in

Tassazione criptovaluta in Svezia: come funziona

Le criptovalute non sono riconosciute come strumento finanziario o valuta ufficiale in Svezia.  [1] 

La Svezia tassa il reddito da lavoro ( tjänst ), l’attività commerciale ( näringsverksamhet ) e le plusvalenze, tra le altre cose, attraverso la legge sull’imposta sul reddito.  [2]  Ai fini fiscali, al momento della vendita, le criptovalute sono considerate “altre attività” come disciplinato nel capitolo 52 della legge sull’imposta sul reddito,  [3]  che prevede che il profitto realizzato al momento della vendita debba essere tassato, analogamente alle plusvalenze.  [4] L’    estrazione di criptovalute si qualifica come reddito derivante da un hobby, a meno che non venga effettuata su scala commerciale.  [5] 

La Corte suprema amministrativa (Högsta förvaltningsdomstolen) ha stabilito che qualsiasi profitto realizzato vendendo Bitcoin è soggetto a tassazione come plusvalenza.  [6]  Pertanto, la vendita di criptovaluta è soggetta alla disposizione sulle plusvalenze nella legge sull’imposta sul reddito.  [7] 

L’autorità fiscale svedese ha creato uno strumento online per il calcolo e la segnalazione di criptovalute a fini fiscali.  [8]  Tutte le detenzioni di criptovalute devono essere segnalate nella dichiarazione dei redditi annuale.  [9] 

II. Trattamento fiscale dei premi di blocco

A. Trattamento fiscale delle criptovalute estratte e in stake

L’autorità fiscale svedese ha emanato linee guida sulla tassazione del mining di criptovalute.  [10]  In conformità con le linee guida, le criptovalute estratte su scala personale sono considerate reddito da un hobby e soggette a imposta sul reddito in base al valore di mercato corrente al momento in cui vengono estratte come reddito personale da lavoro ( tjänst ).  [11]  L’attività mineraria su larga scala può essere considerata un’attività commerciale ed è tassata in quanto tale ( inkomst av näringsverksamhet ). [12] L’attività commerciale è definita come “attività svolta in modo professionale e indipendente”.  [13] L’autorità fiscale svedese ha inoltre stabilito che per valutare se l’attività è professionale e indipendente, l’attività deve qualificarsi come “attività che è distinguibile come condotta in modo duraturo, indipendente e al fine di realizzare un profitto”.  [14]  Per essere qualificata come commerciale, l’attività deve soddisfare tutte e tre le condizioni.  [15] Le  attività di hobby svolte a scopo di lucro per un periodo di tempo più lungo sono generalmente considerate attività commerciali.  [16]  L’autorità fiscale svedese considera specificamente le seguenti circostanze, tra le altre, nel determinare se l’estrazione di criptovalute è un hobby o un’attività commerciale:

  • Che l’attività sia svolta in modo regolare, professionale ed efficiente in termini di costi per un periodo di tempo più lungo con attrezzature adeguate.
  • Che l’attività possa generare un surplus come determinato durante l’intero periodo di calcolo finanziario.
  • Che la capacità di calcolo dell’apparecchiatura possa generare più di 25 bitcoin all’anno (o un importo equo sotto forma di commissioni di transazione o altra valuta virtuale).  [17] 

Le criptovalute in stake non sono direttamente affrontate dalle linee guida. Sembra che l’autorità fiscale svedese non abbia rilasciato altre dichiarazioni relative alle criptovalute in stake. I fornitori di servizi che pubblicizzano servizi fiscali in relazione alle criptovalute sembrano trattare le valute in stake in modo simile all’estrazione mineraria a fini fiscali.  [18]  Tuttavia, un’altra interpretazione di un fornitore di servizi fiscali descrive il trattamento fiscale dei premi di staking come segue: “Lo staking nel mondo delle criptovalute equivale a prestare il tuo criptoasset e secondo l’autorità fiscale svedese questi saranno tassati come vendite durante il prestito e come acquisti quando tu stesso prendi in prestito o ricevi indietro la precedente criptovaluta prestata.”  [19] Questa interpretazione comporterebbe una situazione fiscale diversa rispetto a se trattata come criptovalute estratte. Se considerate criptovalute estratte, la criptovaluta puntata sarebbe tassabile come reddito (reddito personale o attività commerciale a seconda della scala) al momento della ricezione, mentre se simile a un acquisto, la ricevuta non sarebbe tassabile.  [20] 

