in

Tessile cinese: l’unico che resiste alla crisi

Tessile cinese

Con i suoi capannoni fatiscenti, i suoi lavoratori sfruttati e sottopagati, a Prato si producono carichi di indumenti ogni 48 ore, vengono venduti a partire da 2,50 Euro, e fatturano 360 milioni di Euro all’anno sul mercato italiano (costituendo il 70% del giro d’affari).

Ed anche se la fattura dei capi è creata con tessuti import ed i sarti sono cinesi, il marchio finale può vantare il made in Italy, dato che gli abiti vengono effettivamente confezionati nello Stivale.

(Foto © Indika)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Piano casa, ora tocca alle Regioni

Orgoglio nazionale FIAT!