in

Tolleranza al rischio: cos’è e come funziona

Negli investimenti azionari, il rischio è inevitabile. Sapere come determinare il tuo livello di rischio ti aiuterà a gestire il tuo portafoglio e a prendere le giuste decisioni di investimento che sono giuste per te. E in questo articolo, ti aiuteremo a conoscere la tolleranza al rischio (tolleranza al rischio) negli investimenti azionari.

Cos’è la tolleranza al rischio?

La tolleranza al rischio è una misura per valutare la volontà di accettare il rischio degli investitori. Determinare la tolleranza al rischio aiuterà gli investitori a quantificare le loro decisioni di investimento, invece delle decisioni emotive.

A seconda di fattori come l’età, il reddito mensile, la stabilità del reddito, il livello di spesa rispetto al reddito, il volume dei beni personali, il tempo per raggiungere gli obiettivi, la conoscenza …

Gli investitori hanno una diversa tolleranza al rischio.

Normalmente, la tolleranza al rischio è classificata in 3 livelli:

  • Tolleranza al rischio aggressivo
  • Tolleranza al rischio moderata
  • Tolleranza al rischio conservativa

Di solito, i giovani che sono nuovi ai mercati finanziari tendono a fare trading attivo e hanno un’alta tolleranza al rischio. Nel frattempo, gli investitori più anziani tendono a ridurre la loro tolleranza al rischio a un livello inferiore.

Le persone con una grande quantità di capitale di investimento ma un alto livello di trading con un volume elevato avranno una tolleranza al rischio inferiore rispetto a qualcuno con la stessa quantità di capitale ma requisiti di investimento inferiori.

Oppure, in termini di stile di investimento, gli investitori a breve termine hanno un livello di rischio inferiore rispetto agli investitori a lungo termine.

La tolleranza al rischio è spesso correlata a fattori della psicologia degli investitori. Questo indicatore viene solitamente valutato in base alla percentuale di attività rischiose che gli investitori desiderano nel loro portafoglio.

Ad esempio, una persona che vuole allocare il 60% del suo patrimonio in azioni ha una maggiore disponibilità ad assumersi rischi rispetto a un investitore che vuole detenere solo il 10% delle azioni e il 90% dei titoli di stato.

Gestione del capitale basata sulla tolleranza al rischio

1. Alta tolleranza al rischio

Gli investitori aggressivi sono di solito quelli che hanno una buona comprensione delle tendenze del mercato e degli investimenti azionari. Ciò consente loro di negoziare strumenti altamente volatili, come società a piccola capitalizzazione o opzioni ad alto rischio. Con questi investitori, il profitto e il rischio sono entrambi impostati al massimo.

In poche parole, gli investitori con un’elevata tolleranza al rischio spesso mettono tutto il loro capitale nel mercato azionario, piuttosto che allocare i loro portafogli in obbligazioni o altre attività per limitare il loro investimento. controllo del rischio. Generalmente preferiscono investire in regioni ad alta crescita del mondo, come i mercati emergenti, i paesi BRIC o i paesi asiatici escluso il Giappone.

Possedere il 100% delle azioni nel tuo portafoglio significa anche un rischio elevato. Ecco perché, molti trader scelgono di versare denaro in fondi comuni di investimento con dozzine, centinaia di azioni diverse.

2. Tolleranza media al rischio

I trader a medio rischio spesso mescolano l’allocazione del portafoglio e l’equilibrio temporale. In particolare, invece di “mettere tutte le uova in un paniere”, gli investitori combineranno diverse classi di attività: azioni, fondi comuni di investimento e obbligazioni. Il periodo di investimento è solitamente a medio termine, della durata di 5-10 anni.

L’investitore medio amante del rischio in genere persegue una struttura 50/50, con metà del proprio portafoglio che è costituito da azioni in crescita o che pagano dividendi o fondi gestiti con azioni a grande capitalizzazione.

Le azioni a grande capitalizzazione attraggono questi investitori perché sono aziende in crescita con pagamenti di dividendi stabili.

3. Bassa tolleranza al rischio

Gli investitori conservatori con bassa tolleranza al rischio spesso danno la priorità alla conservazione del capitale rispetto ai rendimenti di mercato, disposti ad accettare poca o nessuna volatilità nei loro portafogli.

Pertanto, gli investitori conservatori spesso cercano di proteggere il valore dei loro portafogli acquistando titoli a basso rischio come titoli a reddito fisso, titoli di debito a breve termine, titoli dei colletti blu. -chip o azioni di società a grande capitalizzazione o certificati di deposito (CD) per la conservazione del reddito e del capitale.

Rispetto agli investitori attivi o all’investitore medio amante del rischio, gli investitori conservatori guadagnano molto meno rendimenti. Ma con il vantaggio della sicurezza, questo stile di trading è raccomandato per coloro che si avvicinano all’età pensionabile.

Come investitore, è necessario considerare il profitto e la perdita nel peggiore dei casi per classe di attività per calcolare la propria tolleranza al rischio. In tal modo, puoi orientare il tuo stile di trading e prendere decisioni più accurate ed efficaci.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
invest crypto 25

Dividendo: cos’è e come funziona

invest crypto 27

Azioni online: ecco come acquistarle