in

VIX o Indice di Volatilità: definizione e calcolo

Scopri tutto ciò che devi sapere sul VIX o Indice di volatilità, come i dati sulla sua interpretazione nel quadro delle tue strategie di investimento nei mercati. Se sei interessato alle attività di trading, potresti aver già sentito parlare del Volatility Index, noto anche con l’acronimo VIX. Ma in cosa consiste questo indice? Quando usarlo? Come interpretarlo per massimizzare l’efficacia dell’assunzione di posizione? Questo è ciò che vi proponiamo di scoprire qui in dettaglio.  

Cos’è l’indice di volatilità?

Il VIX o Volatility Index è un indicatore pubblicato nel 1993 dal Chicago Board Options Exchange, o CBOE. È, come indica il nome, un indicatore che ci consente di misurare la volatilità del mercato finanziario statunitense. Per calcolare e stimare questa volatilità, il VIX si basa essenzialmente  sull’indice azionario S & P500 .

In particolare, il CBOE effettua il calcolo di questo indicatore su base giornaliera. Nel tempo, è diventato sempre più popolare ed è seguito da molti investitori negli Stati Uniti oggi. Ancora meglio: è possibile scambiarlo come asset.

Questo indice VIX è anche conosciuto tra gli anglosassoni come “L’indice della paura”. La sua traduzione è semplicemente “l’indice della paura”. Questo nome eccentrico deriva dal fatto che l’indice di volatilità misura effettivamente il nervosismo dei mercati. All’inizio, il VIX è stato creato come indicatore, ma oggi è più considerato come un indice.

Per quanto riguarda il prezzo di questo indice, è espresso in punti percentuali. L’obiettivo del risultato ottenuto è di approssimare le variazioni dell’S & P 500 in un periodo di 30 giorni. Successivamente, il periodo è annualizzato.

Dopo il successo dell’indice di volatilità per l’S & P 500, altri indici di calcolo della volatilità sono stati sviluppati per altri mercati, come il VNX per  la volatilità del NASDAQ 100 o il VXD per misurare la volatilità  dell’indice Dow Jones Stock Exchange . Tuttavia, il VIX rimane l’indice di volatilità di riferimento quando si tratta del mercato statunitense.

Quando e perché è stato creato il Volatility Index, o VIX?

Se diamo uno sguardo più da vicino alla storia dell’analisi della volatilità del mercato, vediamo che il primo indice è stato creato nel 1986. In effetti, sono stati i professori Menachem Brenner e Dan Galai i primi a creare un tale indicatore di volatilità. Questi professori pubblicarono la loro ricerca sull’indice di volatilità in quel momento sotto il titolo “Nuovi strumenti finanziari per la copertura delle variazioni di volatilità” nel 1989. A quel tempo, l’indice di volatilità stabilito doveva portare il nome di “Indice Sigma”. All’epoca Brenner e Galai avevano previsto che questo indicatore sarebbe stato utilizzato come indice sottostante per i prodotti derivati, come principalmente futures e opzioni.

Successivamente, nel 1992, fu il CBOE, attraverso i lavori del professor Robert Whaley, ad avviare le indagini il cui obiettivo era creare un indice di volatilità che presentasse la particolarità di poter negoziare e che fosse indicizzato nel prezzo delle opzioni. Il professor Whaley impiegò solo un anno per finirlo e nel 1993 presentò un indice di volatilità chiamato VIX. A quel tempo presentava un indice di volatilità basato sui dati dal gennaio 1986 al 1993.

Come e perché scambiare VIX come asset azionario?

Come abbiamo appena visto, il VIX non è un semplice indicatore di volatilità, è anche un vero indice su cui puoi speculare direttamente. Per far funzionare VIX useremo l’analisi tecnica come priorità, poiché tutti gli strumenti di analisi grafica sono adattati in modo speciale.

I trader che utilizzano l’indice di volatilità come attività lo fanno quasi sempre nel quadro di una corretta gestione del denaro. Il VIX è qui utilizzato come indicatore di rischio. Ad esempio: supponiamo che la volatilità del mercato sia normale. Se prendi due lotti utilizzando i CFD, un VIX alto può spingerti a ridurre le tue posizioni e alla fine prendere solo un lotto. Sappiamo infatti che quando la volatilità è elevata, il rischio aumenta quasi sistematicamente. Pertanto, è preferibile mantenere un unico lotto per controllare meglio questo rischio. In effetti, spesso confrontiamo il VIX qui per misurare la deviazione standard , che serve anche per apprezzare la volatilità.

Puoi anche speculare sul prezzo VIX utilizzando prodotti derivati, che sono quasi sempre opzioni o futures. Questa possibilità esiste dal 24 marzo 2004 per i futures e questo indice è disponibile anche tramite opzioni dal 2006. Dopo che sono emerse queste possibilità di utilizzare il VIX come un’attività vera e propria, è stato osservato un aumento significativo delle transazioni. questi titoli, con più di 100.000 contratti al giorno a soli 5 anni dalla loro costituzione. Tuttavia, prima di iniziare a fare trading sul VIX, dovrai verificare che sia l’Indice di Volatilità che proponiamo qui, poiché alcuni broker propongono i propri indici di volatilità.

