in

Tassazione criptovaluta in Venezuela: come funziona

In base al decreto 3196 dell’8 dicembre 2017,  [1]  il governo del Venezuela è stato autorizzato a creare la propria criptovaluta, il petro, che sarebbe stato fisicamente supportato da barili di petrolio venezuelani.  [2]  Un petro sarebbe sostenuto da un contratto di compravendita per un barile di petrolio venezuelano come quotato nel paniere di riferimento dell’OPEC, così come altre materie prime, tra cui oro, diamanti, gas e il minerale coltan.  [3] 

Tutte le criptovalute sono considerate un’attività finanziaria soggetta alle regole applicabili a tali attività ai sensi del Decreto 3196; nessuna delle sue disposizioni dichiara illegali le criptovalute diverse dal petro.  [4] 

Nel 2019 è stato emanato il Decreto Costituzionale sui Cryptoassets (CDCA) per fornire un quadro giuridico sulla creazione, circolazione, utilizzo e scambio di tutti i cryptoasset da parte di persone fisiche e giuridiche sia nel settore pubblico che in quello privato.  [5]  Assegna alla Soprintendenza Nazionale delle Criptovalute (Sunacrip) quale organismo che regola l’attività delle criptovalute, con i seguenti poteri:

  • regolamentare la costituzione, l’emissione, l’organizzazione, il funzionamento e l’uso di criptovalute,
  • creare ed emettere cryptoasset,
  • consentire il funzionamento di case di scambio virtuali in Venezuela che operano con criptovalute create dall’Esecutivo nazionale,
  • regolamentare il mercato delle criptovalute in Venezuela, l’uso e la creazione di portafogli virtuali, entità dedicate al risparmio e all’intermediazione virtuale di criptovalute e attività di mining virtuale.  [6] 

Il CDCA prevede che lo Stato venezuelano promuova, protegga e garantisca l’uso delle criptovalute come mezzo di pagamento nelle istituzioni pubbliche e nelle società private, miste o miste, sia all’interno che all’esterno del Venezuela.  [7]  Crea anche il sistema di registrazione per i minatori virtuali, le case di scambio virtuali e altre entità dedicate al salvataggio e all’intermediazione virtuale di criptovalute.  [8]  Anche i minatori di criptovaluta devono ottenere una licenza per operare.  [9] 

II. Trattamento fiscale dell’estrazione di criptovalute

Le normative venezuelane non hanno stabilito una posizione chiara sul modo in cui verranno tassati i criptoasset.  [10] 

Tuttavia, gli esperti fiscali ritengono che, in base alla legge sull’imposta sul reddito  [11]  e ai suoi regolamenti, le operazioni e le transazioni che coinvolgono la criptovaluta sarebbero tassate come plusvalenze, rispetto a qualsiasi criptoasset, incluso il petro.  [12] 

Secondo gli esperti fiscali, l’attività dei minatori e delle case di scambio virtuali è soggetta all’imposta sul reddito per la loro attività commerciale. Le risorse utilizzate dai minatori per generare le risorse digitali, come le apparecchiature tecnologiche utilizzate, sono soggette ad ammortamento o rivalutazione ai fini del calcolo dell’imposta sul reddito.  [13] 

Per quanto riguarda l’imposta sul valore aggiunto (IVA), il trasferimento di criptovalute tra utenti non dovrebbe essere soggetto a tale imposta, poiché il trasferimento di beni immateriali non è considerato operazioni di vendita.  [14]  Tuttavia, l’acquisizione di beni o servizi utilizzati nell’estrazione mineraria è soggetta a IVA.  [15] 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tassazione criptovaluta in Svezia: come funziona

Tassazione criptovaluta in Svezia: come funziona

Ledger Nano S: cos’è, come funziona, è affidabile?

Ledger Nano S: cos’è, come funziona, è affidabile?