto.

Secondo la Guida, se il token di pagamento non viene ricevuto in cambio di beni o servizi prestati, non sarebbe considerato reddito del destinatario e quindi non è imponibile. Tuttavia, se l’airdrop è stato dato in cambio o in attesa di un servizio, potrebbe essere considerato un reddito soggetto a tassazione. 

B. Hard Fork

La Guida IRAS definisce gli hard fork come segue:

Un hard fork è la suddivisione di un token di pagamento esistente per creare un secondo token di pagamento che opera separatamente e insieme al token originale. Lo scopo di un hard fork è generalmente di natura tecnica e può essere utilizzato per correggere importanti rischi per la sicurezza nelle versioni precedenti, aggiungere nuove funzionalità o annullare determinate transazioni. I titolari del token di pagamento esistente potrebbero finire per ricevere un secondo token di pagamento gratuitamente.

Secondo la Guida, questo può essere visto come una manna per il destinatario poiché ha ricevuto il token aggiuntivo senza fare nulla in cambio. La ricezione di token di pagamento tramite un hard fork non è quindi tassabile per il destinatario al momento della ricezione, poiché non si tratta di un reddito. Tuttavia, se il destinatario negozia token di pagamento, i guadagni derivanti dalla successiva cessione dei token (compresi i token ricevuti tramite un hard fork o un airdrop) saranno tassabili. 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
I migliori ETF sull’energia per il terzo trimestre del 2021

I migliori ETF sull’energia per il terzo trimestre del 2021

Evgeny Chichvarkin : biografia, famiglia, salario e patrimonio

Evgeny Chichvarkin : biografia, famiglia, salario e patrimonio