Infine, alcuni investitori esperti utilizzano anche un metodo di investimento basato sui ritmi del mercato. Sappiamo infatti, ad esempio, che durante alcuni periodi dell’anno, come tra il 15 luglio e il 15 agosto, o anche tra Natale e Capodanno, la volatilità non è solitamente presente nei diversi mercati. Quindi, se osserviamo che il VIX è alto quando si avvicinano questi periodi, è sensato assumere una posizione strategica per la vendita rispetto ad esso, cosa che significa vendere volatilità. Pertanto, un calo del prezzo di questo indice a causa di un basso volume di transazioni sarà redditizio e genererà profitti.

Come possiamo interpretare i risultati mostrati dall’indice di volatilità o dal VIX?

Per capire cosa ci dice il VIX in base al suo livello, è necessario approfondire la sua storia. Combinando i VIX calcolati in passato con le tendenze che ne sono seguite, è possibile stabilire un modello di analisi accurato. Vedremo ora come interpretare efficacemente questo indicatore:

Prima di tutto, quando il livello dell’Indice di Volatilità è compreso tra 10 e 15, significa che il mercato ha una volatilità piuttosto debole e che gli investitori sono abbastanza fiduciosi. La tendenza è quindi logicamente una tendenza al rialzo e dovresti preferibilmente prendere una posizione per acquistare.

Quando il VIX mostra un livello compreso tra 20 e 30, questo indica piuttosto un mercato con un’elevata volatilità e che presenta, quindi, un forte nervosismo. Tuttavia, il trend potrebbe continuare ad essere rialzista e in questo caso assumere una posizione strategica risulta essere un po ‘più delicato e rischioso.

Infine, quando il livello mostrato dall’Indice di volatilità è superiore a 30, ciò mostra una volatilità di mercato molto elevata. In questo caso, è comune vedere un calo significativo dei prezzi o anche una grave crisi.

Tuttavia, prima di basare le tue strategie di investimento esclusivamente su questo indicatore, dovresti sapere che il VIX non viene interpretato come tale. In effetti, la cosa più importante non è il livello dell’Indice di Volatilità, ma la sua evoluzione nel tempo. Le variazioni registrate dal VIX ti daranno informazioni più pertinenti riguardo al sentiment degli investitori sul mercato.

Pertanto, quando l’indice di volatilità tende ad evolversi più in alto, questo mostra nervosismo e pessimismo da parte degli investitori.

Al contrario, quando l’indice VIX tende a scendere, questo mostra un certo ottimismo del mercato.

Qual è stata l’evoluzione storica del prezzo dell’Indice di Volatilità o VIX?

Prima di iniziare a fare trading utilizzando l’indice VIX o utilizzandolo per le tue future strategie di trading, dovresti anche interessarti al suo track record. Dalla sua creazione, questo indice ha subito variazioni estremamente forti, soprattutto con punti di rialzo corrispondenti ad eventi importanti e periodi specifici dal punto di vista economico.

Infatti, abbiamo potuto osservare più volte un VIX il cui livello si è avvicinato o superato al livello di 40, qualcosa di eccezionale che quasi sempre indica un periodo di crisi importante dal punto di vista economico, con volatilità di mercato anormalmente forte.

El primer récord alcista de este índice tuvo lugar en el mes de agosto de 1998. El VIX era entonces de 44.28 debido a la crisis monetaria y financiera que afectó a Rusia en aquella época. En el mes de setiembre de 2002, el nivel del VIX también alcanzó un umbral alto de 39.69 en el marco del caso Enron. El nivel más alto de la historia de este índice fue, sin embargo, el que alcanzó durante la crisis de las subprimes, el 24 de octubre de 2008, con 79.13. Otros acontecimientos también hicieron que el índice experimentara un alza importante, como la crisis griega, donde se alcanzó un VIX de 40.95 en mayo de 2020, la crisis de la deuda soberana de la eurozona en agosto de 2011, con un nivel de 43.05, y otro de 42.96 en septiembre del mismo año y por las mismas razones. Para terminar, la pandemia de coronavirus también conllevó un VIX a más de 40 durante marzo del 2020.

Tenendo conto di questi dati storici, verifichiamo l’efficacia dell’Indice di Volatilità nei periodi di grave crisi economica.

Come viene calcolato l’indice VIX?

Per scavare un po ‘più a fondo, potresti chiederti come viene calcolato il livello dell’Indice di volatilità. In realtà, questa formula è troppo complessa per essere descritta in dettaglio qui. Tuttavia, quello che possiamo fare è dettagliare i diversi elementi che lo compongono:

La formula utilizza in particolare il futuro sull’S & P 500, che rappresenta la sua scadenza.

  • Il tasso privo di rischio alla scadenza.
  • Il prezzo di esercizio dell’opzione.
  • Il primo prezzo al di sotto dell’indice futuro per l’S & P 500.
  • La media del prezzo tra l’offerta e la domanda dell’opzione.
  • Scadenza.
  • L’intervallo tra due prezzi di esercizio.

Se vuoi saperne di più sulla precisa formula utilizzata nel calcolo dell’indice VIX, puoi consultare i documenti esplicativi che il CBOE mette a disposizione su questo indice. Questa documentazione è disponibile in inglese ed è l’unica fonte su questo indicatore. Tuttavia, e in modo generale, non è molto utile capire questa formula per conoscere e interpretare i risultati di questo indicatore, che fornirà qualsiasi piattaforma di trading online in tempo reale.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Metodi per sapere se un’azione è a buon mercato

Metodi per sapere se un’azione è a buon mercato

Come analizzare le maggiori azioni cinesi

Come analizzare le maggiori azioni cinesi