B. Trattamento fiscale dei token ricevuti tramite “Airdrops” e “Hard Forks”

L’autorità fiscale svedese non ha emesso linee guida che riguardano specificamente airdrop o hard fork. Lo status fiscale dei beni ottenuti con questi mezzi dipenderà da quale forma di reddito sono considerati simili. Se l’airdrop o l’hard fork, per sua natura, è simile al mining, la ricezione tramite airdrop o hard fork sarebbe considerata reddito da hobby (o attività commerciale se svolta su scala più ampia) e soggetta alla tassa corrispondente.  [21]  Se invece sono considerati regali, la criptovaluta non sarà tassata al momento dell’acquisizione, poiché i regali non sono soggetti a tassazione in Svezia.  [22] 

I fornitori di servizi fiscali svedesi specializzati in tasse relative alla criptovaluta sembrano avere opinioni diverse su questo tipo di attività. Ad esempio, il tax provider Monotax fornisce le seguenti indicazioni sul proprio sito web:

Come viene calcolata la tassa per mining, staking, air drop e fork?

Secondo le stesse regole che si applicano agli altri redditi. Devi dichiarare il valore di mercato di queste criptovalute al momento della ricezione, quante ne hai ricevute e quando le hai ricevute. È un reddito regolare nella misura in cui è la tua attività principale, potresti anche dover pagare le tasse sui salari dei dipendenti.  [23] 

Pertanto, Monotax identifica lo staking, gli airdrop e le fork con il mining, che è soggetto all’imposta sul reddito come descritto nella parte II (A) di cui sopra.

Altri commentatori svedesi della tassa sulle criptovalute hanno spiegato che gli airdrop e gli hard fork dovrebbero essere considerati regali:  [24]  ”Airdrop o hard fork sono considerati regali del proprietario della blockchain e sono molto spesso un trucco per le pubbliche relazioni. Non paghi alcuna tassa sul dono e non è fino a quando non vendi [il criptoasset] che paghi le tasse sul profitto. La base di costo è zero.”  [25] 

Pertanto, la determinazione del fatto che la ricezione di criptovalute tramite airdrop o fork sia un evento tassabile dipenderà probabilmente dalla frequenza e dal motivo per cui il contribuente le riceve e se il contribuente ha svolto attività per loro. Ad esempio, una persona le cui attività si qualificano come attività commerciale sembra improbabile che le sue ricevute di criptovalute siano considerate regali, perché l’autorità fiscale svedese probabilmente considererebbe la ricevuta come un evento direttamente collegato all’attività commerciale e non come un evento completamente separato evento.  [26] 

Se considerato un regalo, una persona che riceve una criptovaluta airdrop o un criptoasset forked non dovrà pagare alcuna tassa su di essa al momento della ricezione.  [27]    Tuttavia, quando viene venduto o utilizzato, il proprietario deve pagare l’imposta sulle plusvalenze sul “profitto” realizzato dalla vendita.  [28] Pertanto, al momento della vendita, un asset airdrop o hard fork genererebbe una tassa del 30% sul profitto. Nella misura in cui gli airdrop e gli hard fork sarebbero considerati regali, la base di costo per le attività sarebbe pari a zero e l’intero importo per il quale l’attività è venduta sarebbe tassabile. Ad esempio, un criptoasset ricevuto quando il prezzo di mercato equo è di $ 100 e venduto per $ 60 sarebbe tassabile al 30% di $ 60; anche se il valore dell’attività è diminuito, l’operazione non si qualifica come una perdita ai fini fiscali, poiché il costo base dell’attività è zero.  [29] 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Dmitry Bukhman: biografia, famiglia, salario e patrimonio

Dmitry Bukhman: biografia, famiglia, salario e patrimonio

Tassazione criptovaluta in Venezuela: come funziona

Tassazione criptovaluta in Venezuela: come funziona